Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
2 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
2 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
SVIZZERA
3 ore
Un'altra protesta contro le misure per il coronavirus
Ha avuto luogo oggi a Berna davanti a Palazzo federale. I manifestanti chiedevano un ritorno alla “vecchia” normalità
SAN GALLO
4 ore
La lampada vicino al letto. L'incendio e l'ospedale
A lasciarla accesa e incustodita è stato un 20enne, che nella notte ha lasciato la sua stanza per spostarsi in soggiorno
GRIGIONI
4 ore
Incendio causato da una candela: evacuati più alloggi
Il rogo si è sviluppato la scorsa notte in un appartamento di Coira. Sedici gli sfollati
ZURIGO
5 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SAN GALLO
6 ore
Incidente a Buchs: morto un ottantenne
L'uomo stava circolando con un mezzo elettrico a due ruote, quando è finito contro un'auto
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
7 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
SVIZZERA
7 ore
Esame di medicina modificato causa coronavirus: la responsabile si dimette
Più di 1'200 studenti erano troppi per svolgere l'abituale esame pratico. Così, però, il diploma si farà attendere.
BERNA
8 ore
Prestazioni mediche più care per recuperare le perdite del Covid-19
È la ricetta proposta da Alain Schnegg, direttore del Dipartimento della sanità bernese
SVIZZERA
8 ore
Coronavirus in Svizzera: 17 nuovi casi ma nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro paese 30'845 persone sono risultate positive al virus
SVIZZERA
9 ore
La chiesa protestante propone il più grande servizio religioso sul web
Si tratta di un culto online che sarà proposto domani per la solennità di Pentecoste
FRIBURGO
10 ore
Con l'auto finisce in un campo: conducente ferita
La donna ha così evitato la collisione con una vettura che stava effettuando un sorpasso azzardato
BERNA
11 ore
Berna in aiuto agli apprendisti
Un nuovo regolamento intende contrastare le conseguenze del Covid-19. Si temono fino a 20mila posti in meno.
SVIZZERA / EUROPA
13 ore
Dove possiamo viaggiare? Il punto della situazione
Una panoramica generale dell'apertura delle frontiere europee
SVIZZERA
02.04.2019 - 06:040
Aggiornamento : 10:13

«Sarà normale abbonarsi a più servizi streaming»

Oltre ad Apple, anche Disney proporrà una piattaforma online. Secondo l’esperto, chi vorrà restare aggiornato su film e serie dovrà sottoscrivere almeno due abbonamenti

Streaming

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Nel settore dello streaming TV la concorrenza si fa sempre più agguerrita. Basti pensare che la scorsa settimana Apple ha annunciato il lancio del suo servizio TV+. Una mossa analoga intende farla Disney. Comunque anche in Svizzera già ora sono disponibili più servizi streaming. Ma attualmente la maggioranza è fedele a Netflix: nel 2018 nel nostro paese la piattaforma contava 1,5 milioni di account, come mostra il rilevamento IGEM Digimonitor 2018. Nel 2015 erano 320’000.

Un solo abbonamento non basterà più - Le piattaforme di Apple e Disney porteranno a una frammentazione del mercato dello streaming. «Chi vorrà essere aggiornato su film e serie avrà bisogno di almeno due abbonamenti» afferma quindi l’esperto Jean-Claude Frick.

La serie “Il Trono di Spade” viene proposta in esclusiva da HBO, mentre Netflix si vuole distinguere con sempre più contenuti originali. E se anche Apple proporrà produzioni che devono essere viste, allora sarà necessario un ulteriore abbonamento. Per non parlare poi dell’offerta a pagamento indirizzata agli appassionati di sport. «Il tutto diventa purtroppo davvero costoso».

«Per i servizi streaming la guerra dei contenuti è sempre più importante» spiega Siri Fischer, responsabile di IGEM. Si osserva infatti che gli utenti scelgono la piattaforma in base all’offerta, e non per la fiducia nei confronti del fornitore.

Frammentazione nello sport - Un comportamento, questo, che si constata in particolare nell’offerta sportiva. «Gli utenti utilizzano un servizio streaming fintanto che detiene determinati diritti. Nel momento in cui il fornitore li perde, perderà anche i relativi fruitori» dice Fischer, secondo cui Netflix sarà in grado di mantenere una posizione dominante soltanto finché riuscirà a offrire i contenuti più esclusivi.

«Il mercato dello streaming è sempre più frammentato - osserva Frick - soprattutto nella trasmissione di eventi sportivi: ogni genere di sport o campionato viene trasmesso su un determinato canale. E chi vuole seguire sia il calcio sia l’hockey deve fare capo a due differenti servizi a pagamento».

E ci si mette la Disney - Quanto già successo nello sport, si sta quindi verificando anche nello streaming di film e serie. Determinati contenuti sono disponibili soltanto su una certa piattaforma, sottolinea Frick. L’imminente ingresso di Apple e soprattutto di Disney nel mercato dello streaming porterà a un’ulteriore frammentazione dell’offerta. «Verosimilmente alla fine del 2019 le produzioni Disney spariranno da Netflix, perché Disney sarà attiva in proprio nel settore dello streaming».

Verso la fruizione illegale - Questa situazione potrebbe però promuovere la fruizione illegale di contenuti. Già oggi non tutti sono disposti a pagare un canone mensile per le offerte di streaming. Non è per forza difficile procurarsi un accesso illegale a una piattaforma, dice Frick. Ma per la maggior parte degli utenti rappresenta comunque un certo impegno.

Nel Darknet sarebbe per esempio possibile acquistare per cinque franchi i dati d’accesso a Netflix. «Visto che la maggior parte dei fornitori permette più utenti simultanei, spesso la truffa emerge soltanto dopo diversi mesi. Di solito quando se ne accorge il legittimo proprietario dell’account».

Voi come vi districate nell'universo dello streaming? Raccontateci la vostra esperienza scrivendo a cronaca@tio.ch

I servizi disponibili in Svizzera

Nel nostro paese Netflix va per la maggiore: nel 2018 contava 1,5 milioni di utenti. Ma non è l’unica piattaforma disponibile. Ecco alcuni esempi.

Netflix: Un abbonamento base (per un solo dispositivo e con qualità dell’immagine standard) costa 11,90 franchi al mese. Ma pagando di più è possibile utilizzare più dispositivi. La piattaforma propone film, serie, produzioni proprie, contenuti per bambini e un’ampia selezione di documentari.

Amazon Prime Video: Nei primi sei mesi l’abbonamento costa 3,50 franchi al mese. Poi sale a 7 franchi. L’offerta: film, serie, produzioni proprie, contenuti per bambini e documentari.

Sky Ticket-Show: La sottoscrizione ha una tariffa mensile di 14,80 franchi. L’offerta comprende film, serie, produzioni proprie e serie esclusive HBO (tra cui tutte le stagioni del "Trono di Spade").

Teleclub Play: Un’ampia offerta di cui possono fruire i clienti Swisscom pagando 12,90 franchi al mese. La piattaforma propone film, serie, trasmissioni sportive registrate e un’ampia selezione di contenuti per bambini.

Apple iTunes: Tutti i possessori di un dispositivo Apple possono visionare singoli film per 4,50 franchi. Il catalogo comprende film e serie.

Google Play: Per gli utenti Android costa un po’ meno: un film viene 3,50 franchi. Anche in questo caso il catalogo comprende film e serie.

My Prime: Offerta destinata ai clienti UPC a una tariffa mensile di 9,95 franchi. La piattaforma comprende film, serie, documentari e un’ampia selezione di contenuti per bambini.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lino Bigo 1 anno fa su fb
Sarà normale piratare qualsiasi servizio streaming
Biasca Samuele 1 anno fa su fb
Lo sarà quando sarà normale non pagare un canone inutile.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-30 21:17:24 | 91.208.130.89