Tipress
CASTEL SAN PIETRO
17.05.2018 - 15:010
Aggiornamento 17:44

Don Grampa tristissimo: «Meglio tacere»

Il vescovo emerito si è battuto a lungo per la causa del Giornale del Popolo. Le sue sono parole intrise di amarezza

3 gior fa «Il GdP ha sbagliato a fidarsi di Publicitas»
3 gior fa Enrico Morresi: «Non era difficile prevedere la morte del GdP»
3 gior fa Chiude il Giornale del Popolo

CASTEL SAN PIETRO – È un giorno triste anche per don Mino Grampa. La chiusura del Giornale del Popolo lo segna profondamente. Il vescovo emerito, classe 1936, oggi residente all’istituto Loverciano di Castel San Pietro, si era battuto a lungo, pur tra mille difficoltà, per la causa del quotidiano cattolico. Per quasi un decennio, in particolare con Claudio Mésoniat alla direzione, era riuscito a rilanciare le quotazioni del giornale edito dalla Curia.

Ora anche don Mino è costretto ad arrendersi. Da lontano. E lo fa nella maniera, forse, più dignitosa. Chiudendosi nel silenzio. Poche parole, intrise di amarezza. «Ho scelto di non esprimermi. Non potendo dire quello che vorrei, taccio. Scusatemi».

3 gior fa «La crisi è stata gestita male»
Potrebbe interessarti anche
Tags
don
giornale
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-05-20 23:46:03 | 91.208.130.87