Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
04.03.2021 - 12:000

Massacrarono una donna a martellate: condanna confermata

Il Tribunale federale ha respinto i ricorsi inoltrati dagli autori del tentato assassinio avvenuto nel 2016 a Ginevra

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) ha respinto i ricorsi di un uomo e una donna entrambi condannati a 16 anni di reclusione, rispettivamente per tentato assassinio e istigazione al tentato assassinio. I due furono gli autori di un efferato delitto: nell'estate del 2016 a Ginevra massacrarono di martellate una donna, che è rimasta viva ma soffre di postumi irreversibili.

I giudici della corte suprema con sede a Losanna hanno stabilito che la sentenza del 18 marzo 2020, pronunciata dalla Camera di appello e di revisione penale della Corte di giustizia ginevrina, non aveva alcun carattere arbitrario e che anche il principio della presunzione d'innocenza era stato rispettato, contrariamente a quanto sostenuto dai ricorrenti.

Il caso, giudicato in prima istanza dal Tribunale penale nel giugno del 2019, ha rivelato fatti particolarmente truci. La donna, sulla sessantina e affetta da paranoia, nutriva un profondo rancore verso la moglie del fratello. Ha quindi chiesto al suo vicino, un uomo di una cinquantina d'anni con cui condivideva le credenze di stregoneria, di intraprendere un'azione violenta contro la cognata.

Il vicino ha acconsentito. È andato nell'appartamento della vittima a Le Lignon, l'ha imbavagliata e legata per poi colpirla con un martello 45 volte, di cui sette in faccia. Creduta morta, la donna è stata infine trovata incosciente da un vicino.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 01:46:45 | 91.208.130.86