Depositphotos (archivio)
SVIZZERA
28.10.2020 - 23:390

Alberghi: «Servono 500 milioni per i casi di rigore»

HotellerieSuisse chiede di potenziare il sostegno al settore alla luce delle nuove limitazioni

BERNA - «Con il giro di vite annunciato oggi, la già drammatica situazione degli alberghi svizzeri è destinata a peggiorare». Ad affermarlo è HotellerieSuisse, che in una nota diramata in serata chiede «ampie misure di sostegno» per il settore alberghiero, alla luce del nuovo inasprimento delle misure per la lotta al coronavirus.

Le nuove limitazioni «imposte al turismo portano in dissesto la catena di creazione del valore del ramo». Nel concreto, scrive HotellerieSuisse, serve in particolare - e con urgenza - un sostegno diretto ai casi di rigore pari a 500 milioni di franchi. «Le aziende interessate che prima della crisi erano competitive devono beneficiare di contributi a fondo perduto».

L'associazione degli albergatori chiede pure una reintroduzione «immediata» del sistema di crediti transitori previsti dalla Legge sulle fideiussioni solidali COVID-19, la proroga delle procedure semplificate e l'estensione dei diritti al lavoro ridotto.

«La seconda ondata è tutto fuorché alle spalle. Le previsioni parlano di una ripresa lenta per il prossimo anno e di un ritorno alla normalità solo nel 2022, se non addirittura nel 2023. Se proprio ora dovesse intervenire un nuovo lockdown, sia esso locale o nazionale, molti alberghi sarebbero spacciati».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 1 mese fa su tio
A fondo perso non sono per niente d'accordo. Eventualmente sempre che venga dato un prestito, questo deve essere restituito con un termine di 5-10anni.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 03:09:38 | 91.208.130.89