keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
26 min
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
38 min
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
58 min
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
1 ora
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
1 ora
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
2 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
SVIZZERA
4 ore
«Il turismo rischia grosso»
Legge Covid: le associazioni di categoria compatte verso il voto del 28 novembre
SVIZZERA/SPAGNA
4 ore
L'eruzione, l'evacuazione e la casa travolta. Una zurighese a La Palma
Trasferitasi da Zurigo a La Palma, una 38enne ha vissuto in prima persona la perdita della casa dei sogni
SVIZZERA
16 ore
Code a non finire e trasporti al collasso, la Confederazione è preoccupata
Per Michael Töngi, consigliere nazionale dei Verdi, la soluzione è il mobility pricing, anche in favore
SVIZZERA
17 ore
Le donne del PPD hanno una nuova Presidente
Si tratta dell'argoviese Christina Bachmann-Roth
SAN GALLO
18 ore
Cervelat con un chiodo: «I bambini potevano farsi male»
Un'esca crudele per animali è stata trovata in un parco giochi. La polizia: «Non è la prima volta»
BASILEA CAMPAGNA
18 ore
Perde il controllo del veicolo e finisce contro un lampione
Il 59enne alla guida, le cui condizioni non sono state rese note, è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
18 ore
Accudimento dei bambini: un servizio pubblico accessibile a tutti
«Per molte famiglie, specialmente per i genitori single, la cura dei bambini da parte di terzi è una necessità»
SVIZZERA
19 ore
Il capo dell'esercito ammette alcuni errori nei costi per l'informatica
Il budget è stato fissato a 100 milioni in meno di quanto poi risultato in un secondo tempo
BERNA
21 ore
I "no pass" riempiono la Bundesplatz
Migliaia di manifestanti si sono rinuniti oggi pomeriggio davanti a Palazzo Federale
VAUD
22 ore
UDC in assemblea: tre "no" e una risoluzione contro le città di sinistra
Marco Chiesa ha poi scoccato alcune critiche al Consiglio federale, sulle restrizioni e sull'energia
ZURIGO
23 ore
Investito sulle strisce, non ce l'ha fatta
Un 77enne ha perso la vita in seguito alla collisione con una vettura
ZURIGO
15.12.2020 - 11:290
Aggiornamento : 14:30

Zurigo, ospedali al collasso: «Temiamo che il personale si dimetta per lo stress»

I numeri sono preoccupanti e i posti in terapia intensiva praticamente esauriti.

I responsabili delle strutture ospedaliere zurighesi si sono riuniti per fare il punto della situazione.

BERNA - Gli ospedali zurighesi sono vicini al collasso. Già sabato, nell'Ospedale universitario di Zurigo, erano solo tre i letti liberi nel reparto di terapia intensiva. Ieri, la conferma con un dato altrettanto allarmante: 535 persone ospedalizzate nel cantone più popoloso della Svizzera. Il numero più alto dall'inizio della pandemia. E poi ancora altre cifre da brivido: 41 decessi in 72 ore e 99 persone in cure intense. L'occupazione dei letti di terapia intensiva, ormai, ha raggiunto quasi il 100%. Esistono capacità di riserva, ma soltanto per casi isolati, avvertiva l'Associazione degli ospedali zurighesi (VZK).

«1% del personale in isolamento o quarantena» - Per fare il punto della situazione, oggi, si sono riuniti i rappresentanti delle strutture ospedaliere zurighesi. Gregor Zünd, CEO dell'Ospedale universitario di Zurigo (USZ), ha descritto una situazione allarmante: «Attualmente abbiamo 101 dipendenti in isolamento o in quarantena, ovvero l'1% del personale. Abbiamo dovuto chiudere le sale operatorie per aprirle ai pazienti Covid», ha spiegato sottolineando come la collaborazione tra gli ospedali al momento stia funzionando bene.

«Non siamo preparati a resistere ancora per molto» - André Zemp, direttore dell'ospedale Triemli di Zurigo, riferisce di 65 pazienti Covid nella sua struttura, 13 dei quali nel reparto di terapia intensiva. «La situazione richiede un grosso sforzo», afferma Zemp. «Abbiamo già dovuto posticipare 100 interventi - prosegue -. E non siamo preparati a resistere a una lunga maratona».

Deficit di personale - «Abbiamo iniziato la seconda ondata con una carenza del 10% di personale specializzato», ha sottolineato Zemp. Il suo timore, inoltre, è che i nostri dipendenti si dimettano perché non più in grado sopportare lo stress.

Anche il direttore dell'ospedale cantonale di Winterthur, Rolf Zehnder, snocciola dati preoccupanti: «Abbiamo 56 pazienti Covid-positivi, 11 nel reparto di terapia intensiva. Siamo preoccupati per l'evoluzione di questa seconda ondata». «Al momento abbiamo solo 4 letti per pazienti non Covid», ha specificato poi Zehnder. Anche qui si stanno chiudendo le sale operatorie e il carico di lavoro sui dipendenti, nelle ultime settimane, è notevolmente aumentato. A pesare, inoltre, è l'assenza di prospettive di miglioramento nel breve termine.

Ridurre i contatti - Secondo Zehnder, ora è particolarmente importante ridurre i contatti. Zünd ha aggiunto: «È nostro dovere rendere i politici consapevoli della drammaticità della situazione». Intanto le cifre continua a salire. «E lo faranno ancora», è convinto.

Rischi per gli sport invernali - Si pone poi il problema di chi si infortuna sciando. «Se continuano a salire i pazienti covid-positivi, sarà difficile prendersi cura degli appassionati di sport invernali feriti», sottolinea Zünd. 

Operazioni rinviate - L'USZ, intanto, sta cercando di recuperare il ritardo sulle operazioni urgenti che sono state rinviate. A Winterthur sono gli interventi del reparto di cardiochirurgia i primi ad essere stati rimandati. «Più a lungo durerà la pandemia, più aumenterà il numero di operazioni che dovranno essere posticipate», ha specificato Zehnder.

Tre persone per un malato - Secondo Gabi Brenner, responsabile del personale infermieristico all'USZ, sono necessari tre dipendenti per ogni persona infetta da Coronavirus. «Siamo in una maratona e non sappiamo quanto ancora durerà. L'incertezza sulla durata della pandemia è estremamente stressante per il nostro personale».

In caso di emergenza, comunque in ospedale - Zehnder si rivolge alla popolazione: «Le persone che hanno un'emergenza medica devono rivolgersi a noi nonostante la situazione». Zünd gli fa eco: «Abbiamo saputo che alcuni pazienti non si sono rivolti a noi e che si sono aggravati in modo preoccupante. Non deve accadere».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 10 mesi fa su tio
Giusto per commentare il blog della guerra dei letti che non si può commentare... "Stettbacher glaubt dann aber nicht, dass die Better das Problem sein werden, "limitierend wird das Personal sein"" L'importante è trovare un problema. La soluzione non è importante e va prolungata il più a lungo possibile. Si chiama carota!
pillola rossa 10 mesi fa su tio
78 percento di occupazione
egi47 10 mesi fa su tio
L'esempio da seguire è quello del Vallese che, dopo il picco riscontrato dopo l'estate è corso ai ripari chiudendo bar, ristoranti, cinema e palestre. Ora il suo R0 è di 0,76 e la curva in declino costante. In ticino come in tanti altri cantoni siamo oltre 1.
lollo68 10 mesi fa su tio
A me sembra che il Ticino abbia più posti in terapia intensiva in proporzione alla popolazione che il Canton Zurigo. Vorrei ricordarvi che quasi la metà dei morti da noi è avvenuta in casa anziani e che qualsiasi misura venga presa non serve per proteggere queste persone. Invece il personale delle case anziani dovrebbe adottare ulteriori misure per non farsi contagiare!
Nano10 10 mesi fa su tio
Un elogio a quel clown 🤡 BERSET nel decidere di non decidere classico atteggiamento del PS suo inconcludente partito alle prossime elezioni via via fo di ball lui e socialisti 🤬
Volpino. 10 mesi fa su tio
Ma così facendo la gente si annuncia in malattia per esaurimento, si licenza e va poi a lavorare presso le cliniche private.
seo56 10 mesi fa su tio
Politici irresponsabili 🤐🤐🤐🤐
Dani 10 mesi fa su tio
Svegliaaaaaaaaaaa la 3a ondata partirà già con 100 morti al giorno..... Cosa aspettate I camion visti a Bergamo!!!!
Luca 68 10 mesi fa su tio
berse è ridicolo, continua a dire facciamo attenzione, rispettare le misure, e non si vuole chiudere tutto come a marzo, aspettiamo a vedere se le misure prese funzionano, tanto la gente muore, ospedali che stanno per esplodere, non è possibile essere così cechi e continuare così, cosa si aspetta a dichiarare la situazione straordinaria e chiudere tutto, dove sono i politici quando servono? non ho parole ma rabbia e vergogna di essere svizzero.
Talos63 10 mesi fa su tio
I politici stanno facendo quanto il federalismo (tanto amato quando le cose vanno bene) permette loro di fare. Siamo noi cittadini che invece non facciamo il necessario per diminuire i contagi. Pensiamo che siano gli altri a dover fare le cose ... finiamola e prendiamoci le nostre responsabilità
LucaAstro 10 mesi fa su tio
Allucinante! La Svizzera sta mostrando il suo lato destroide peggiore! I nostri politici sono incompetenti o collusi
joe69 10 mesi fa su tio
E il consiglio federale ancora dormeeeeeeeee.... pazzesco... Ma cosa si aspetta ancora??
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 12:35:45 | 91.208.130.85