Tamedia
Daniel Höchli, direttore di Curaviva
SVIZZERA
10.04.2021 - 09:480
Aggiornamento : 14:40

La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani

Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.

Il direttore di Curaviva: «Un sostegno inferiore a quello per le associazioni sportive sarebbe triste».

BERNA - La prima ondata della pandemia di coronavirus, arrivata nel marzo dello scorso anno, ha comportato costi aggiuntivi di circa 160 milioni di franchi per le case di riposo e di cura svizzere al di fuori del finanziamento delle cure. L'associazione di categoria Curaviva si aspetta che i cantoni si assumano la loro responsabilità nel fornire sostegno finanziario.

La cifra di 160 milioni include la mancanza di entrate, ha detto in un'intervista pubblicata oggi dal Tages-Anzeiger Daniel Höchli, direttore di Curaviva, associazione di categoria delle istituzioni per persone bisognose di assistenza. «Per la seconda ondata, siamo in fase di calcolo», ha aggiunto Höchli.

Ci sono cantoni che stanno già preparando un sostegno finanziario e altri «dove non c'è molta volontà politica di aiutare», ha anche detto Höchli. «Sarebbe triste - ha notato - dover dire che le associazioni sportive hanno ricevuto un sostegno finanziario migliore di istituzioni che hanno una rilevanza sistemica, come le case di cura».

Secondo Höchli la futura gestione della pandemia richiede un dibattito approfondito su ciò che la gente vuole veramente nelle case di riposo e di cura. C'è bisogno di un migliore ascolto e di concetti di protezione che tengano conto delle diverse attitudini dei residenti, piuttosto che decidere semplicemente al posto loro, precisa direttore di Curaviva.

È difficile, ammette Höchli. Ma alla fine, la questione è come raggiungere un equilibrio tra il più alto livello possibile di protezione e il minor deterioramento possibile della qualità della vita. Ad esempio, durante la prima ondata di Covid-19, molti anziani avrebbero preferito vedere i loro nipoti piuttosto che essere completamente protetti e quindi isolati.

Quale associazione nazionale dei centri e delle istituzioni sociali svizzere, Curaviva rappresenta oltre 2700 istituti dei tre settori "Bambini e adolescenti", "Persone con disabilità" e "Persone anziane". Le strutture affiliate offrono un tetto a circa 120'000 persone e danno lavoro a oltre 130'000 dipendenti.

«Le casse malati avrebbero dovuto partecipare» - Interpellata in merito alla questione dall'agenzia Keystone-ATS, la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) ha dichiarato di aver già attirato già la scorsa primavera l'attenzione dei cantoni sui costi supplementari delle cure. Alle associazioni interessate dalla questione, la CDS ha detto che le soluzioni dovranno essere trovate a livello cantonale o comunale.

I direttori della sanità hanno esortato, a livello federale, le casse malattia a contribuire ai costi aggiuntivi. A tal fine, avrebbero dovuto aumentare temporaneamente i contributi dell'assicurazione obbligatoria ai costi delle cure. Tuttavia questa proposta non ha avuto successo. Secondo le cifre del 2020, gli assicuratori hanno comunque sostenuto costi significativamente più elevati nelle case di cura.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-05 23:58:45 | 91.208.130.87