tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BLENIO
3 ore
«Rilanceremo il cioccolato della Cima Norma»
Gastronomia e cultura. Ecco l’affascinante progetto di Abouzar Rahmani, 39 anni, imprenditore di Morcote.
CANTONE
3 ore
«Annunciarsi in ritardo è da furbi»
La hotline per chi rientra da paesi a rischio Covid lavora a pieno ritmo. Ma non mancano i problemi
BEDRETTO
10 ore
Moto completamente distrutta dalle fiamme
L'incendio si è sviluppato oggi attorno alle 21 sulla strada del Passo della Novena
FOTO
LOCARNO
11 ore
Il festival ai tempi del coronavirus: è cominciato Locarno 2020
La 73esima edizione è stata inaugurata stasera al GranRex. Fino al 15 agosto saranno proiettati 121 film (anche online)
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Soggiorni linguistici: ESL chiude metà delle filiali
Per il futuro è inoltre prevista una collaborazione col tour operator Kuoni
CANTONE
15 ore
Il servizio postale? «Va rafforzato, non smantellato»
Il Partito Comunista prende posizione sulla proposta di Avenir Suisse di diminuire i giorni di consegna
BELLINZONA
17 ore
Con il martello dentro al Selecta
Qualcuno ha distrutto il vetro del distributore automatico, rubando parte del contenuto.
MENDRISIO
19 ore
Acqua potabile, 4,5 milioni per un nuovo pozzo
È la richiesta di credito avanzata dal Municipio per la captazione dalla falda in zona Prati Maggi.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
19 ore
Centauro ferito in via Lugano
La moto si è scontrata con un'auto, per poi finire contro un altro veicolo che circolava in senso opposto
CANTONE
20 ore
La Vallemaggia reclama le sue "G": «È una questione di sicurezza»
L'Associazioni dei comuni ha scritto a Swisscom denunciando la scarsa copertura della rete telefonica mobile.
CANTONE
20 ore
Mobbing in Procura federale: «Ci rimette il Ticino?»
Giorgio Fonio e Boris Bignasca interrogano il Consiglio di Stato in merito alla situazione denunciata da due dipendenti
FOTO E VIDEO
CALANCA (GR)
21 ore
Parco Val Calanca a gonfie vele: «Natura selvaggia e incontaminata»
Il progetto sta vivendo un'ottima (prima) stagione estiva e si candida come Parco naturale regionale.
CANTONE
23 ore
Affitti in calo, grazie al Covid
In Ticino e in particolare a Lugano le pigioni stanno calando
LUGANO
23 ore
Villa Castagnola punta sulla sostenibilità
Utilizzo di energia idroelettrica ed eliminazione della plastica monouso per il 135° compleanno del Grand Hotel
AIROLO
23 ore
Gottardo chiuso per una panne
Un veicolo ha bloccato la galleria. Traffico deviato
CANTONE
1 gior
Covid-19: tre nuovi casi in Ticino
Salgono a 3'445 i contagi registrati nel nostro cantone da inizio pandemia. Le vittime sono 350.
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Oltre 570 auto truccate intercettate dalla polizia
Nel post-lockdown in tutta la Svizzera sono stati intensificati i controlli. In Ticino il fenomeno è stabile
LOCARNO
1 gior
Parte il Pardo, ma la città se n'è (un po') dimenticata
Vetrine spoglie e strade "nude" per un'edizione speciale che è luogo d'incontro online, ma non trascura le sale.
CANTONE
1 gior
Primo agosto in fattoria: in Ticino 3'200 ospiti
Quest'anno a causa della pandemia il brunch ha visto la partecipazione di 31 aziende
CANTONE
15.06.2018 - 16:000

No alla chiusura dei valichi di notte, sì alle barriere

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, dopo aver constatato che la chiusura notturna di tre valichi non ha influito granché sul tasso di criminalità. Il DT: «La sicurezza resta una priorità»

BERNA / BELLINZONA - I valichi di confine secondari in Ticino, specie nel Mendrisiotto, verranno muniti di di barriere, che potranno essere chiuse solo in caso di necessità, ad esempio quando la polizia organizza una ricerca. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, dopo aver constatato che la chiusura notturna di tre valichi, eseguita a titolo di prova, non ha influito granché sul tasso di criminalità.

Inoltre, si legge in una nota odierna dell'Amministrazione federale delle dogane, ai conducenti va segnalato che vengono sorvegliati da telecamere al momento del passaggio del confine.

«La  nostra priorità resta la sicurezza» - «La sicurezza della popolazione ticinese rimane la massima priorità per le autorità ticinesi, che ora intendono vigilare sull’attuazione delle misure complementari annunciate dalla Confederazione e sulla loro efficacia per l’attività di contrasto alla criminalità transfrontaliera». Così il Dipartimento delle istituzioni, che in passato aveva sostenuto la richiesta di Pantani.

Prendendo atto della decisione delle autorità federali, il Dipartimento delle istituzioni intende rassicurare la popolazione ticinese, e in particolare i residenti della fascia di confine. «L’attività di contrasto alla criminalità transfrontaliera rimane un ambito prioritario per le forze dell’ordine del nostro Cantone - assicura -, che continueranno a seguire con la massima attenzione l’evolversi della situazione sul terreno».

Il DI sottolinea infine come – in generale – il numero di furti commessi sul territorio cantonale stia ulteriormente diminuendo anche in questi primi mesi del 2018, a seguito delle varie misure adottate assieme alla Polizia cantonale in collaborazione con il Corpo federale delle guardie di confine e delle Polizie comunali ticinesi.

Per quanto riguarda le misure annunciate dalla Confederazione, il Dipartimento attende le analisi svolte dai servizi federali, per comprendere le ragioni che hanno portato il Consiglio federale a rinunciare alla misura.

La proposta di Pantani - In seguito alla trasmissione della mozione della Consigliera nazionale Roberta Pantani (14.3035), nel 2014 il Parlamento aveva incaricato il Consiglio federale di prendere provvedimenti affinché in collaborazione con le autorità italiane, si potesse ottenere la chiusura notturna dei valichi di confine secondari, al fine di garantire una migliore protezione da parte di polizia e Corpo delle guardie di confine (CGCF).

L'importanza del confine meridionale - Il Consiglio federale si è detto consapevole dell’importanza del confine meridionale per la sicurezza. Quindi ha ricordato le varie misure adottate negli anni per garantire la sicurezza nel Canton Ticino. «Il rivisto accordo in materia di polizia con l’Italia - assicura - permette ora una migliore collaborazione transfrontaliera. L’effettivo del CGCF in Ticino è stato aumentato e la Centrale cantonale di allarme a Bellinzona consente una più stretta collaborazione tra polizia cantonale e CGCF, per garantire la sicurezza del confine».

A marzo 2017, al fine dell’attuazione della mozione Pantani, il Consiglio federale aveva deciso di chiudere per un periodo di prova di sei mesi alcuni valichi di confine secondari. Dal 1° aprile al 30 settembre 2017 il CGCF ha messo in atto tale progetto chiudendo tre valichi. Dal progetto pilota, svolto in collaborazione con le autorità ticinesi, è risultato che una chiusura a livello cantonale dei valichi di confine non avrebbe una notevole incidenza sul tasso di criminalità. Da colloqui con l’Italia è inoltre emerso che una chiusura notturna dei confini potrebbe ripercuotersi negativamente sulla buona collaborazione nell’ambito della sicurezza dei confine e della migrazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
casi89 2 anni fa su tio
e si,di nuovo i "kruki"hanno deciso.tanto per loro il ticino fa parte della lombardia.nelle vacanze pero,infestano il loro tanto " amato" ticino.e i nostri consiglieri nationali cosa fanno? a si bevono il blanc cassis.
Evry 2 anni fa su tio
Aprite le porte e regalate il Passaporto Svizzero, con priorita ai criminali
albertolupo 2 anni fa su tio
Criminalità in diminuzione da decenni (lo dicono le statistiche della polizia, notoriamente di stampo marxista-leninista). Chiusura provvisoria delle frontiere che non ha avuto effetti riscontrabili sulla criminalità. Questi sono i dati. Il resto è campagna elettorale.
Bandito976 2 anni fa su tio
Certo, a qualche politico fa comodo il valico aperto, cosí puó andare oltre confine al ristorante.
roma 2 anni fa su tio
...no, dai...non commento...altrimenti mi...bannano
Brigitte Gill 2 anni fa su fb
Berna grazie ? ma non ne beccano una? x loro noi siamo sulla luna?
Liana Agnese 2 anni fa su fb
E che se ne frega del Ticino a Berna....
Brigitte Gill 2 anni fa su fb
Liana Agnese dobbiamo ricordare che Ticino fa parte della ??
Sandrini Sirio 2 anni fa su fb
E una bella muraglia cinese contro tutta la lozza che entra in Svizzera abusivamente?
WGWG 2 anni fa su tio
Era una decisione già presa prima di provare. I sette nani ci hanno venduti all EU eccellente decisione .....
Tato50 2 anni fa su tio
L'ideale sarebbe che la barriera si abbassi di colpo al momento del passaggio del delinquente ;-))
Laura Bernasconi 2 anni fa su fb
Si perché fanno tanto.
Alan Casahorran Brugnoli 2 anni fa su fb
Trump pensaci tu ????
Annamaria Romano 2 anni fa su fb
Ci vuole una rivolta e basta.
Paolo Casellato 2 anni fa su fb
Magari un bel muro alto 5 metri largo 2 ... ;-)
Giuseppe Casartelli 2 anni fa su fb
Con corrente elettrica come diceva il Nano

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-06 09:44:24 | 91.208.130.89