Immobili
Veicoli

SVIZZERAScrutinio chiuso: il popolo svizzero dice sì alla Legge Covid-19

28.11.21 - 12:13
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
Keystone (archivio)
Fonte Ats
Scrutinio chiuso: il popolo svizzero dice sì alla Legge Covid-19
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
Due comuni ticinesi si classificano tra i dieci, a livello svizzero, con la più alta percentuale di sì: Novazzano e Prato Leventina.

BERNA - Dopo tanto dibattito, è arrivato il giorno X. E il verdetto del popolo, quando si tratta del voto sulla Legge Covid, è stato più atteso che mai. Risultato finale: 62% di voti favorevoli contro il 38% dei contrari. Solo due i cantoni oppositori: Appenzello Interno, con un tasso di approvazione del 44,2%, e Svitto, con il 48,6%. Con il 65,3% di favorevoli il Ticino si è mostrato un campione del sì, superato solo da Basilea Città (70,6%). 

Cambi di marcia - La Svizzera tedesca, rispetto al voto di giugno, ha sostenuto maggiormente la Legge. «Nei cantoni tedescofoni - ha spiegato il condirettore dell'istituto demoscopico Gfs.bern Lukas Golder alla SRF - i sì sono aumentati di circa quattro punti percentuali». In controtendenza invece la Romandia, dove a crescere sono stati invece i contrari.

Il voto in Ticino - Anche in Ticino la Legge ha raccolto la maggioranza dei consensi. Come comunicato dal Servizio informazione e comunicazione del Cantone al termine dello scrutinio di tutti i Comuni, si registra il 65,3% di sì contro il 34,7% di no. Tra i comuni elvetici che si sono espressi maggiormente a favore della Legge Covid-19 troviamo anche due rappresentanze ticinesi: Novazzano si piazza all'ottavo posto della top 10 con il 76,4% dei favorevoli, mentre Prato Leventina, con il 76,1%, al decimo.  

Le reazioni dei vincitori... - «Malgrado la massiccia campagna degli oppositori, ha vinto il pragmatismo», è stata la reazione a caldo della consigliera nazionale Marianne Blinder-Keller (Centro) ai microfoni della SRF. La politica argoviese non ha nascosto di essere sollevata per il risultato che si sta profilando sottolineando che «il desiderio della gente di combattere la pandemia con la vaccinazione» è stato fondamentale. Da parte sua, la consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi) ha invitato gli oppositori alla legge Covid-19 di accettare il risultato scaturito dalle urne. «In tal modo non saranno più necessari gli sbarramenti davanti a Palazzo federale» (vedi qui). Alla luce della vittoria che si profila alle urne, la Gioventù socialista invoca ora «misure più forti» per contrastare la pandemia. «"È ora di adottare provvedimenti più efficaci», afferma la presidente GISO Ronja Jansen. A suo avviso anche l'UDC deve prendere atto del risultato e «smettere immediatamente di silurare la lotta contro la pandemia a ogni occasione». Soddisfatto anche il PRL: «Con un chiaro sì alla legge COVID-19 il popolo svizzero ha scelto la via per un ritorno rapido alla normalità. Molte aziende e ristoranti beneficeranno infatti di certezze nella pianificazione e questo sostegno dimostra che libertà fa rima con responsabilità».

... E dei vinti - Di tutt'altro tenore, naturalmente, è la reazione del portavoce dell'Alleanza di azione dei cantoni primitivi Josef Ender, il cui gruppo era tra i fautori del referendum. «Era importante che la popolazione potesse farsi un'opinione sulla Legge Covid-19», ha sottolineato alla radio svizzero-tedesca, precisando che malgrado la sconfitta che si sta profilando l'associazione «ha guadagnato molti nuovi membri» e «continuerà a battersi per i diritti costituzionali e la libertà in Svizzera». Da parte sua il movimento Mass-Voll ha già dichiarato su Twitter che «non accetterà» l'esito delle urne. «Alla luce delle massicce irregolarità, che in questa entità non hanno esempio nella storia recente, riteniamo l'esito del voto non legittimo e non vincolante per noi». Il movimento punta il dito contro la domanda espressa sulla scheda di voto, considerata manipolativa, sulla campagna «diffamatoria» contro i no-vax promossa «dallo Stato e dai media a esso vicini», nonché sugli ostacoli a manifestazioni e azioni di volantinaggio.

Il tema in votazione - Introdotta a settembre 2020, la legge Covid-19 è già stata messa al voto a giugno scorso. Allora il sì aveva trionfato con un netto 60%. Il voto odierno è il risultato di un nuovo referendum: questa volta gli oppositori contestano specificatamente gli adeguamenti del testo di legge decisi dal Parlamento a marzo 2021. Tra questi, il più discusso e al centro della polemica tra favorevoli e contrari è l’istituzione della base legale per il certificato Covid, che concede maggiori libertà a persone vaccinate, testate o guarite dal virus. Una parte delle modifiche riguardano però anche l'estensione del contact tracing e gli ulteriori aiuti finanziari concessi alle aziende, l'indennità di perdita di guadagno e il lavoro ridotto. 

Favorevoli alla Legge Covid-19, insieme a Consiglio federale e Parlamento, PLR, PS, Verdi, Verdi liberali e Centro. Contrario l'UDC, ma anche svariate voci fuori dal coro degli altri partiti.

COMMENTI
 
Aargauer 1 anno fa su tio
Molto bene!
Brontolo pensionato 1 anno fa su tio
Questa è stata la campagna elettorale piü lunga, tambureggiante e pressante mai vista nella storia. Dopo aver vaccinato la maggioranza, spesso per spossatezza e obblighi vari, non sicuramente per convinzione, era inevitabile che un vaccinato avrebbe votato per un si. Spero che ora possiamo tornare a parlare dei veri problemi che affliggono la nostra economia e il popolo.
fapio 1 anno fa su tio
Per fortuna il buon senso ha vinto.
Chris El Suizo 1 anno fa su tio
Il popolo BUE ha espresso il suo parere, era più che prevedibile che i vaccinati votassero di si dato che si sentono nel diritto di poter obbligare il resto della popolazione ad assumere lo stesso rischio contro la propria volontà, grazie a dio che vivo a Gran Canaria, godetevi la dittatura sanitaria fino al 2031😂
Aka05 1 anno fa su tio
Ma non sei ancora partito??
volabas56 1 anno fa su tio
Dispensatore di "perle", tu sicuramente in una vita precedente eri un illuminato. Caso mai dovessi per sfortuna beccarti il corona, vedrai come ti cureranno bene alle Canarie. Ovviamente io faccio parte del popolo BUE.
Talos63 1 anno fa su tio
Ora voglio vedere cosa si inventeranno coloro che dicevano che in Svizzera si stava uccidendo la democrazia…
Ugonotti 1 anno fa su tio
Svizzeri zerbini peggio degli italiani….
Alex 1 anno fa su tio
complimento alla maggior parte degli svizzero e dei ticinesi in primis 2/3 dei ticinesi hanno ragionato con la testa!bravi!
Kastolino 1 anno fa su tio
Ecco bravi, complimenti.. Tutti col guinzaglio mò..
Princi 1 anno fa su tio
colpa di chi non é andato a votare e sono i primi a lamentarsi e di chi non ha capito cosa andavano a votare
Brontolo pensionato 1 anno fa su tio
passato il referendum é ovvio e scontato che ora si possono inserire i commenti. viva la democrazia. 😡
Coerenza 1 anno fa su tio
Pecore
ivandaronch 1 anno fa su tio
Popolo di pecore.
dan007 1 anno fa su tio
La Romandia non è più Svizzera oramai sono tutti Francesi
Dalu 1 anno fa su tio
Che stupenda sconfitta per l’UDC😂
Dalu 1 anno fa su tio
La differenza fra faccine arrabbiate e quelle felici e palese: tutti i negazioniste hanno messo la faccia arrabbiata, gli altri se ne sbattono altamente
Tan 1 anno fa su tio
Serve a tanto riaprire la possibilità di commentare dopo le votazioni! No comment! Se si può commentare solo sugli argomenti che fanno comodo, ne faccio anche a meno!
IvanZ83 1 anno fa su tio
vince la scienza e la logica.
Trionfx 1 anno fa su tio
Tenetevi il Sì, e soprattutto un finto vaccino...ingenui..
NOTIZIE PIÙ LETTE