Immobili
Veicoli

TRAILTutto pronto per la seconda edizione del Morobbia Trail

28.06.22 - 07:00
Partendo da Pianezzo, sabato ci sarà da sudare. Ma che soddisfazione...
Polisportiva Baraonda
Tutto pronto per la seconda edizione del Morobbia Trail
Partendo da Pianezzo, sabato ci sarà da sudare. Ma che soddisfazione...
Tre tracciati e... una grande festa: la Valle Morobbia è pronta ad accogliere il "suo" evento.

BELLINZONA - C’è il percorso “easy”, un walking di 6 km adatto a tutti - anche a famiglie con bambini piccoli - che affronta un dislivello solo accennato (400 m). C'è quello più impegnativo (14 km e 1'200 m di dislivello), perfetto per chi è in forma e vuol assaggiare una disciplina nuova e perfetto anche per chi punta tutto su uno “sprint”. E infine c’è la grande sfida (33 km), quella che costringerà gli atleti a un giro lungo e ad affrontare un dislivello molto, molto importante (2'500 m). 

Di cosa stiamo parlando? Del Morobbia Trail, che sabato 2 luglio - partenza fissata dal Policentro della Morobbia a Pianezzo - offrirà una giornata diversa a quelli che vivono per la competizione come anche a quelli che desiderano solo trascorrere qualche ora all’aria aperta.

Arrivato alla seconda edizione e sostenuto, tra gli altri, da istituzioni come il patriziato di Pianezzo, la Fondazione per la Valle Morobbia e il comune di Bellinzona, il trail è nato su iniziativa della Polisportiva Baraonda, associazione impegnata nella promozione degli sport legati alla montagna e che ha lo scopo sociale di promuovere territorio, paesaggio, cultura e vita sociale della Valle Morobbia.

Oltre a faticare sul percorso scelto, chi parteciperà al Morobbia Trail - la cui sicurezza è garantita dalla Colonna di soccorso - potrà godere di una giornata di festa: pasta party a pranzo, aperitivo, grigliata a cena, musica e balli… il Policentro sarà insomma vivo fino a notte fonda. 

«Siamo reduci da un’edizione, la prima, andata molto bene e speriamo ovviamente che questa possa fare altrettanto - ci ha spiegato Elia Sgroi, presidente del Morobbia Trail - Lo scorso anno abbiamo avuto un attimo di difficoltà con il Covid e tutte le limitazioni. Le aperture, fissate a fine giugno, ci hanno però dato una bella spinta. Il nostro evento, programmato il 3 luglio, è infatti stato il primo andato in scena. È stato un bel festone, ci siamo divertiti tutti quanti e i partecipanti sono rimasti molto contenti. Si è respirata aria di libertà…».

La festa è assicurata anche in questo fine settimana, per i curiosi come anche per chi ritirerà il pettorale. «I 300 partecipanti. Esatto. Oltre quel tetto non andremo: le iscrizioni sono ancora aperte ma saranno limitate sul posto. Questa è una scelta da una parte obbligata, vista la ricettività di quegli spazi, ma anche voluta: il rispetto del territorio è una nostra prerogativa. Non ci interessa insomma fare grandi numeri; vogliamo piuttosto che chi viene a trovarci possa godere serenamente luoghi e percorsi». 

Percorsi che avete creato appositamente per l’evento. «Non completamente. Parte dei tracciati sono semplicemente sentieri ufficiali. Altri invece… sì, sono nati per questo trail. Ed è bello che, tolto il giorno di gare, questi poi rimangano liberi per gli appassionati. Per gli atleti, che tornano a provarli dopo averli magari conosciuti grazie a noi, come anche per le famiglie con i bambini».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT