Keystone
SVIZZERA
11.04.2020 - 09:010

«Non ci sono scorciatoie, andiamo fino in fondo»

Alain Berset invita la popolazione a non abbassare la guardia. Finché non ci sarà un vaccino, la malattia non scomparirà

BERNA - Bisogna rimanere disciplinati, soprattutto durante il periodo di Pasqua. «Altrimenti le infezioni aumenteranno di nuovo. Non ci sono scorciatoie. Dobbiamo andare fino in fondo». Lo ha detto Alain Berset in un'intervista con le testate del gruppo CH-Media. Il consigliere federale invita gli svizzeri a non sottovalutare il rischio che la lotta contro il coronavirus possa subire una battuta d'arresto. 

In prospettiva futura sarà importante verificare il livello di immunità della popolazione attraverso i test sierologici. Attualmente - ha ricordato Berset - in Svizzera si contano oltre 24'000 persone che sono risultate positive al virus. Il numero è in realtà significativamente più alto e sarebbe compreso, secondo uno studio internazionale, fra 200'000 e 250'000.

«Quello che possiamo fare ora è rallentare la diffusione del virus e in seguito evitare che singole malattie portino a ulteriori infezioni», ha dichiarato il ministro della sanità.

Finché non ci sarà un vaccino, la malattia non scomparirà. In base alle attuali conoscenze, il virus continuerà a diffondersi fino a quando circa due terzi della popolazione ne sarà immune. Per la Svizzera ciò corrisponde a circa 6 milioni di persone: una cifra da cui si è ancora molto lontani.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 11:15:24 | 91.208.130.85