ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
«L’Udc fa gli interessi della lobby del petrolio»
I Verdi del Ticino reagiscono al video sulla legge sul Co2 diffuso oggi dal partito di Marco Chiesa.
FOTO
BELLINZONA
7 ore
Quei 3'145 voti di differenza: «Non me l'aspettavo»
Lo scarto tra Mario Branda - rieletto sindaco di Bellinzona - e il municipale Simone Gianini è diventato più ampio
FOTO
NOVAZZANO
7 ore
Icaro: il vitellone volante di Novazzano
Così è stato chiamato il bovino che nei giorni scorsi ha dato filo da torcere ai soccorritori della SPAB
CANTONE
8 ore
Traffico dell'ascensione molto più intenso del previsto
Secondo Viasuisse i tempi di attesa, che al Gottardo hanno sfiorato le due ore, sono quasi al livello pre-pandemia.
CANTONE/CONFINE
8 ore
In mutande in dogana, commercianti in protesta a Ponte Tresa
Il malcontento viene dall'obbligo di presentare un test, mantenuto anche per i vaccinati, per entrare in Italia.
CANTONE
13 ore
Mario Branda è sindaco di Bellinzona
Nella capitale Branda ha raccolto 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Simone Gianini
CANTONE
14 ore
Santa Chiara-Moncucco: un matrimonio «che non va a favore della popolazione»
La presa di posizione del Partito socialista ticinese dopo la decisione dell'assemblea degli azionisti
VIDEO
CANTONE/SVIZZERA
14 ore
Per l'UDC la Svizzera del 2030 sarà questa
Problemi con l'acqua calda, difficoltà nel caricare un tablet e viaggi praticamente impossibili (non per i rifugiati).
FOTO
ROVEREDO (GR)
15 ore
Un'auto rovesciata sul fianco a Roveredo
L'incidente si è verificato allo svincolo autostradale
CANTONE
15 ore
Sono 19 i nuovi contagi in Ticino, al ribasso i ricoveri
Nei nosocomi del nostro cantone si contano oggi un'ammissione e 2 dimessi. Una nuova classe in quarantena.
CANTONE
16 ore
In undici Comuni si sceglie il sindaco
La principale sfida è quella in corso a Bellinzona, dove il PLR Simone Gianini sfida il PS Mario Branda
CANTONE
17 ore
Verso lo sciopero femminista del 14 giugno: il programma ticinese
Vari eventi saranno organizzati a Bellinzona lungo l'intero pomeriggio
FOTO E VIDEO
BLENIO
1 gior
Auto in un burrone, morto il conducente
Il veicolo è uscito di strada in un tornante, facendo un volo di decine di metri.
CONFINE
1 gior
Dal peluche spunta un orologio d'oro
Un Ulysse Nardin San Marco è stato scoperto alla dogana di Oria Valsolda.
CANTONE
1 gior
Positivi ancora in calo: sono 25
Diminuisce la pressione sugli ospedali ticinesi: sono quattro i ricoverati in meno.
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Aziende di distribuzione elettrica nelle telecomunicazioni: Storni chiede lumi
Il consigliere nazionale socialista ha presentato un'interrogazione al Consiglio federale
CANTONE / ITALIA
1 gior
Posso andare in Italia? Sì, ma...
Da domani niente più obbligo di quarantena, ma sarà in ogni caso necessario un tampone negativo.
LOCARNO
2 gior
Santa Chiara-Moncucco: matrimonio ufficiale
I gruppi interessati all'acquisto della struttura locarnese erano tre. Gli azionisti puntano sulla Clinica Luganese.
CLARO
14.11.2018 - 09:010
Aggiornamento : 14:03

Mucche denutrite: ma ancora una volta è una “bufala”

Nuove accuse contro la fattoria della famiglia Zinetti. Interviene addirittura la Protezione Svizzera degli Animali. Tutto in regola. L’Unione Contadini Ticinesi: «Basta anonimato»

CLARO – Non saranno stinchi di santo. Ma forse non sono nemmeno quei demoni che alcuni vorrebbero fare credere. Sta di fatto che Umberto e Michela Zinetti, padre e figlia, agricoltori di Claro, sono di nuovo al centro di polemiche feroci. Stavolta l’accusa è quella di denutrire i propri animali. E così, da Basilea, arriva a sorpresa un esperto della protezione svizzera degli animali per analizzare la situazione. Lo specialista assolverà la famiglia Zinetti, valutando positivamente le condizioni delle bestie nella fattoria del Bellinzonese. Ancora una volta la polemica si smonta. «Ma noi siamo sempre più esasperati – dice Michela –. Qualcuno ci odia a morte».

Una vita di ripicche – Certo, di errori nella loro vita Michela e Umberto ne avranno fatti sicuramente. E sono i primi ad ammetterlo. Il loro, a volte, non è un carattere facile. Già nel 2006 la loro attività era finita al centro delle polemiche, dopo lo sfratto dalla masseria in cui lavoravano. Le bestie morivano, forse per l’inadeguatezza dello stabile, situato su un terreno di proprietà del Patriziato. Gli Zinetti ricominciano da capo. Ma le ripicche continuano. Per anni.

È un 2018 da incubo – A febbraio 2018, una segnalazione anonima  spinge il veterinario cantonale a intervenire. Alcune immagini ritraggono animali nel fango e al gelo. Anche quel caso si chiude con un nulla di fatto. Non è finita: tra la primavera e l’estate, Umberto e Michela subiscono un rogo e un furto di bestiame.

Bestiame promosso – Ora, la nuova denuncia, datata 8 ottobre 2018: i due contadini non darebbero sufficiente cibo agli animali. Le mucche sarebbero troppo magre. Eppure, il rapporto dettagliato firmato dal veterinario Martin Murer, parla chiaro. Mucche, cavalli, pecore, gatti. Tutto il bestiame viene controllato. «In generale – scrive Murer nel documento – gli animali erano in buono stato. Non è stata accertata alcuna violazione della protezione degli animali».

Quella disdetta che fa paura – «Vogliono farci sloggiare – aveva dichiarato a più riprese Michela –. Qualcuno è ingolosito dai nostri terreni. Perché sono bonificati e dunque attrattivi». E aggiunge: «Di recente abbiamo ricevuto la disdetta per un importante appezzamento. La mia famiglia lo curava da decenni. Siamo preoccupatissimi».

La punta dell’iceberg – La visita a sorpresa dell’esperto della protezione animali rappresenta solo la punta dell’iceberg in una situazione parecchio complessa. «È arrivato pochi giorni dopo quella ufficiale già effettuata dal Cantone. Anche in quel caso, non erano state registrate gravi irregolarità. È pazzesco quello che stiamo vivendo».

Un aiuto quando possibile – Le vicende della famiglia Zinetti sono ben note anche all’Unione Contadini Ticinesi. «Specialmente per alcune questioni legali o giuridiche non possiamo però fare molto – fa notare il segretario Sem Genini –. Il nostro aiuto si basa soprattutto sulla sensibilizzazione. Cerchiamo di favorire condizioni quadro generali che vadano in favore delle aziende. Per quanto riguarda i terreni che forse saranno sottratti alla famiglia, il nostro compito consiste nel cercare di fare capire ai proprietari che questo potrebbe comportare un danno enorme per l’azienda agricola».

Animali umanizzati – Nel settore dell’agricoltura una situazione come quella degli Zinetti non rappresenta una rarità. Quello che è certo è che casi analoghi generano burocrazia e costi spesso inutili. «Certamente è cresciuta la sensibilità della gente verso gli animali – commenta Genini –. A tratti si tende a umanizzarli. Magari li si vede in certe condizioni di vita e si ha una percezione diversa da quella che è la loro realtà effettiva».

Gli esperti non si discutono – Genini precisa, infine, una serie di aspetti fondamentali. «Esistono enti ufficiali preposti a determinati controlli. Come ad esempio l’Ufficio del veterinario cantonale. Se un esperto si reca sul posto e stabilisce che tutto è a norma, ci dovremmo attenere tutti a questa conclusione e non pensare che ci siano dietro strane congiure. In questa storia, così come in altre, noto che le denunce sono anonime, nessuno ci mette la faccia. E anche una volta che emerge una verità differente da quella ipotizzata dall’accusatore, non arrivano mai delle scuse. I costi, però, vanno sempre a pesare sulla comunità e sull’azienda agricola coinvolta. Anche se non ha colpe specifiche».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ul Gidio 2 anni fa su tio
Certo è,che il tempo e il denaro speso per difendersi, non verrà loro restituito. Per non parlare dei danni materiali, veri e propri vandalismi e delle umiliazioni patite! Brutto l'anonimato, ma ancora peggio, chi ci ha ricamato sopra e ha sfruttato la situazione.
TI.CH 2 anni fa su tio
Normalmente certa gente viene chiamata vigliacco o vigliacchi, per me certa gente meriterebbe un epitaffio un bel po' differente; la pertinacia con cui perseguitano questi contadini, e che dopo i controlli sono risultati in regola fa venir da pensare a certi fil Western dove il cattivo ne inventa di tutti colori per rubare la terra. Caro bell'imbuto denunciatore gratuito cerca di piantarla; oggi siamo nell'era del grande fratello ti beccheranno e ti spazzoleranno.
gabola 2 anni fa su tio
Ma visto l'anonimato di certi conigli,chi paga l'esperto arrivato da Basilea? Fuori i maroni e metteteci la faccia,non mollate
Tristano 2 anni fa su tio
Ma lasciate in pace sti contadini!!!
cacos 2 anni fa su tio
e ci risiamo con i ruffiani
mats70 2 anni fa su tio
Non conosco le persone che però mi sembrano in gamba e grandi lavoratori. Le persone che invece fanno denunce anonime abbiano la decenza di farsi riconoscere se credono di essere nel giusto
KilBill65 2 anni fa su tio
@mats70 Ben detto!!...Atto di vigliaccheria......
KilBill65 2 anni fa su tio
Ma che la smettano adesso!!...Hanno costatato che e' tutto a posto....Allora lasciateli in pace!!...Da quello che ho capito stanno facendo di tutto per fargli lasciare i terreni a chi a degli interessi. Famiglia Zinetti non mollate, spero che abbiate un bravo avvocato per far valere i vostri diritti!!...Auguri....
miba 2 anni fa su tio
Meno male che lo specialista/esperto è venuto da Basilea! Fosse stato del nostro cantone si sarebbe aperta una polemica nella polemica: è di parte, è di quel o quell'altro partito politico, andando a fondo ha interessi con questi e/o con quelli....ecc ecc ecc
matteo2006 2 anni fa su tio
@miba ... e soprattutto controllo a sorpresa.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 01:56:01 | 91.208.130.85