20minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
3 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
4 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
ZURIGO
6 ore
Colpito dal tram, muore in ospedale
Un 45enne tedesco ha perso la vita in seguito a uno scontro con un tram zurighese
FRIBURGO
8 ore
Un colpo di sonno, e giù nel ruscello
Un giovane conducente si è addormentato al volante sull'A12, finendo in un corso d'acqua
BERNA
9 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
9 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
10 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
12 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SVITTO
13 ore
I costi delle PC AVS/AI a carico del cantone
Finora la metà della spesa era assunta dai comuni.
BERNA 
13 ore
Iniziativa 99%: «Peccato, era moderata»
Regula Rytz e Tamara Funiciello esprimono la propria delusione per l'esito della votazione.
BERNA 
14 ore
«Giorno nero per i bambini»
C'è delusione tra gli oppositori, anche se le speranze erano già svanite da tempo.
BERNA
14 ore
Matrimonio per tutti: gioia fra i favorevoli
A Berna ci si sta già preparando a festeggiare per quello che sembra un esito ormai scontato.
BERNA
29.03.2021 - 23:370

GastroSuisse troverà soluzioni migliori del Consiglio federale?

Un'iniziativa popolare vuole risolvere i problemi finanziari del settore della ristorazione in caso di future pandemie.

Secondo un esperto questo strumento aiuterà a combattere la frustrazione, ma sarà poco efficace all'atto pratico

BERNA - Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse, ha dato oggi libero sfogo alla sua frustrazione in una conferenza stampa: «Il Consiglio federale ha fallito, così come il Parlamento, e le società di ristorazione colpite dalla pandemia sono state aiutate molto meglio all'estero», ha dichiarato.

Platzer ha criticato aspramente le modalità di aiuti alle realtà in difficoltà, sostenendo che arrivano troppo tardi costringendo all'indebitamento. Da qui l'annuncio del lancio di un'iniziativa popolare. L'obiettivo: in caso di future pandemie, l'Epidemic Act dovrebbe disciplinare chiaramente quali società hanno il diritto di essere aiutate e in quale misura.

Il testo dell'iniziativa deve ancora essere scritto - Il testo dell'iniziativa non è ancora disponibile, come sottolineato da Alois Gmür, consigliere nazionale e presidente dell’intergruppo parlamentare hôtellerie e ristorazione. Interpellato da 20 Minuten, spiega che i mezzi esistenti, come il risarcimento per casi di rigore o la perdita di guadagno, non sono soddisfacenti. «Vogliamo aprire a nuovi orizzonti con questa iniziativa. Una soluzione di compensazione uniforme e valida a livello nazionale deve essere stabilita per ogni settore. Perché è stato dimostrato che in una crisi di questa portata la gestione cantonale non è adatta a risolvere i problemi».

Gmür spiega il motivo per il quale si è scelta la strada dell'iniziativa popolare: «Il Parlamento è responsabile delle soluzioni insostenibili attualmente in atto. Al momento vengono presentate così tante mozioni che potrebbero volerci anche diversi anni prima che una di queste entri nell'ordine del giorno. Noi vogliamo abbracciare tutte le associazioni interessate e fare pressione sul Consiglio federale e il Parlamento».

Segnali positivi da altri settori - Il testo dell'iniziativa dovrebbe essere pronto entro il tardo autunno. «Vogliamo iniziare a raccogliere le firme rapidamente, perché la nostra preoccupazione è quella di molti», conclude Gmür.

Fino ad allora, dovrebbero essere coinvolte anche altre associazioni di settore. Il feedback iniziale è stato positivo: «Siamo pienamente favorevoli all'idea che lo Stato debba risarcire le aziende forzatamente messe in difficoltà, in modo semplice e completo», afferma Claude Ammann, presidente della Federazione Svizzera dei Centri Fitness e di Salute (SFGV).

«Parafulmine per l'insoddisfazione» - Per il politologo Daniel Kübler dell'Università di Zurigo, la preoccupazione è giustificata: «Un'iniziativa può fungere da parafulmine per l'insoddisfazione generale. L'iniziativa potrebbe anche aiutare a mantenere la pressione sugli attori politici. Dopo tutto non sappiamo come sarà la situazione tra due o tre anni», aggiunge.

Kübler, tuttavia, dubita che un'iniziativa popolare possa essere efficace: «In Parlamento non è mancata la volontà di risarcire le persone colpite. Tuttavia, è stato dimostrato che l'implementazione dei risarcimenti è complicata. Dubito che gli iniziatori troveranno la chiave di volta se il Consiglio federale, i cantoni e il Parlamento non lo hanno fatto prima».

Anche il consigliere nazionale Leo Müller è scettico: «Con un'iniziativa popolare si potrebbe mettere le basi per realizzare questi compensi. Ma per la loro attuazione si dovrebbe discuterne esattamente nello stesso modo in cui abbiamo fatto per giorni, in Parlamento, negli ultimi mesi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 6 mesi fa su tio
😂😂😂😂😂😂😂😂😂
SteveC 6 mesi fa su tio
Non dovrebbe essere troppo difficile trovare soluzioni migliori di quelle del Consiglio Federale
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 02:52:08 | 91.208.130.85