+ 17
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CLARO
18 min
Fumo, ma i pompieri risolvono in fretta
Un principio d'incendio in un'officina è stato estinto prima che potesse causare danni
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
18 min
I bambini mascherati si prendono la capitale
Musica, risate e coriandoli animano le strade, con il sole che bacia il corteo
CANTONE
1 ora
Credit Suisse sostiene Greenhope
I collaboratori ticinesi dell'istituto hanno donato 6'600 franchi alla fondazione che sostiene i bambini malati
CANTONE
2 ore
Cyber Sicuro, ecco la piattaforma contro gli attacchi informatici
Il Cantone lancia una campagna di prevenzione contro le minacce sul web in tre ambiti: economia, scuola e istituzioni
VIDEO
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
1300 bambini vanno a scuola a piedi
Secondo un'immaginaria staffetta, con Pedibus hanno percorso tanti chilometri da fare il giro del mondo sette volte
LUGANO
4 ore
Parcheggi a Gandria, il Municipio si prende due mesi di prova
I firmatari della petizione esprimono preoccupazione per i commercianti
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Cifre da record per BPS
Utile da quasi 17 milioni di franchi per il 2019. Risultati importanti con cui entrare nel 25° anno di fondazione
FOTO
BALERNA
7 ore
A Balerna è iniziato il regno Sgüra
Consegnate le chiavi ai regnanti: la festa durerà fino a mercoledì 26 febbraio
LOCARNO
7 ore
Azzannata dai social
I suoi dati personali condivisi in alcuni gruppi destinati all'aiuto/adozione di cani. Lei ora ha sporto denuncia
LUGANO
9 ore
Il passaporto svizzero piace ai russi. Meno agli italiani
Nuovi dati rivelano da quali nazioni provengono coloro che chiedono maggiormente la nazionalità svizzera.
CANTONE
16.10.2016 - 13:170
Aggiornamento : 16:02

Sporchiamoci le mani, nel nostro quartiere

L'associazione Aidec coinvolge la popolazione locale in progetti che mirano a migliorare la qualità di vita degli spazi urbani

LUGANO - Quanto conosciamo, ma soprattutto quanto viviamo il nostro quartiere? Quanto frequentiamo i nostri vicini? L’associazione Aidec ha avuto un’intuizione semplice quanto geniale: coinvolgere direttamente la popolazione locale nella realizzazione degli spazi urbani dedicati all’incontro e al confronto con gli altri abitanti del quartiere. Bambini, anziani e persone di tutte le età possono partecipare alla vita attiva del quartiere. Come? Costruendo con le proprie mani ciò che potranno utilizzare in futuro come spazi relax, orti urbani, cinema all’aperto.

L’associazione è nata a Ginevra nel 2015 dall’idea di alcuni amici provenienti da vari ambiti professionali. All’interno del comitato si possono infatti trovare geografi, urbanisti, architetti, biologi, orticoltori, carpentieri e paesaggisti, che unendo le loro forze hanno dato via ai primi progetti di riqualifica di alcuni quartieri. I progetti hanno dapprima interessato il Canton Ginevra, e man mano hanno conquistato anche altri comuni di altri cantoni. Da poco tempo, grazie anche alla presenza di due ticinesi nell’associazione, l’Aidec ha raggiunto il Ticino.

Progetti concreti - «L’obiettivo principale è quello di creare e sviluppare dei progetti con i cittadini e altre associazioni per permettere la riscoperta degli spazi pubblici attraverso attività artistiche, culturali e di sensibilizzazione» ci spiega Diego Rigamonti, uno degli ideatori dell’associazione. «Ora la popolazione viene, consuma e basta. Non partecipa alla vita attiva. C’è bisogno di invertire la rotta».

Aidec si è presentata in Ticino a fine settembre attraverso l’allestimento di Rivetta Tell con alcune panchine, e in questo periodo è presente alla fiera Artecasa con l’installazione delle aree relax: «Siamo molto contenti del primo riscontro, le persone sembravano apprezzare» ci ha raccontato Diego. «Queste attività favoriscono l’incontro tra gli abitanti stessi, che spesso non si conoscono, e permettono di diminuire l’esclusione sociale e i pericoli legati alla ghettizzazione, con un costo minimo per le autorità pubbliche. Ciò permette anche di sensibilizzare i giovani ma non solo al tema del riciclo e alla valorizzazione dei materiali di scarto. Inoltre sarebbe un buon modo per favorire l’integrazione dei migranti nella nostra società» ci spiega Diego.

Materiali - Ma come vengono costruite le installazioni? «Passiamo di cantiere in cantiere a recuperare i materiali di scarto, soprattutto legno. L’unica cosa che compriamo sono le viti, la pittura e gli attrezzi. I progetti si autosostengono con i finanziamenti di privati e dei Comuni stessi».

Progetto del progetto - Prima di arrivare alla concretizzazione di ogni singolo progetto c’è una fase di analisi urbana, che include, anche in questo caso, la partecipazione della popolazione attraverso sondaggi (cartografia partecipativa). «L’obbiettivo è quello di capire quali sono i punti del quartiere in cui si può intervenire per migliorare la qualità di vita» continua Diego.

Prossimi progetti - Anche se in inverno è più dura a causa del clima, i progetti non mancano, soprattutto al di là delle Alpi. Ma gli organizzatori continueranno a puntare anche sul Ticino. È infatti in cantiere un progetto per una festa di quartiere a Cassarate.

Reazioni - La popolazione sembra apprezzare la valorizzazione degli spazi urbani fatta finora: «Riceviamo consigli anche dai bambini, e ci fa molto piacere. E non sono poche le persone che ci raccontano le proprie esperienze vissute nel quartiere, come i primi baci e gli innamoramenti».

Guarda tutte le 21 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 16:18:03 | 91.208.130.86