Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Omicron ha ribaltato la graduatoria fra i cantoni
Appenzello virtuoso, Ginevra un flop. I cantoni della Svizzera orientale ora sono i meno toccati dal coronavirus.
SVIZZERA
6 ore
«Relazioni stabili con l'Ue, ma nessun accordo quadro 2.0»
L'intervento del presidente Ignazio Cassis al raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli.
ZURIGO
7 ore
«Il 2021 fondamentale per l'indipendenza svizzera»
Le parole dell'ex consigliere federale Christoph Blocher durante il raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli
SVIZZERA
10 ore
La Svizzera estende le sanzioni contro il Nicaragua
Le nuove disposizioni colpiscono sette persone e tre organizzazioni che sostengono il presidente Daniel Ortega.
SVIZZERA
11 ore
«Una nuova crisi in Europa sarebbe disastrosa»
Da Ginevra Ignazio Cassis esprime preoccupazione per un eventuale deterioramento della situazione in Ucraina.
BERNA
12 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
12 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
FRIBURGO
13 ore
Le truffe con i falsi poliziotti si moltiplicano
I tentativi di fronde si stanno registrando in diversi cantoni.
BERNA
14 ore
Deduzione più elevata per la cura dei figli da parte di terzi
In futuro sarà possibile dedurre annualmente fino a 25 mila franchi per ogni figlio.
SVIZZERA
14 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
14 ore
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
15 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
FOTO
BASILEA CITTÀ
15 ore
Un uomo muore tra le fiamme del suo appartamento
L'incendio è divampato questa mattina in un edificio situato sulla riva destra del Reno, a Basilea.
SVIZZERA
15 ore
«Si tratta di un attacco diretto alla Croce Rossa»
Il vasto attacco informatico ha preso di mira proprio i server dell'organizzazione e non la società che li ospita.
SVIZZERA
28.11.2021 - 12:160
Aggiornamento : 17:58

Stroncata alle urne l'iniziativa sulla Giustizia

Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale

Anche in Ticino - come in tutti i Cantoni - ha prevalso il no in larga misura (63,4%).

BERNA - I giudici diventeranno indipendenti dai partiti e saranno designati mediante un sorteggio? La popolazione svizzera ha deciso per il no, con la maggioranza degli elettori che preferirebbe mantenere la modalità attuale. Il "no" si è imposto con ben il 68,1% di contrari, a fronte del 31,9% di favorevoli. Tutti quanti i Cantoni hanno bocciato l'iniziativa. La partecipazione si è attestata al 63,9%.

Il voto in Ticino - Anche in Ticino si è registrato lo stesso trend: dopo aver scrutinato tutti e 108 i comuni, il "no" si è attestato al 63,4%. I più scettici sono stati Appenzello Interno (77,8%), Vaud (75,1%) e Uri (72,6%). I meno categorici sono invece stati Giura (62,5%), lo stesso Ticino (63,4%) e Friburgo (63,9%). Nei Grigioni i no sono stati il 66,4% delle schede.

// ]]>

Il tema in votazione - L'iniziativa chiedeva che i giudici del Tribunale federale fossero designati mediante un sorteggio, i cui partecipanti sarebbero stati selezionati da una commissione peritale. L'obiettivo degli iniziativisti era di permettere a chiunque di candidarsi al TF, anche senza appartenere a un partito. A loro giudizio, la prassi attuale non rispetta il principio fondamentale della separazione dei poteri e pregiudica l'indipendenza del sistema. Inoltre, così facendo si preclude anche ai candidati più qualificati, in assenza di agganci politici, di diventare giudici federali, declassando a criterio di serie B le competenze professionali.

Tutti i partiti e il Consiglio federale hanno sin da subito espresso la propria contrarietà all'iniziativa, ritenendo l’attuale sistema di elezione collaudato, democratico e trasparente. 

La scelta dei giudici del Tribunale federale (TF) resta quindi appannaggio dell'Assemblea federale plenaria, ovvero il Parlamento, che si vede sottoporre dalla propria Commissione giudiziaria le candidature. Le nomine durano sei anni, periodo al termine del quale si svolgono le elezioni per il rinnovo integrale. Gli aspiranti giudici ad oggi devono essere affiliati politicamente per poter ambire all'investitura: per tradizione i parlamentari cercano poi di bilanciare le forze politiche in sede di designazione, tenendo anche conto di altri parametri quali ad esempio il sesso o la lingua.

Soddisfazione è stata espressa dai principali interessati, ovvero l'Associazione svizzera dei magistrati (ASM). Essa ha accolto favorevolmente l'esito dello scrutinio, ritenendo che l'iniziativa non avrebbe risolto in maniera convincente le lacune esistenti. A suo parere ora andranno però affrontati vari punti controversi, fra cui la rielezione periodica.

«È difficile vincere quando si hanno tutti i partiti contro», ha commentato l'avvocato e sostenitore dell'iniziativa Philip Stolkin. «Non mi aspettavo altro. Non sono deluso dal risultato», ha detto invece Adrian Gasser - imprenditore e principale promotore del testo - commentando la sconfitta odierna. Per Gasser il voto riguardo all'iniziativa sulla giustizia va ripetuto: a suo avviso era infatti impossibile informare la popolazione sugli abusi del sistema giudiziario in così poco tempo. Per l'imprenditore i colpevoli del chiaro no sono quindi la disinformazione a opera dei media e la distribuzione anticipata da parte della Confederazione dell'opuscolo informativo sulle votazioni. «Questo ha sabotato la formazione dell'opinione», ha aggiunto. Gasser si è detto convinto di poter «sensibilizzare la popolazione in due o tre anni». A suo avviso, introdurre un'elezione dei giudici federali tramite sorteggio è fondamentale per evitare che si spalanchi la porta a «corruzione istituzionale e nepotismo».

Riforme in arrivo - Malgrado il fallimento dell'iniziativa, riforme minori del sistema sono nell'aria. La Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati ha infatti depositato un'iniziativa parlamentare per chiedere che la Commissione giudiziaria possa istituire e consultare un comitato di esperti per assisterla nella procedura di selezione.

Inoltre, la stessa Commissione giudiziaria ha deciso recentemente di rivedere la sua pratica attuale per valutare l'eventuale nomina di giudici federali non schierati politicamente. Lo stesso organo teoricamente potrebbe anche apportare delle correzioni per quel che concerne la tassa di mandato, ovvero l'usanza - comunque non iscritta nella legge - per cui i giudici sono soliti versare parte della propria retribuzione al partito.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 04:36:41 | 91.208.130.86