A Way Out: due uomini in fuga
EA
+4
ULTIME NOTIZIE Games
GAMES
3 sett
È infine giunto il momento di recensire “Cyberpunk 2077”
Perché con l'ultima patch (la 1.3) dopo un anno dal lancio è finalmente giocabile su console. Ed è un viaggio che merita
FOTO
GAMES
1 mese
Scappare dall'inferno non è mai stato così divertente
“Hades”, l'osannato titolo indie di Supergiant Games, è finalmente disponibile anche per Playstation e Xbox
FOTO E VIDEO
GAMES
1 mese
“Scarlet Nexus” è un manga da leggere tutto con il joypad
Il nuovo gioco di ruolo d'azione di Namco Bandai ci chiede di salvare l'umanità. Ma ne varrà davvero la pena?
FOTO E VIDEO
GAMES
2 mesi
“Guilty Gear: Strive”: le botte uno-contro-uno più belle di sempre
L'ultimo episodio della saga di Arc System è una fresca sorpresa dall'online (quasi) impeccabile
FOTO E VIDEO
PLAYSTATION 5
3 mesi
C'è un motivo se “Ratchet & Clank: Rift Apart” è un'esclusiva Playstation 5
E basta guardare la grafica per capire perché, nel nuovo titolo Insomniac, c'era davvero bisogno della next-gen
FOTO
GAMES
3 mesi
10 anni dopo Shepard e “Mass Effect” sono ancora gagliardi
Una collection rimasterizza una delle trilogie più di amate di Xbox360 e Play 3, ma saprà ancora divertire?
GAMES
3 mesi
“Resident Evil: Village” è un incubo tutto da esplorare
Il nuovo titolo della saga di Capcom fa forse un po' meno paura ma convince e sa divertire
PLAYSTATION 5
4 mesi
L'infinito loop mortale di “Returnal” non è per i deboli di joypad
Splendida, ma senza alcuna pietà, la nuova esclusiva PS5 ha un concept coraggioso che non piacerà a tutti
FOTO E VIDEO
GAMES
4 mesi
“It takes Two”, e la terapia di coppia si fa con il joypad
La nuova avventura cooperativa di Hazelight Studios, tenta di ricucire un divorzio annunciato. Ma sarà anche divertente?
GAMES
5 mesi
“Forgiati nelle Savane” per “Hearthstone” non è una tabula rasa, ma quasi
Nuova espansione, ma anche nuovo set base (per iniziare senza troppi dolori) per il gioco di carte digitali di Blizzard
FOTO
GAMES
5 mesi
“Monster Hunter Rise”: a caccia di bestie, più liberi che mai
La saga campione d'incassi di Capcom torna con un nuovo episodio per Nintendo Switch decisamente sconvolgente
GAMES
11.04.2018 - 10:300

A Way Out: due uomini in fuga

Da giocare esclusivamente in coppia il nuovo gioco del regista e designer Josef Fares racconta una rocambolesca evasione in maniera innovativa ma non è privo di difetti

STOCCOLMA - Quando con gli amici si finisce a parlare di videogiochi, soprattutto fra i 30enni e qualcosa, capita talvolta che salti fuori una lamentela (da vecchi) riguardante il multiplayer: «Ma di giochi che si giocano assieme su di un televisore solo non ne fanno più, oggi passa tutto per il web».

Già perché l'online... - Generalizzazione, sì, ma poi non così distante dalla realtà: il game di oggi è prevalentemente una creatura online che si gioca en masse, si condivide in streaming con platee più o meno sterminate in un ecosistema nuovo, dinamico e in rapido mutamento. 

Lo schermo tagliato a metà - Così l'idea di un titolo incentrato in maniera incontrovertibile sulla cooperazione e sullo split-screen (quella righina che divide a metà lo schermo) diventa un esperimento controcorrente e quasi da artista. E non è un caso che al lavoro su "A way out" pubblicato da Ea ci sia un regista cinematografico e game designer svedese, Josef Fares, che con le identità multiple aveva già sperimentato nel 2013.

In origine, due fratelli - Sua opera prima, infatti, una toccante storia indie di due fratelli "Brothers: a Tale of Two Sons" che venivano controllati in simultanea  con le due levette analogiche del joypad generando interessanti situazioni. Chi l'ha giocato, poi, si ricorda ancora il finale super emozionante.

Cooperare per evadere - Il suo ultimo lavoro, ambientato fuori e dentro a un carcere di massima sicurezza, gira ancora attorno al concetto di dualità ma in un modo diverso: chiedendo a due videogiocatori di cooperare per tutta la durata di una rocambolesca evasione. Che si giochi in locale o a distanza lo schermo sarà sempre diviso in due, di modo che entrambi possano vedere l'operato dell'altro. 

Una squadra per forza - Due protagonisti - Leo Caruso e Vincent Moretti, uno neoarrivato in carcere e l'altro già lì da un pezzo - e un nemico comune di cui vendicarsi. Basteranno pochi minuti perché la missione venga esplicitata e la coppia definita, dopo di che sarà tutto in discesa (e in corsa).

La qualità... latita - Difficile che non salti all'occhio quasi subito "A Way Out", malgrado abbia grandi ambizioni, fatica un po' dal punto di vista dell'impianto e non solo. Da una parte l'aspetto grafico non fa certo gridare al miracolo ed è a malapena sufficiente dall'altra la scrittura e la sceneggiatura mostrano carenze degne dei b-movie con momenti francamente un po' inspiegabili e scambi di battute un filino ridicole (e meno male che Fares di mestiere fa il regista).

La vera esperienza è la condivisione - Ma quello che rende veramente speciale il titolo di Hazelight Studios è proprio la faccenda della cooperazione e quello che nasce fra i due giocatori mentre giocano: dalle chiacchiere, passando per le risate e le strategie. Insomma, forse alla fine che si tratti di un titolo caratterizzato da una certa faciloneria non è nemeno un male: alla fine i film più godibili in compagnia sono quelli un po' scassoni, mica i premi Oscar.

Ne vale la pena? Dipende da voi - "A way out" è in vendita in edizione semieconomica (circa 39.90) e si finisce in poco meno di 7 orette. Vale quindi la pena comprarlo? Fate un po' i vostri calcoli. In ogni caso con due biglietti del cinema, due pop-corn e altrettante cochine arrivate più o meno alla stessa cifra. 

VOTO: 7,5

"A Way Out" è disponibile per Playstation 4 (versione provata), Xbox One e Pc Windows.

Nota interessante: basta una copia del gioco per giocare in due, anche a distanza. Chi parteciperà alla partita con il proprietario non potrà però sbloccare i trofei.

EA
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 20:50:21 | 91.208.130.86