Keystone/TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ARGOVIA
23 min
Rapinata una filiale della Volg, malviventi in fuga
I due uomini hanno minacciato una dipendente con una pistola. Sottratte diverse migliaia di franchi.
SVIZZERA
56 min
«Accelerare le vaccinazioni»
Il Consiglio federale e i Cantoni sono d'accordo: i test saranno intensificati
SVIZZERA
1 ora
Addio al barone de Rothschild
Stroncato da un infarto Benjamin, figlio del banchiere Edmond. Aveva 57 anni
SVIZZERA
1 ora
Malgrado il Covid, a scuola ci sono meno assenze
Da un sondaggio condotto in Svizzera tedesca emerge che i ragazzi malati sono meno rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
2 ore
Cambio di presidenza negli USA, Berna raccomanda prudenza
Il DFAE ha adeguato le raccomandazioni per i viaggi negli States
SVIZZERA
5 ore
Notte più fredda dell'inverno a nord delle Alpi
All'aeroporto di Zurigo sono stati misurati -14°C, ad Hallau (SH) si sono sfiorati i -18°C.
SAN GALLO
5 ore
Finisce addosso alla polizia, aveva le gomme estive
È successo ieri a San Gallo, in questi giorni è colpita da abbondanti nevicate.
SVIZZERA
14 ore
Si vaccina troppo lentamente? Berset non è contento
Tra qualche ora il consigliere federale presiederà una videoconferenza con i direttori cantonali della sanità
VALLESE
14 ore
Un intero quartiere in balìa di due cani
Succede a Naters: una donna è stata ferita e ha sporto denuncia
SVIZZERA
16 ore
Le forniture del vaccino di Pfizer rallentano: anche la Svizzera s'interroga
«Prendiamo sul serio la notizia» dichiarano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
23.10.2020 - 20:300
Aggiornamento : 22:02

Tutta Europa ci guarda, ora la “pecora nera” siamo noi

Anche l’Italia osserva l’incremento dei dati svizzeri sul Covid-19 con una certa preoccupazione

La critica: «A una crisi la Svizzera reagisce con un atteggiamento letargico».

Fonte 20 Minuten / Bettina Zanni
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - «Solo tre settimane fa eravamo una delle migliori nazioni sul piano europeo e ora siamo uno dei Paesi più in difficoltà». Lo ha detto mercoledì, in conferenza stampa da Berna, il consigliere federale Alain Berset, aggiungendo: «È difficile spiegare cosa abbia portato a questo, ma se si continua di questo passo senza reagire la situazione rischia di peggiorare ulteriormente». In effetti la seconda ondata di coronavirus in Svizzera sembra essere scoppiata letteralmente da un giorno all’altro. E se in giugno il nostro Paese era considerato il migliore al mondo in quanto a garanzie di protezione dal punto di vista sanitario ed economico (secondo uno studio condotto su 200 Paesi dal Deep Knowledge Group), oggi da “studente modello” siamo passati a “osservato speciale”. Con l'ammissione che i vicini fanno meglio di noi (o noi peggio di loro).

Nella settimana 42 (12-18 ottobre), sono stati registrati complessivamente 19'478 nuovi casi confermati in laboratorio, rispetto agli 8'749 nella settimana precedente, più del doppio. Il 15,5% dei tamponi (127'065) è risultato positivo. La Svizzera ha registrato 314 casi di coronavirus ogni 100’000 abitanti nel corso delle ultime due settimane. Tutti i cantoni superano la soglia di 60 fissata dalla Confederazione per definire i paesi a rischio, al rientro dai quali viene imposta la quarantena. 

La Germania ha messo tutti i cantoni sulla “lista nera” dei Paesi ad alto rischio di contagio, imponendo la quarantena a chi viene dalla Svizzera, tutta. Un articolo comparso su Der Spiegel descrive la strategia messa in atto dalla Confederazione per il contenimento dei contagi come “piuttosto cauta” rispetto alla reale situazione. Addirittura l’Italia - che ieri registrava oltre 16’000 nuovi casi - guarda alla Svizzera con preoccupazione. “1’000 positivi ogni 100mila abitanti, la Svizzera adesso spaventa anche l’Italia” titolava mercoledì il Messaggero. 

Ma per Hans Klaus, esperto in comunicazione e gestione delle crisi ed ex capo delle relazioni pubbliche del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), l’esitazione delle autorità nel prendere decisione più “drastiche” risiede proprio in un atteggiamento prettamente svizzero. «Di fronte a una crisi, il Paese si mostra letargico», fiacco, indolente. È una questione «quasi genetica» il tentativo di evitare grandi cambiamenti. «Inoltre il popolo è abituato a poter dire la sua su ogni cosa» e gli obblighi vengono imposti mal volentieri.

Klaus è critico anche nei confronti della visione svizzera: «Il loro sguardo non va oltre Chiasso». In pratica ognuno pensa al proprio “giardinetto”. «Finché le cose non li toccano direttamente, hanno la sensazione di poter continuare tranquillamente sulla loro strada». Poi, la stoccata finale: «In una crisi è importante che le autorità prendano una posizione chiara e dimostrino la loro capacità di leadership».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-16 14:04:36 | 91.208.130.85