20minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
17 min
Dalla pandemia alla giustizia: come voterai il prossimo 28 novembre?
Mancano poche settimane alle votazioni federali. Partecipa al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
ZURIGO
10 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
SVIZZERA
10 ore
Un passo in avanti nel ridare movimento ai paralitici
L'impianto di due elettrodi effettuato sulle scimmie ha permesso il ripristino del movimento della mano.
SVIZZERA
14 ore
Queste attrezzature subacquee potrebbero perdere ossigeno
Si tratta di tre articoli venduti da Decathlon. I clienti possono riportarli direttamente in negozio
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
14 ore
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
15 ore
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
BASILEA
15 ore
Basilea vende 300 opere d'arte
Il Cantone ha accumulato un'enorme collezione in 90 anni. E ha deciso di metterla sul mercato
SVIZZERA
16 ore
Covid: salgono i casi, ricoverati stabili
I pazienti Covid occupano ora l'1,8% dei posti letto complessivi.
SOLETTA
16 ore
Clienti “influencer” per andare in palestra senza Covid Pass
Lo stratagemma è stato adottato in una struttura solettese, ma è poi stato segnalato alle autorità
SVIZZERA
17 ore
Altri 915 milioni per far fronte alla pandemia nel 2022
Il Governo federale ha adottato il messaggio per la proroga di alcune disposizioni della legge Covid-19
BERNA
18 ore
Scontro tra un auto e un treno
È successo nel Canton Berna. Fortunatamente non si registrano feriti
FOTO
ZURIGO
18 ore
Entrano in casa, li legano, e fuggono con gioielli e denaro
La polizia è alla ricerca dei malviventi autori di un colpo avvenuto, questa mattina, in una villetta a Oberengstringen.
BERNA
29.03.2021 - 23:370

GastroSuisse troverà soluzioni migliori del Consiglio federale?

Un'iniziativa popolare vuole risolvere i problemi finanziari del settore della ristorazione in caso di future pandemie.

Secondo un esperto questo strumento aiuterà a combattere la frustrazione, ma sarà poco efficace all'atto pratico

BERNA - Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse, ha dato oggi libero sfogo alla sua frustrazione in una conferenza stampa: «Il Consiglio federale ha fallito, così come il Parlamento, e le società di ristorazione colpite dalla pandemia sono state aiutate molto meglio all'estero», ha dichiarato.

Platzer ha criticato aspramente le modalità di aiuti alle realtà in difficoltà, sostenendo che arrivano troppo tardi costringendo all'indebitamento. Da qui l'annuncio del lancio di un'iniziativa popolare. L'obiettivo: in caso di future pandemie, l'Epidemic Act dovrebbe disciplinare chiaramente quali società hanno il diritto di essere aiutate e in quale misura.

Il testo dell'iniziativa deve ancora essere scritto - Il testo dell'iniziativa non è ancora disponibile, come sottolineato da Alois Gmür, consigliere nazionale e presidente dell’intergruppo parlamentare hôtellerie e ristorazione. Interpellato da 20 Minuten, spiega che i mezzi esistenti, come il risarcimento per casi di rigore o la perdita di guadagno, non sono soddisfacenti. «Vogliamo aprire a nuovi orizzonti con questa iniziativa. Una soluzione di compensazione uniforme e valida a livello nazionale deve essere stabilita per ogni settore. Perché è stato dimostrato che in una crisi di questa portata la gestione cantonale non è adatta a risolvere i problemi».

Gmür spiega il motivo per il quale si è scelta la strada dell'iniziativa popolare: «Il Parlamento è responsabile delle soluzioni insostenibili attualmente in atto. Al momento vengono presentate così tante mozioni che potrebbero volerci anche diversi anni prima che una di queste entri nell'ordine del giorno. Noi vogliamo abbracciare tutte le associazioni interessate e fare pressione sul Consiglio federale e il Parlamento».

Segnali positivi da altri settori - Il testo dell'iniziativa dovrebbe essere pronto entro il tardo autunno. «Vogliamo iniziare a raccogliere le firme rapidamente, perché la nostra preoccupazione è quella di molti», conclude Gmür.

Fino ad allora, dovrebbero essere coinvolte anche altre associazioni di settore. Il feedback iniziale è stato positivo: «Siamo pienamente favorevoli all'idea che lo Stato debba risarcire le aziende forzatamente messe in difficoltà, in modo semplice e completo», afferma Claude Ammann, presidente della Federazione Svizzera dei Centri Fitness e di Salute (SFGV).

«Parafulmine per l'insoddisfazione» - Per il politologo Daniel Kübler dell'Università di Zurigo, la preoccupazione è giustificata: «Un'iniziativa può fungere da parafulmine per l'insoddisfazione generale. L'iniziativa potrebbe anche aiutare a mantenere la pressione sugli attori politici. Dopo tutto non sappiamo come sarà la situazione tra due o tre anni», aggiunge.

Kübler, tuttavia, dubita che un'iniziativa popolare possa essere efficace: «In Parlamento non è mancata la volontà di risarcire le persone colpite. Tuttavia, è stato dimostrato che l'implementazione dei risarcimenti è complicata. Dubito che gli iniziatori troveranno la chiave di volta se il Consiglio federale, i cantoni e il Parlamento non lo hanno fatto prima».

Anche il consigliere nazionale Leo Müller è scettico: «Con un'iniziativa popolare si potrebbe mettere le basi per realizzare questi compensi. Ma per la loro attuazione si dovrebbe discuterne esattamente nello stesso modo in cui abbiamo fatto per giorni, in Parlamento, negli ultimi mesi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 7 mesi fa su tio
😂😂😂😂😂😂😂😂😂
SteveC 7 mesi fa su tio
Non dovrebbe essere troppo difficile trovare soluzioni migliori di quelle del Consiglio Federale
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 06:17:27 | 91.208.130.87