Keystone
BERNA
19.05.2020 - 19:360

Minacciato, il presidente degli importatori di carne di cavallo lascia

Josef Pittino ha puntato il dito contro l'Associazione per la protezione degli animali di Zurigo

BERNA - In seguito a pressioni e minacce contro la sua famiglia, il presidente dell'Associazione degli importatori svizzeri di carne di cavallo VPI si dimette. Come motivo Josef Pittino cita esplicitamente l'agire dell'Associazione per la protezione degli animali di Zurigo.

La "Tierschutzbund" (TSB) ha pubblicato oggi la lettera in cui Pittino scrive che la pressione dell'organizzazione è culminata in una missiva minatoria a sua moglie. In uno scritto anonimo si augura alla coppia che venga presa dal diavolo dal coronavirus. È ora di proteggere la mia famiglia. «Chissà cos'altro ha in serbo per me la TSB», continua la lettera di Pittino.

Date le dimissioni con effetto immediato, l'avvocato di Pittino ha vietato da subito alla TSB di continuare a nominare il suo cliente in immagini o testi in relazione alle importazioni di carne di cavallo.

La TSB è da tempo attiva contro le importazioni di carne di cavallo. In diverse occasioni ha richiamato l'attenzione sulle condizioni intollerabili di trasporto e macellazione dei cavalli in Sudamerica e altrove. Nell'annuncio delle dimissioni di Pittino, l'organizzazione ha espresso l'auspicio che «si svolgano ora discussioni serie con la VPI».
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 09:59:01 | 91.208.130.86