Immobili
Veicoli
Roma
1
Cagliari
0
2. tempo
(1-0)
Atalanta
Inter
20:45
 
Lugano
2
Bienne
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-2)
WAS Capitals
VAN Canucks
20:00
 
Roma
1
Cagliari
0
2. tempo
(1-0)
Atalanta
Inter
20:45
 
Lugano
2
Bienne
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-2)
WAS Capitals
VAN Canucks
20:00
 
Imago
+10
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HCL
1 ora
Fa festa il Bienne, il Lugano cade ancora
Malgrado un ottimo avvio, il Lugano è stato rimontato nell’ultima frazione dal Bienne, capace di imporsi 3-2.
HCAP
1 ora
Niente bis: Ambrì sconfitto a Losanna
I biancoblù, battuti 3-2, hanno sciupato l'occasione di migliorare la loro media-punti.
TENNIS
3 ore
La famiglia Djokovic: «Purtroppo non ha vinto lo sport»
La famiglia è estremamente dispiaciuta per quanto capitato al tennista.
SCI ALPINO
5 ore
Pazzesco Lucas Braathen: da 29esimo a vincitore
Clamoroso epilogo nella gara fra i paletti stretti con il norvegese che ha centrato una vittoria storica
TENNIS
6 ore
Durissima reazione del padre di Nole
La federazione serba di tennis: «La farsa è finita. Questa volta la politica ha sconfitto lo sport».
SCI ALPINO
7 ore
Lara nelle retrovie, in Austria vince Brignone davanti a una grandissima Suter
L'italiana si è imposta sulle nevi austriache davanti alla svittese di appena quattro centesimi
MELBOURNE
7 ore
Lamenti e pretese, storia del (pessimo) modello-Djokovic
In Australia Djokovic ha goduto di favori inarrivabili per qualsiasi comune mortale
NATIONAL LEAGUE
8 ore
Quattro giornate a Blaser
Il difensore del Langnau paga per un'ostruzione ai danni di Prassl
SCI ALPINO
8 ore
Kristoffersen detta legge a Wengen (almeno per ora)
Miglior elvetico Ramon Zenhäusern, quarto a 62 centesimi dal norvegese: riuscirà a salire sul podio?
TENNIS
9 ore
«Può tornare in Serbia a testa alta, l'hanno maltrattato»
Il presidente serbo Aleksandar Vucic non ha usato mezzo termini ed è arrabbiato per il trattamento riservato al 34enne
NATIONAL LEAGUE
9 ore
Il Langnau cambia allenatore
I Tigrotti hanno annunciato di aver esonerato Jason O'Leary
TENNIS
10 ore
Espulsione dall'Australia: parla Nole
Le parole del serbo a margine della sentenza definitiva.
TENNIS
11 ore
Nole dovrà lasciare l'Australia il prima possibile e pagare le spese processuali
Confermate le motivazioni di Alex Hawke, il Ministro dell'Immigrazione.
MELBOURNE
11 ore
Game, set, match: Djokovic espulso dall’Australia
Vincono il Ministro e l’opinione pubblica: l’Australia espelle il no vax Djokovic
SERIE A
21 ore
Ruggito Juve con Dybala e McKennie
I bianconeri vincono 2-0 allo Stadium: l'argentino apre le marcature, ma non esulta. Immobile trascina la Lazio.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
05.05.2021 - 07:300
Aggiornamento : 15:23

«Antonio obbligato a speculare, José ci farà divertire»

Arno Rossini: «Triplete strepitoso ma irripetibile: quel gioco è superato».

Soldi e coraggio o non si vince: «Lukaku? Ci sarà un motivo se le big d’Europa non lo cercano».

MILANO/ROMA - C’è una nobile che è appena tornata ad assaggiare il successo e, rapita dalla sua dolcezza, ora è decisa ad abbuffarsi. E ce n’è un’altra che, consumata da un digiuno prolungato, ha deciso che farà di tutto per tornare a farsi servire qualche portata succulenta.

Inter e Roma sono, a modo loro, la novità che avanza nel calcio italiano. Dopo nove anni di banchetti con un’unica invitata - la Juventus - queste due grandi del pallone azzurro hanno infatti deciso di meritare l’invito a tavola. I nerazzurri si sono mossi prima, hanno levato l’abito buono dalla naftalina e, con un biennio di lavoro duro, si sono guadagnati un posto riservato. Il loro esempio lo vogliono ora seguire i giallorossi che, per prepararsi al meglio per l’eventuale cerimonia, si sono affidati a José da Setúbal, ovvero uno dei migliori consiglieri possibili.

«L’Inter ha vinto con merito il campionato - ha raccontato Arno Rossini - ora deve prepararsi a una nuova durissima sfida: deve riuscire a confermarsi. Mai semplice». 

Vista la confusione di casa-Juve, i nerazzurri sembrano davvero poter recitare da protagonisti anche nella prossima stagione.
«Hanno un impianto di gioco solido, estremamente efficace, e interpreti di primo livello. Hanno una difesa eccezionale e Lukaku lì davanti; fossero tutti confermati e rimanesse anche Conte, sarebbe difficile spodestarli».

Lukaku è stato devastante. Lo sprint verso il titolo è però davvero cominciato da quando in campo si sono visti con costanza Eriksen e Perisic. In molti indicano nella partita contro la Lazio, a febbraio, la vera svolta. 
«Sono d’accordo. Prima le soluzioni offensive erano più limitate. C’era Hakimi, c’erano le ripartenze dell’attaccante belga, c’erano i calci piazzati… Puntando anche su danese e croato, il mister ha aggiunto imprevedibilità senza levare solidità. E tutto si è fatto semplice». 

Questo anche per le lacune dei rivali?
«Per le caratteristiche degli avversari. Per il campionato italiano quest’Inter basta e avanza». 

Vinto uno scudetto si dovrebbe anche guardare all’Europa.
«E lì Handanovic, il terzetto lì dietro, il pur ottimo centrocampo e la coppia Lukaku-Martinez, non basteranno. Quando penso ai nerazzurri in Champions League li vedo ambiziosi, almeno da semifinale. Ma per entrare nella top-4 della manifestazione serve qualità». 

Tradotto in soldoni?
«Un cambio all’altezza in difesa, un paio di centrocampisti e almeno un attaccante. Tutti di valore. Soprattutto in mezzo al campo e davanti gli innesti devono essere di peso».

Chi c’è non basta?
«Lukaku è fortissimo ma tecnicamente non fa la differenza; in Europa non può quindi essere dominante. Ci sarà un motivo se le big continentali sul mercato non lo abbiano cercato e, per esempio, gli preferiscano Lautaro Martinez. A centrocampo poi, per vincere serve tanta, tanta, qualità. Servono altri Eriksen».

Per comandare il gioco. Ma non è l’idea “contiana”.
«Bisogna fare chiarezza su questo punto. Non credo che Conte conosca solo questo modo di far giocare la sua squadra. Credo piuttosto che si adatti - se così si può dire - ai giocatori che ha, o meglio alle spese che può sostenere la società. Per vincere nel continente servono i milioni. Servono i De Bruyne, servono i Lewandowski. Se a questi non puoi arrivare allora pensi a un modo efficace per far rendere al massimo i tuoi. Il modo più efficace per far rendere l’Inter è quello che si è visto negli ultimi mesi».

Perfetto.
«Solo per l’Italia. La speculazione, in Europa, non ti fa sollevare trofei».

Europa, Italia, speculazione… José Mourinho nel 2010 portò l’Inter sul tetto del mondo con un gioco non certo propositivo.
«Quel successo, strepitoso, è qualcosa di più unico che raro, di irripetibile. A livello internazionale quel tipo di gioco non è infatti più redditizio da tempo, è superato. Quante squadre non propositive hanno vinto la Champions negli ultimi quindici anni? A parte quella del triplete non me ne viene in mente alcuna». 

Non può essere un caso?
«No, e Mourinho è l’esempio lampante. Ovunque sia andato ha avuto la possibilità di spendere tantissimo. Dopo quella con la “sua” Inter, quante altre Champions ha sollevato?».

A Roma si concentrerà dunque solo sul campionato?
«Il gioco pensato da Fonseca è molto più adatto agli standard europei di quello di Mou. Ma attenzione, José è eccezionale, sono convinto che a Roma potrà lasciare il segno. Chiederà giocatori affermati e con questi riporterà curiosità, interesse ed entusiasmo attorno a una società che la nuova proprietà vuole competitiva». 

Vincerà?
«Ci farà divertire».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (Francesco Mazzitello)
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-16 19:49:39 | 91.208.130.87