Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Le incognite sono troppe, Estival Jazz getta la spugna
A confermarlo è l'organizzatore Andreas Wyden: «Non poteva essere fatto così come lo conosciamo»
CONFINE
1 ora
Come mamma l'ha fatto, in pieno centro
Il giovane si è fatto una breve passeggiata, completamente nudo, prima che la Polizia lo portasse in Questura
CANTONE
1 ora
Allentamenti, Lega insoddisfatta: «Riaprire subito!»
Per il partito di via Monte Boglia il lockdown «non è più sostenibile» e nemmeno sostenuto dalla popolazione.
BELLINZONA
1 ora
Il Teatro Sociale è pronto a ripartire
La programmazione sarà ripresa al più presto, in ogni caso entro la fine di aprile
CANTONE
2 ore
Per Gastroticino è un passo avanti, ma è ancora troppo poco
Riaprono le terrazze di bar e ristoranti, ma non le sale interne. Rischioso, per Massimo Suter, sul fronte lavoro.
VACALLO
3 ore
La casa anziani “ha vinto”
Il Consiglio di Stato approva la variante di Piano Regolatore e respinge tre ricorsi
LUGANO
4 ore
Dieci giorni all'ex Macello: «Poi la polizia»
Scatta il secondo ultimatum del Municipio. Ma si slitta a dopo le elezioni
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
4 ore
Grave incidente a Gudo, strada riaperta
Un'auto, dopo aver sbattuto contro il guardrail, è uscita di strada prima della curva a esse, finendo nella scarpata
COLLINA D'ORO
5 ore
Cinque giovani ricercatori per «migliori cure in futuro»
La IBSA Foundation ha consegnato le borse di studio da 30'000 euro ai vincitori, emersi tra 160 candidati
LUGANO
5 ore
Campo da Calcio di Barbengo, a quando la riqualifica?
In un'interrogazione al Municipio alcune osservazioni sulle infrastrutture sportive dei quartieri periferici
SVIZZERA / CANTONE
5 ore
Test “fai da te” dei frontalieri: «Non a carico degli svizzeri»
Con una mozione, Lorenzo Quadri chiede che la spesa venga dedotta dai ristorni delle imposte alla fonte
CANTONE
7 ore
Cinquanta milioni in più per i casi di rigore
Il Governo ha presentato il messaggio per l’aumento della dotazione finanziaria a sostegno delle aziende.
CANTONE
7 ore
Consuntivo influenzato dalla pandemia
Il 2020 si chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi
MELIDE
7 ore
Allenarsi e divertirsi sognando il Milan
A Melide torna il Milan Academy Junior Camp, aperto ai bambini/ragazzi dai 6 ai 15 anni
CANTONE
8 ore
Il 144 ha traslocato
Dopo oltre un ventennio di attività nel Luganese, la FCTSA si è spostata alla CECAL
CANTONE / GRIGIONI
9 ore
Dalla Mesolcina un'interrogazione per salvare le carte giornaliere
Anche il Granconsigliere retico Samuele Censi si oppone alla decisione di abolirle presa da Alliance Swisspass.
LUGANO
9 ore
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
9 ore
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
12 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
14 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
20 ore
Un'alternativa per l'autogestione? «Nel Luganese non c'è»
La risposta del Consiglio di Stato a un'interpellanza della Lega
LUGANO
05.09.2018 - 11:540
Aggiornamento : 15:01

Soldi pubblici per l'aeroporto: i ticinesi «riflettano»

La Neue Zürcher Zeitung ha lanciato oggi un monito sulla situazione che stanno attraversando i piccoli scali

LUGANO - I ticinesi devono pensarci bene se sia ragionevole continuare a finanziare con soldi pubblici l'aeroporto di Lugano/Agno. Questo il monito lanciato oggi dalle colonne della "Neue Zürcher Zeitung" sulla difficile situazione che stanno attraversando i piccoli scali, specie dopo che la compagnia aerea SkyWork, operante da Berna/Belp, ha gettato la spugna, lasciando di sasso la città in riva al Ceresio.

Il 30 agosto scorso la doccia fredda: una settimana dopo aver annunciato che dal 28 ottobre avrebbe lanciato un nuovo collegamento tra Lugano e Ginevra, SkyWork Airlines sospendeva con effetto immediato l'attività. Oltre 100 i dipendenti toccati dalla decisione del management, che pone fine a un'avventura incominciata nel 1983.

Secondo il quotidiano zurighese, quanto accaduto è una spia delle difficoltà in cui si dibattono gli aeroporti regionali in generale, ma specie quelli che offrono voli di linea come Berna/Belp, Lugano/Agno e Altenrhein (SG).

Diverse le ragioni alla base di questa crisi. Oltre agli alti costi per la sicurezza, l'ottima rete ferroviaria e la topografia non sempre ottimale, come per Berna/Belp, gli scali in questione devono anche fare i conti con la concorrenza degli aeroporti di Zurigo, Ginevra e Basilea/Mulhouse, che possono vantare una quota di mercato superiore al 99%.

Nel 2017, secondo fonti citate dal giornale zurighese, i tre aeroporti principali hanno trasportato 51,4 milioni di passeggeri, a fronte dei 450 mila degli scali regionali. Benché questi aeroporti possano essere attrattivi per i viaggiatori (formalità doganali più veloci, tasse aeroportuali inferiori, ecc), per i vettori aerei lo sono meno.

Per poter essere redditizio, uno scalo deve garantire infatti un alto tasso di occupazione. Per quanto attiene ai voli in Europa, insomma, devono essere offerte giornalmente più destinazioni, al fine di generare un fatturato sufficiente. La piccola Svizzera, secondo l'autore dell'articolo, è già ben servita con i tre grandi aeroporti in funzione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 2 anni fa su tio
Non c’è nulla da riflettere... bisogna chiuderlo!!!!
Nicklugano 2 anni fa su tio
La NZZ ci dice di riflettere? Non serve, già fatto. Forse doveva dirlo ad altri...
F.Netri 2 anni fa su tio
A questo punto, sentirei Diego Zanoni e approfondirei le sue proposte.
elvicity 2 anni fa su tio
@F.Netri https://www.ticinonews.ch/ospiti-blog/470772/diego-zanoni-la-svizzera-ha-bisogno-di-trasporto-aereo- e-voi-pensate-a-lugano
andytt 2 anni fa su tio
Stranamente con crossair andava tutto bene Lugano Zurigo costava 300.- andare in treno 200.- chi usava agno ne apprezzava la praticità il fatto è che tra blocco orari e limitazioni di sicurezza è inefficiente o lo prende in mano swiss quindi Lufthansa o mi sa che da vero areoporto diventa areoporto per soli ricchi... Ora per funzionare basterebbe convincere gli utenti a volare con compagnie non low cost ... Facile no?
F.Netri 2 anni fa su tio
Senza dimenticare che stiamo parlando di una distanza, in linea d'aria, di poco più di 200 Km!
F.Netri 2 anni fa su tio
La tratta Lugano - Ginevra è molto importante per il tessuto socio-economico del cantone. Il viaggio in treno dura più di 5 ore, con uno o più cambi di treno. Il treno andrebbe bene per pensionati, sfaccendati e ecologisti, ma non va bene per chi deve viaggiare per lavoro.
Pepperos 2 anni fa su tio
@F.Netri Quindi la città di Lugano deve coprire i deficit?
centauro 2 anni fa su tio
@F.Netri Quindi chi lavora non dovrebbe avere una sensibilità ecologista secondo te......io diversamente penso che tenere in attività uno scalo aeroportuale, riservato ai pochi che utilizzano l'aereo per spostamenti giornalieri a corto raggio, con i contributi importanti dello stato sia un inutile e vergognoso spreco di denaro dei contribuenti!!!! un qualsiasi manager aziendale la penserebbe allo stesso modo!
F.Netri 2 anni fa su tio
@Pepperos No, è la Confederazione che dovrebbe coprire il deficit. Questo è un problema di trasporto a livello nazionale e non locale.
elvicity 2 anni fa su tio
@F.Netri Penso che noleggiare un aereo o un elicottero è possibile.. solo che costerebbe sicuramente molto ... e allora secondo te dovrebbe coprire la confederazione... cioè tutti noi altri. :-(
F.Netri 2 anni fa su tio
@elvicity Ma quale noleggio di aerei o elicotteri! La Confederazione dovrebbe dare mandato alla compagnia di bandiera la rotta Lugano-Ginevra, con un volo andata e ritorno in giornata. Il prezzo del biglietto dovrebbe essere il 10% superiore a quello del treno. Il deficit che ne deriva, dovrebbe essere coperto dalla Confederazione. Non mi sembra difficile da capire.
elvicity 2 anni fa su tio
@F.Netri la confederazione i soldi li prende da noi altri ... no? perchè tu e altri 10 persone forse devono andare a Ginevra. ma pensa un po'
centauro 2 anni fa su tio
@F.Netri Parco agricolo per il piacere di tutti......anche dei lavoratori stressati che utilizzano l'aereo!!!!!
nordico 2 anni fa su tio
@F.Netri La nostra compagnia di bandiera è in mani tedesche. Si può ancora definire tale? Potrebbe Berna sovvenzionare una compagnia straniera? Ho i miei dubbi amletici.
F.Netri 2 anni fa su tio
@elvicity Pensionato, sfaccendato o ecologista?
F/A-18 2 anni fa su tio
@F.Netri Ma Netri, dai...., non stanno in piedi le compagnie mondiali che già si sono messe insieme formando tre supergruppi ed arriviamo noi con la confederella a chiudere buchi milionari ogni anno è questo solo per permettere a qualche benestante di guadagnare due ore della loro preziosa giornata? Che si alzino due ore prima oppure che si arrangino con voli privati, elicotteri, Rolls ed autista oppure videoconferenza.
elvicity 2 anni fa su tio
@F.Netri .. lavoratrice indipendente ... ecologica non ecologista, abituata a calcolare il centesimo tutti i giorni...
F.Netri 2 anni fa su tio
@F/A-18 Ma guarda, pensavo fossi un imprenditore.
F/A-18 2 anni fa su tio
@F.Netri Mi piacciono sempre le tue battute sarcastiche, anche questa non è male però, come già detto altre volte, sono realista e visto che ci siamo, vogliamo parlare di costruzioni? Si è costruito tanto ed in poco tempo, complici i tassi e la poca redditività in altri settori, ora con l'innalzamento dei tassi ed il molto sfitto ci sarà un crollo con effetti deleteri per chi ha fatto il passo più grande della gamba, i migliori investimenti si faranno li a patto di avere il gruzzolo, vedremo .
matteo2006 2 anni fa su tio
Non ha senso di esistere.
andrea28 2 anni fa su tio
Le sovvenzioni hanno un senso se il servizio offerto può essere controllato e soppesato costi e benefici. Con le compagnie aeree non si sa nemmeno se stiano per fallire... Meglio allora investire nelle nuove stazioni e nel migliorare i collegamenti in città.
francox 2 anni fa su tio
Non ci sono soldi nemmeno per l'AVS, non vedo cosa c'è da discutere.
F/A-18 2 anni fa su tio
Il nostro paese è troppo caro, le nostre imprese non stanno in piedi! Sta in piedi ciò che è sovvenzionato dallo stato come trasporti pubblici, amministrazione che fan o mia fan i soldi ci sono, agricoltura, oppure aziende dall'alto valore aggiunto come ricerca, farmaceutica ecc oppure se si fa parte degli amici degli amici come il cardiocentro, le ditte di asfalto di una volta, certi appalti pubblici pilotati, inciuci vari e gabolate create ad arte tipo eVita, Argo 1 scandali degli appalti nei grigiori ecc, per il resto è grama, per esempio è fallita la nostra swissair, crossair, Darwin e tutte le altre, per non parlare dei nostri negozi, negozietti, botteghe, ristoranti, bar, discoteche e tanto altro ancora ed in ogni settore. Realisticamente parlando l'aereoporto è un pozzo senza fondo, inutile prenderci in giro, chiudere per favore oppure cordata privata, chi ci mette i soldi può rischiare di suo.
elvicity 2 anni fa su tio
@F/A-18 Ciao F/A-18... bravo ben detto ..
F/A-18 2 anni fa su tio
@F/A-18 Per andare avanti col discorso anche gli impianti di risalita sono sovvenzionati, le nostre realtà sportive vanno avanti grazie a chi ci butta dentro soldi a fondo perso, sotto forma di sponsor o ricapitalizzazione o prestiti che poi non vengono più ritornati ecc.....Praticamente ci siamo creati un paese che se non stiamo attenti a governarlo potrebbe diventare invivibile per i poveri che quindi se ne dovranno andare, chi ha disponibilità o chi si mette al servizio di una comunità come questa potrà portarsi a casa la sua fettina di ricchezza.
KilBill65 2 anni fa su tio
Su un' articolo del Corriere del Ticino un lettore a scritto: l' aereomorto di Lugano...E ha ragione da vendere...Insistono su ormai un caso perso con i relativi soldi pubblici!!...Ma stiamo scherzando?...Cosi facendo qualche personaggio, si prende bonus nelle proprie tasche, con i soldi altrui!!!....No cari, non sa da fare...
siska 2 anni fa su tio
NO GRAZIE! Ma stiamo scherzando sembra una barzelletta e con i soldi degli altri?.. per poi vederselo ricadere in rovina.
streciadalbüter 2 anni fa su tio
L`aeroporto di Agno é nato male: il vero aeroporto ticinese é a Magadino.Gabola,p.f. quanto riceve il festival di Locarno dal CANTONE?E quanto riceve Bosco Gurin?E quanto riceve il clown Dimitri a Verscio?
centauro 2 anni fa su tio
@streciadalbüter D'accordo pure io di concentrare tutti i voli privati a Magadino per chi se lo può permettere! Agno parco agricolo!
gabola 2 anni fa su tio
Tant ormai,tut quel che camina mia coi so gamb a ghe ul governo...vedi festiva cinema e tutto il resto
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 20:04:39 | 91.208.130.89