Keystone/TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VALLESE
1 ora
A 239 km/h sui 120: rischia almeno un anno di carcere
Si tratta di un ventenne che la polizia ha fermato sabato in Vallese, lungo l'autostrada A9
SAN GALLO
1 ora
Cade da un metro e mezzo, morto un operaio
Il 59enne, che lavorava in un impianto di lavorazione della carne a Bazenheid, ha picchiato violentemente la testa.
GRIGIONI
1 ora
Si ribalta e si ferisce
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Tiefencastel. Ma nei Grigioni non è stato l'unico.
SVIZZERA / UNIVERSO
1 ora
Sarà un robot svizzero a ripulire lo spazio
I detriti presenti sull'orbita terrestre saranno ripuliti da un robot realizzato dal Politecnico federale di Losanna
SVIZZERA
1 ora
«Grave carenza di personale tra gli infermieri»
Le assenze sono talmente elevate che a volte sono comunque chiamate a lavorare persone che risultano positive.
BERNA
2 ore
«L’Islam politico sia un reato anche in Svizzera»
Lorenzo Quadri chiede al Consiglio federale di intervenire con delle limitazioni per «combattere l'estremismo islamico»
SVIZZERA
3 ore
Una società «alla deriva» per colpa del Covid-19
Uno studio dell'Università di Lucerna svela che la tolleranza reciproca e la fiducia nel prossimo sono diminuite.
SVIZZERA
3 ore
I consiglieri nazionali «devono poter votare a distanza»
La CIP-N ha deciso di elaborare una revisione urgente della Legge per i deputati in isolamento o quarantena.
ZURIGO
3 ore
Credit Suisse: arriva il banchiere con il burnout
Sarà il nuovo presidente del Cda. Il suo "esaurimento" l'ha portato a rivalutare la salute mentale dei dipendenti.
SVIZZERA
4 ore
Le biblioteche uniscono le loro forze
In arrivo una piattaforma che consentirà la ricerca e il prestito di volumi di quasi 500 biblioteche
SVIZZERA
23.10.2020 - 20:300
Aggiornamento : 22:02

Tutta Europa ci guarda, ora la “pecora nera” siamo noi

Anche l’Italia osserva l’incremento dei dati svizzeri sul Covid-19 con una certa preoccupazione

La critica: «A una crisi la Svizzera reagisce con un atteggiamento letargico».

Fonte 20 Minuten / Bettina Zanni
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - «Solo tre settimane fa eravamo una delle migliori nazioni sul piano europeo e ora siamo uno dei Paesi più in difficoltà». Lo ha detto mercoledì, in conferenza stampa da Berna, il consigliere federale Alain Berset, aggiungendo: «È difficile spiegare cosa abbia portato a questo, ma se si continua di questo passo senza reagire la situazione rischia di peggiorare ulteriormente». In effetti la seconda ondata di coronavirus in Svizzera sembra essere scoppiata letteralmente da un giorno all’altro. E se in giugno il nostro Paese era considerato il migliore al mondo in quanto a garanzie di protezione dal punto di vista sanitario ed economico (secondo uno studio condotto su 200 Paesi dal Deep Knowledge Group), oggi da “studente modello” siamo passati a “osservato speciale”. Con l'ammissione che i vicini fanno meglio di noi (o noi peggio di loro).

Nella settimana 42 (12-18 ottobre), sono stati registrati complessivamente 19'478 nuovi casi confermati in laboratorio, rispetto agli 8'749 nella settimana precedente, più del doppio. Il 15,5% dei tamponi (127'065) è risultato positivo. La Svizzera ha registrato 314 casi di coronavirus ogni 100’000 abitanti nel corso delle ultime due settimane. Tutti i cantoni superano la soglia di 60 fissata dalla Confederazione per definire i paesi a rischio, al rientro dai quali viene imposta la quarantena. 

La Germania ha messo tutti i cantoni sulla “lista nera” dei Paesi ad alto rischio di contagio, imponendo la quarantena a chi viene dalla Svizzera, tutta. Un articolo comparso su Der Spiegel descrive la strategia messa in atto dalla Confederazione per il contenimento dei contagi come “piuttosto cauta” rispetto alla reale situazione. Addirittura l’Italia - che ieri registrava oltre 16’000 nuovi casi - guarda alla Svizzera con preoccupazione. “1’000 positivi ogni 100mila abitanti, la Svizzera adesso spaventa anche l’Italia” titolava mercoledì il Messaggero. 

Ma per Hans Klaus, esperto in comunicazione e gestione delle crisi ed ex capo delle relazioni pubbliche del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), l’esitazione delle autorità nel prendere decisione più “drastiche” risiede proprio in un atteggiamento prettamente svizzero. «Di fronte a una crisi, il Paese si mostra letargico», fiacco, indolente. È una questione «quasi genetica» il tentativo di evitare grandi cambiamenti. «Inoltre il popolo è abituato a poter dire la sua su ogni cosa» e gli obblighi vengono imposti mal volentieri.

Klaus è critico anche nei confronti della visione svizzera: «Il loro sguardo non va oltre Chiasso». In pratica ognuno pensa al proprio “giardinetto”. «Finché le cose non li toccano direttamente, hanno la sensazione di poter continuare tranquillamente sulla loro strada». Poi, la stoccata finale: «In una crisi è importante che le autorità prendano una posizione chiara e dimostrino la loro capacità di leadership».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:28:52 | 91.208.130.85