BELLINZONA / CHIASSO
17.03.2012 - 09:430
Aggiornamento : 23.11.2014 - 19:13

L'annuncio di lavoro: "Bella presenza, residente in Ticino o padana DOC"

Ha destato curiosità un annuncio affisso in un negozio di abbigliamento e biancheria intima che aprirà a Bellinzona

BELLINZONA - La concorrenza nel mercato del lavoro ticinese si fa sempre più agguerrita. In un periodo in cui è vivace la discussione politica sulle conseguenze degli accordi bilaterali e di libera circolazione in Ticino, un annuncio comparso un weekend di qualche settimana fa sulla vetrina di un negozio del Polaris di Chiasso, non ha mancato di destare qualche interrogativo.

Come scrive il Corriere del Ticino oggi, nell'annuncio che informava dell'apertura di una boutique gemella a Bellinzona, si leggeva: "Ti assumo solo se risiedi in Ticino o se sei una padana Doc". Inoltre, tra i requisti, oltre all'età massima di 35 anni, alla bella presenza e a una comprovata esperienza nella vendita al dettaglio, veniva richiesta la residenza su territorio ticinese o la provenienza dalla vicina "Padania".

L'amministratore della società che gestisce le boutique, dopo aver indagato sul caso, ha minimizzato. Al CdT, infatti, ha spiegato che si sarebbe trattato di una burla, di una provocazione bizzarra e carnevalesca tra le dipendenti.

Tuttavia vi sarebbe anche il sospetto che qualcuno abbia voluto "ledere le attività che promuoviamo".

A quanto pare, infatti, sembra che, viste le tensioni che si erano create negli ultimi tempi, qualche collaboratore abbia voluto esprimere la propria protesta attraverso l'affissione di un annuncio dai contenuti forti.

L'amministratore dei negozi ha assicurato che il personale occupato è perlopiù di origine straniera e residente in Ticino e che al momento della comparsa dell'annuncio, il personale per la filiale di Bellinzona era già stato scelto da una decina di giorni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 00:38:23 | 91.208.130.85