Keystone
Una foto d'archivio dal Paléo del 2019.
SVIZZERA
18.04.2021 - 12:050
Aggiornamento : 15:29

Entro luglio grandi eventi all'aperto con 1'000 partecipanti?

Per arrivare a 5'000 entro settembre, la proposta in una bozza dell'Ufsp che dovrà ancora essere valutata

Se per Alain Berset e per la Confederazione la parola d'ordine è ottimismo non mancano le polemiche

BERNA - Concerti e festival musicali con 1'000 partecipanti entro luglio, 5'000 persone entro settembre, sarebbe questo il progetto per la riapertura dei grandi eventi al vaglio dell'UFSP di Alain Berset.

Lo sostiene, attraverso una serie d'indiscrezioni il SonntagsBlick che specifica come - questi dettagli - non siano affatto incisi nella pietra e il fascicolo in questione dovrà essere ancora sottoposto al Consiglio federale e poi ai cantoni. A dire la sua sarà poi, ovviamente, anche l'andamento della pandemia.

L'idea, verosimilmente, è quella di mettere le mani avanti al più presto in vista di un'estate sempre più vicina e che si spera possa essere il più normale possibile. Anche in Ticino, se il Festival del film di Locarno è pronto a un'edizione (quasi) normale e in presenza, c'è chi - come Estival - ha deciso di alzare bandiera bianca anche nel 2021.

Una presa di posizione chiara da Berna, in questo frangente, è importante anche per gli organizzatori di festival & co. che potrebbero già iniziare a lavorare, sapendo - eventualmente - di poter contare sugli aiuti statali in caso le cose dovessero peggiorare.

Parola chiave: ottimismo - Attualmente, per Alain Berset e la Confederazione la parola chiave sembrano essere "ottimismo" e "rischio calcolato", grazie al vaccino che si ipotizza somministrato a tutta la popolazione adulta entro luglio (ma che è in ritardo in diversi cantoni) e alla tendenza pandemica, con una lieve risalita rispetto a Pasqua per quanto riguarda i contagi, ma non le ospedalizzazioni.

Per quanto riguarda le riaperture che varranno da lunedì, sono in diversi però a temere che si tratti di una mossa azzardata e poco lungimirante.

«Un allentamento, con la curva di casi che abbiamo oggi porterà a un nuovo aumento dei contagi e a nuove morti inutili», commenta al Blick l'epidemiologa dell'Università di Ginevra, Isabella Eckerle.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 02:53:52 | 91.208.130.87