Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
3 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
FOTO
ZURIGO
4 ore
Con l'auto dritto contro l'albero, ferito un 67enne
Per cause ancora da chiarire, il veicolo dell'uomo è uscito di strada mentre approcciava una curva.
SVIZZERA
5 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
6 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
7 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
7 ore
Aeroporto di Ginevra, ancora lontani dai numeri del 2019
Lo scorso anno dallo scalo sono passati 5,9 milioni di passeggeri
GINEVRA
7 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
BERNA
8 ore
Coronavirus: i disabili vogliono garanzie anti discriminazione
La pandemia ha lasciato il segno, anche tra chi è portatore di andicap.
GRIGIONI
8 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
9 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
11 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
VAUD
12 ore
Collina di Mormont, dopo lo sgombero il processo
Gli attivisti che protestavano contro l'espansione di una cava rischiano una pena detentiva
SVIZZERA
12 ore
Al via la prima scuola reclute dell'anno
In tutto vi parteciperanno circa 11'200 reclute e 2'500 quadri. L'entrata in servizio sarà però scaglionata.
SVIZZERA
28.11.2021 - 12:160
Aggiornamento : 17:58

Stroncata alle urne l'iniziativa sulla Giustizia

Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale

Anche in Ticino - come in tutti i Cantoni - ha prevalso il no in larga misura (63,4%).

BERNA - I giudici diventeranno indipendenti dai partiti e saranno designati mediante un sorteggio? La popolazione svizzera ha deciso per il no, con la maggioranza degli elettori che preferirebbe mantenere la modalità attuale. Il "no" si è imposto con ben il 68,1% di contrari, a fronte del 31,9% di favorevoli. Tutti quanti i Cantoni hanno bocciato l'iniziativa. La partecipazione si è attestata al 63,9%.

Il voto in Ticino - Anche in Ticino si è registrato lo stesso trend: dopo aver scrutinato tutti e 108 i comuni, il "no" si è attestato al 63,4%. I più scettici sono stati Appenzello Interno (77,8%), Vaud (75,1%) e Uri (72,6%). I meno categorici sono invece stati Giura (62,5%), lo stesso Ticino (63,4%) e Friburgo (63,9%). Nei Grigioni i no sono stati il 66,4% delle schede.

// ]]>

Il tema in votazione - L'iniziativa chiedeva che i giudici del Tribunale federale fossero designati mediante un sorteggio, i cui partecipanti sarebbero stati selezionati da una commissione peritale. L'obiettivo degli iniziativisti era di permettere a chiunque di candidarsi al TF, anche senza appartenere a un partito. A loro giudizio, la prassi attuale non rispetta il principio fondamentale della separazione dei poteri e pregiudica l'indipendenza del sistema. Inoltre, così facendo si preclude anche ai candidati più qualificati, in assenza di agganci politici, di diventare giudici federali, declassando a criterio di serie B le competenze professionali.

Tutti i partiti e il Consiglio federale hanno sin da subito espresso la propria contrarietà all'iniziativa, ritenendo l’attuale sistema di elezione collaudato, democratico e trasparente. 

La scelta dei giudici del Tribunale federale (TF) resta quindi appannaggio dell'Assemblea federale plenaria, ovvero il Parlamento, che si vede sottoporre dalla propria Commissione giudiziaria le candidature. Le nomine durano sei anni, periodo al termine del quale si svolgono le elezioni per il rinnovo integrale. Gli aspiranti giudici ad oggi devono essere affiliati politicamente per poter ambire all'investitura: per tradizione i parlamentari cercano poi di bilanciare le forze politiche in sede di designazione, tenendo anche conto di altri parametri quali ad esempio il sesso o la lingua.

Soddisfazione è stata espressa dai principali interessati, ovvero l'Associazione svizzera dei magistrati (ASM). Essa ha accolto favorevolmente l'esito dello scrutinio, ritenendo che l'iniziativa non avrebbe risolto in maniera convincente le lacune esistenti. A suo parere ora andranno però affrontati vari punti controversi, fra cui la rielezione periodica.

«È difficile vincere quando si hanno tutti i partiti contro», ha commentato l'avvocato e sostenitore dell'iniziativa Philip Stolkin. «Non mi aspettavo altro. Non sono deluso dal risultato», ha detto invece Adrian Gasser - imprenditore e principale promotore del testo - commentando la sconfitta odierna. Per Gasser il voto riguardo all'iniziativa sulla giustizia va ripetuto: a suo avviso era infatti impossibile informare la popolazione sugli abusi del sistema giudiziario in così poco tempo. Per l'imprenditore i colpevoli del chiaro no sono quindi la disinformazione a opera dei media e la distribuzione anticipata da parte della Confederazione dell'opuscolo informativo sulle votazioni. «Questo ha sabotato la formazione dell'opinione», ha aggiunto. Gasser si è detto convinto di poter «sensibilizzare la popolazione in due o tre anni». A suo avviso, introdurre un'elezione dei giudici federali tramite sorteggio è fondamentale per evitare che si spalanchi la porta a «corruzione istituzionale e nepotismo».

Riforme in arrivo - Malgrado il fallimento dell'iniziativa, riforme minori del sistema sono nell'aria. La Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati ha infatti depositato un'iniziativa parlamentare per chiedere che la Commissione giudiziaria possa istituire e consultare un comitato di esperti per assisterla nella procedura di selezione.

Inoltre, la stessa Commissione giudiziaria ha deciso recentemente di rivedere la sua pratica attuale per valutare l'eventuale nomina di giudici federali non schierati politicamente. Lo stesso organo teoricamente potrebbe anche apportare delle correzioni per quel che concerne la tassa di mandato, ovvero l'usanza - comunque non iscritta nella legge - per cui i giudici sono soliti versare parte della propria retribuzione al partito.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-17 23:33:41 | 91.208.130.87