Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
8 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
ZURIGO
11 ore
Escursionista trova un cadavere nel bosco
Non è per il momento conosciuta l'identità della vittima, o le cause del decesso
SVIZZERA
11 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
13 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
VAUD
13 ore
Precipita un piccolo aereo turistico, una vittima
Si tratta del pilota ottantenne, l'unica persona che era a bordo del velivolo
ZURIGO
14 ore
Rissa tra giovani: 16enne accoltellato
Il ragazzo è rimasto gravemente ferito. Il presunto aggressore è stato arrestato.
SVIZZERA
14 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
14 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
LUCERNA
15 ore
La Svizzera centrale vuole regole più severe contro il Covid
I direttori cantonali della sanità della regione auspicano un'estensione dell'obbligo d'indossare le mascherine.
BERNA
22.06.2020 - 12:510

Svizzera post Covid, si torna a parlare di immigrazione limitata

L'iniziativa UDC torna ad essere argomento di discussione. E subito il dibattito si infiamma

Sull'argomento si andrà a votare il prossimo 27 settembre.

BERNA - Fermata dalla pandemia, la campagna contro l'iniziativa UDC "Per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)" è stata rilanciata stamane dalla ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter, spalleggiata dai rappresentanti del padronato e dei sindacati. La votazione popolare, inizialmente prevista per il 17 maggio, si terrà il 27 settembre.

La consigliera federale era già comparsa davanti ai media l'11 febbraio per presentare le argomentazioni del governo. Qualche settimana più tardi, l'attività politica era stata però paralizzata dalle misure sanitarie introdotte per contrastare il nuovo coronavirus.

È in gioco l'approccio bilaterale tra la Svizzera e l'Unione europea, ha sottolineato la ministra, ricordando come l'accordo sulla libera circolazione delle persone sia strettamente legato ad altre sei intese tra Berna e Bruxelles.

«Le aziende hanno bisogno di stabilità» - L'economia svizzera è in buona salute grazie alla via bilaterale, ha affermato, aggiungendo che ora, dopo la crisi del coronavirus, l'obiettivo comune è rilanciarla. Le aziende hanno bisogno di stabilità, non di esperimenti rischiosi, ha messo in guardia Keller-Sutter.

Il Consiglio federale vuole limitare l'immigrazione allo stretto indispensabile e già oggi promuove e sostiene il potenziale di forza lavoro presente in Svizzera con tutta una serie di misure, ha poi ricordato.

Come detto, il governo non è il solo a respingere l'iniziativa. In Parlamento, tutti i partiti, tranne l'UDC, sono contrari. Ad opporsi ci sono anche i sindacati e i datori di lavoro.

È sbagliato affermare che la fine della libera circolazione delle persone porterà a una riduzione della disoccupazione nel nostro Paese, ha rilevato Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (USAM). Le PMI sono infatti fortemente toccate dalla carenza di lavoratori qualificati e l'iniziativa minaccia di tagliarle fuori da un'importante bacino di reclutamento di questo tipo di manodopera.

«Bilateralismo vuol dire spinta economica» - La crisi del coronavirus ha dimostrato che senza gli specialisti europei che lavorano in Svizzera, il sistema sanitario elvetico avrebbe raggiunto rapidamente i suoi limiti, ha da parte sua affermato Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori (USI), aggiungendo che "l'approccio bilaterale ha dato alla Svizzera una spinta economica".

I sindacati ritengono che l'iniziativa sia finalizzata all'abolizione delle misure di accompagnamento. Il suo vero scopo non è quello di limitare l'immigrazione: si tratta di deregolamentare il mercato del lavoro e mettere sotto pressione i salari, ha spiegato il consigliere nazionale Pierre-Yves Maillard (PS/VD), presidente dell'Unione sindacale svizzera (USS).

Le misure di accompagnamento dovrebbero essere rinegoziate, ha ricordato il presidente di Travail.Suisse, Adrian Wüthrich, sottolineando come l'iniziativa rappresenti un pericolo per i posti di lavoro. Una sua accettazione, ha rilevato, ostacolerebbe la ripresa economica dalla crisi del coronavirus.

L'iniziativa per la limitazione esige che la Svizzera regoli in maniera autonoma l'immigrazione degli stranieri. Impedisce inoltre ogni nuovo trattato di obbligo internazionale per la libera circolazione.

Se l'iniziativa venisse accettata dal popolo, le autorità avrebbero un anno per negoziare la fine dell'accordo con Bruxelles. Se non si dovesse trovare una soluzione, il Consiglio federale dovrebbe uscire dall'intesa nel mese successivo, col rischio di far cadere l'insieme degli accordi bilaterali.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-25 06:48:29 | 91.208.130.89