+ 27
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
1 gior
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
3 gior
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
6 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
1 sett
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
3 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
3 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
TEST DRIVE
4 sett
Aston Martin Vantage AMR: l'anima prima di tutto
Generosa ed interessantissima la nuova offerta Aston Martin: la nuova Vantage è ora disponibile anche con il cambio manuale. Quale scegliere? La risposta è... dentro di voi.
TEST DRIVE
1 mese
Supra, nuova vita per la sportiva “top” Toyota
Dopo lunga attesa torna in vita la tradizionale coupé sportiva di punta della marca giapponese: forte del sei cilindri da 340 cv, spicca per la guida guizzante, incisiva e rapidissima.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Morde la strada, aggredisce la pista: BMW M8 Competition
La grande coupé bavarese sfrutta tutta la tecnologia della divisione M per offrire un potenziale dinamico capace di renderla davvero rapida ed incisiva. Ma sempre piacevolmente “trattabile”.
TEST DRIVE
1 mese
Kia Sorento, regina di viaggio e di relax
La coreana al vertice della gamma Suv premia i passeggeri con una marcia fluida, versatile e conviviale, all’insegna dell’equilibrio e del comfort. Spazio ed abitabilità in rilievo.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Turismo di gran carriera per la McLaren GT
Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto
La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.
TEST DRIVE
1 mese
Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”
L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.
TEST DRIVE
21.12.2018 - 06:000
Aggiornamento : 25.01.2019 - 09:03

Aston Martin, la nuova Vantage a caccia di sportività pura

Integralmente riprogettata, la “piccola” di casa punta a guida e prestazioni di alto profilo: anche grazie alla sinuosa carrozzeria con raffinato effetto suolo. Dirompente il V8 biturbo da 510 cv.

Modello di ingresso della Casa inglese, alla Vantage non mancava un certo successo, pur restando di stagione in stagione sempre più – e troppo – simile alle altre sportive di casa. Finendo col sovrapporsi un po’ a DB9 e Vanquish in termini di design e caratteristiche di guida, interessando così fondamentalmente lo stesso genere di clientela nonostante le differenze di prezzo ed ambizioni. Ma ora cambia tutto, poiché la coupé tutta nuova abbraccia con decisione la sportività atletica con ben pochi compromessi e concessioni ad altre caratteristiche. Promessa mantenuta? Siamo andati in Portogallo per scoprirlo, in occasione del test drive della vettura.

Stilisticamente è sempre una Aston, ma si respira un’aria diversa…
È proprio così e l’impressione dal vero è ancor più evidente. Eppure, ci sono ben otto centimetri supplementari in lunghezza e larghezza rispetto al modello precedente, quando sembrerebbe tutto il contrario. Linee e forme della carrozzeria risultano infatti modellate come una scultura, alla ricerca della massima resa estetica, dando origine ad un’auto eccezionalmente filante e affilata alla vista: la vettura inglese suggerisce tensione muscolare, pronta a scatto e movimento in qualsiasi momento. Caratteristica che trasmette già visivamente come la Vantage non sia più una Gran Turismo ad ampio spettro, quanto piuttosto un’auto pienamente sportiva. Pur senza elaborate appendici aerodinamiche, non previste su questo modello che nelle intenzioni della marca deve rimanere puro e semplice. La necessaria attenzione all’aerodinamica ed alla deportanza ad alte velocità è affidata alla parte inferiore dell’auto, attraverso opportune appendici, fondo piatto e generoso diffusore nella zona posteriore. La scocca è in alluminio per contenere il peso, mentre per il bilanciamento uniforme delle masse il motore anteriore trova posto dietro all’asse anteriore mentre la trasmissione è disposta sull’asse posteriore. A tutto vantaggio del feeling di guida, in ogni curva.

Il motore è un punto di forza dell’auto; certo, non è più inglese.
Effettivamente è così. Premere il pulsante di avvio genera il risveglio del possente 4 litri V8 biturbo attraverso un brontolio basso e profondo: Aston Martin, in questo caso, si affida infatti alla conosciuta ed apprezzata unità Mercedes-AMG, scelta che tutto sommato appare particolarmente felice. Il V8 è tanto più convincente, in particolare, in combinazione all’impianto di scarico sportivo opzionale, riconoscibile dai quattro terminali posteriori, che regala un suono ancor più pieno insieme all’erogazione perfetta: non c’è traccia di ritardo nel turbo ed anche appena oltre il regime minimo il motore genera spinta istantanea senza incertezze. Con 510 CV e 685 Nm di coppia da 2000 giri in poi, a qualsiasi andatura si dispone di una forte riserva di accelerazione (0-100 km/h in 3,6 secondi), mentre la trasmissione automatica ZF a otto velocità colpisce anche qui per l’estrema duttilità. Passando da cambiate dolci in modalità automatica a passaggi marcia secchi e rapidi stile “racing”, anche gestiti manualmente attraverso le grandi palette in metallo sul piantone di sterzo.

Il carattere dell’auto è docile ed equilibrato: quasi un giocattolo.
A bordo della Vantage resta spazio per la guida confortevole. Il comfort delle sospensioni è valido per un’auto sportiva ed il livello di rumore rimane piacevole e assolutamente adatto anche alle lunghe distanze, seppur con una rumorosità di rotolamento leggermente più elevata. Ma questa Aston mostra la sua vocazione reale solo quando si imbocca una strada di campagna poco frequentata e tortuosa. Qui, la Vantage appare estremamente sicura di sé e guizzante; meglio ancora passando dal programma “Sport” standard a quello spinto “Sport+” mantenendo però la regolazione degli ammortizzatori (individuale) sulla taratura meno aggressiva, più adatta alla strada. In questo modo l’auto sembra ben controllata e mai troppo dura, senza rimbalzare incontrando le tante buche e avvallamenti che si trovano spesso lungo le strade portoghesi, stabilizzandosi immediatamente: con queste regolazioni si riesce ad essere molto veloci anche su superfici stradali non del tutto regolari. Lo sterzo elettromeccanico è diretto, non eccessivamente sensibile ma estremamente preciso: l’auto si lascia condurre in traiettoria al millimetro, oltre a risultare vivace e agile quasi in modo giocoso. Aiuta l’eccezionale motricità sia in ingresso di curva che in accelerazione, dove il differenziale posteriore a controllo elettronico contribuisce ad una trazione fuori dal comune.

In pista, poi, c’è spazio per un impiego intenso ad altissima efficienza.
Per spingere l’auto ai suoi limiti serve una pista ed il circuito di Portimão offre le migliori condizioni per farlo, grazie ad un tracciato vario ed arricchito di numerosi saliscendi. In queste condizioni, il comportamento di guida molto equilibrato fino al limite appare ancora più evidente. Anche esagerando con gas e sterzo in uscita di curva, in piena accelerazione, il sovrasterzo di potenza rimane sempre facilmente controllabile con il gas, persino con controllo di stabilità disattivato; eventuali perdite di aderenza repentine sono presto recuperate alleggerendo con l’acceleratore. La Vantage accetta con entusiasmo l’impegno prolungato di numerosi giri di pista, dimostrando di essere realmente un’automobile sportiva autorevole e dal potenziale notevole. Capace di offrire al suo pilota un divertimento di guida intenso, senza eccessi o nervosismi che possano disturbarne ritmo o concentrazione; oltre tutto ottenuti senza far ricorso a sofisticate correzioni elettroniche, il che aggiunge ulteriore valore al progetto. Con un prezzo base di 173’900 CHF, la Vantage si trova in concorrenza diretta al cospetto di rivali del calibro Porsche 911, Mercedes-AMG GT, Ferrari Portofino, offrendo un design stilisticamente deciso pur nella piena tradizione del marchio inglese. L’abitacolo presenta un arredo di taglio spiccatamente sportivo ed avvolge il conducente con sapiente “savoir-faire”, mentre il tema dell’indispensabile sistema di infotainment/navigazione ultima generazione è presto risolto con l’impianto di bordo di provenienza Mercedes. Creata invece dalla stessa Aston Martin la strumentazione digitale, dal design accattivante e di facile lettura.

Trovi la Aston Martin Vantage da...

ASTON MARTIN CADENAZZO

Via San Gottardo, 27 - 6593 Cadenazzo

+41(0)918502024

cadenazzo.astonmartindealers.com

Guarda tutte le 31 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 23:46:20 | 91.208.130.89