+7
ULTIME NOTIZIE Mobilità
LONDRA
21 ore
Uber, progetto elettrico con Arrival
L'azienda vuole realizzare una sua auto a emissioni zero per il car-sharing
NARDO’
1 gior
Blizz Primatist, italiana da record
Il prototipo elettrico realizzato da Podium e Carbonteam ha fissato 7 nuovi primati
MLADA BOLESLAV
2 gior
Skoda Enyaq iV, il suv elettrico per la famiglia
L’atteso modello del brand ceco è tra i più confortevoli per spazio e interni
SVETA NEDELJA
4 gior
Lo sprint da urlo della Rimac C_Two
L’hypercar croata sorprende nel confronto con la Porsche Taycan Turbo S
SHANGHAI
5 gior
Zhiji L7, l’elettrica cinese di lusso
Mille km di autonomia e accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 4’’
GIAPPONE
6 gior
Motori a idrogeno, Toyota sperimenta una via alternativa
Gli ingegneri stanno provando a iniettarlo nei tradizionali motori termici 
TOKYO
1 sett
e-Drag, versione “cattiva” della Honda e
Il colosso giapponese s’è divertito a trasformare la World Urban Car dell’anno
SHENZHEN
1 sett
In monopattino per 50 km con Kickscooter
La cinese Niu presenta un modello con una super-autonomia
SHANGHAI
1 sett
A6 e-tron, il concept elettrico da 700 km d’autonomia 
La casa tedesca ha svelato la berlina del futuro costruita sulla piattaforma PPE 
NEW YORK
1 sett
Un dirigibile a idrogeno che percorre 1.600 km
È il progetto della LTA Research and Exploration fondata dall’ex Google Brin
SHANGHAI
1 sett
Punk Cat, versione elettrica del Maggiolino
Il brand cinese Ora ha presentato un’auto con un chiaro tono vintage 
GIAPPONE
1 sett
Toyota scopre la bZ4X 
L’azienda giapponese ha svelato il concept del suv elettrico realizzato con Subaru 
STOCCARDA
2 sett
Smart lavora con Geely a un mini-suv elettrico
Progetto a uno stadio avanzato, verrà presentato a settembre
WOLFSBURG
2 sett
Volkswagen, la Id.4 è la World Car of the Year 2021
All’elettrica tedesca il prestigioso riconoscimento internazionale
INGOLSTADT
2 sett
Q4 e-tron, il futuro Audi è arrivato
In vendita in Svizzera il primo suv elettrico compatto della casa di Ingolstadt 
SAN CARLOS
2 sett
Guida autonoma, la svolta di Tesla: sensori obsoleti
Il nuovo sistema si baserà solo su dati raccolti dalle videocamere  
VILNIUS
2 sett
FreZe, l’elettrica da 9.999 euro
Un industriale lituano ha “europeizzato” la cinese Wuling Hongguang Mini EV
TEL AVIV
2 sett
L’E-bike del futuro? È senza catena
L’israeliana Oyo ha realizzato un modello mosso da una trasmissione idraulica
PRIME IMPRESSIONI
09.06.2018 - 06:000

Buona la prima: la Jaguar I-Pace lascia il segno tra le auto elettriche “premium”

La prima SUV elettrica della marca inglese, concorrente di Tesla tra i modelli a batteria alto di gamma, spicca nel design estroverso e colpisce per le qualità dinamiche. Autonomia compresa.

Coupé, crossover o SUV? È filante e compatta come in foto, oppure imponente?
Tanti quesiti ruotano attorno alla prima Jaguar… con la spina, che in effetti dal vero mostra subito un’imponenza maggiore rispetto a come appare negli scatti: la conformazione molto profilata, da coupé, dissimula ingombri comunque generosi anche grazie al considerevole avanzamento della zona dell’abitacolo rispetto alle autovetture convenzionali, ottenuto grazie al minor ingombro della meccanica elettrica anteriore. Lo stile inedito, inoltre, consente alla Casa di trasmettere visivamente la novità importante di questo salto generazionale nella meccanica di propulsione. L’aerodinamica è molto curata (Cx pari a 0,29), tanto più avendo a che fare con l’alimentazione elettrica dove ogni km di autonomia guadagnato si traduce in tempo risparmiato per la ricarica; ciò non ha impedito l’utilizzo di enormi ruote, fino a 22 pollici di diametro. Tecnicamente, la I-Pace è proprio una SUV completa: la trazione è integrale permanente e l’altezza da terra può essere regolabile con le sospensioni pneumatiche, consentendo una “luce” adeguata anche al fuoristrada.

Al volante: felino potente o… “sornione”?
LA I-Pace morde, eccome: è un po’ un ghepardo, in realtà, per la gran rapidità di reazione e di allungo. Le prestazioni sono esuberanti: anche grazie alla trazione integrale a controllo elettronico di grande efficienza e reattività – è realizzata grazie all’impiego di due motori elettrici indipendenti, uno su ciascun assale –, per lo scatto da fermo ai 100 km orari bastano appena 4,8 secondi nonostante un peso di ben 2208 kg. Perché così tanto? È presto detto: la monoscocca vanta la raffinata costruzione integralmente in alluminio secondo tradizione Jaguar, ma sotto al pianale la grande batteria raffreddata a liquido da ben 90 kWh incide di suo per 650 kg abbondanti. Del resto, proprio un accumulatore di queste dimensioni permette di poter disporre sia di 400 cv e 696 Nm di coppia insieme ad un’autonomia considerevole, teoricamente spinta fino a 480 km. In realtà, a vettura totalmente carica si parte con un “pieno” valido per circa 370 km ottenibili, con piede di fata per tutto il tempo; in condizioni di impiego misto, anche con punte brillanti, si raggiungono tra 330 e 350 km senza grandi sforzi. Il tempo di ricarica è direttamente proporzionale al tipo di stazione a disposizione: un punto di distribuzione da 100 kWh permette la ricarica completa in 45 minuti e in appena 15 minuti incrementa l’autonomia di 100 km circa; con un wallbox domestico da 7 kWh servono invece pressoché 13 ore.

Al volante. Restano dinamismo e temperamento Jaguar?
Assolutamente sì, anche se in una modalità diversa dato il pressoché assoluto silenzio che accompagna l’accelerazione. Quel che manca acusticamente – ma nella modalità sportiva Dynamic un certo rombo meccanico è riprodotto nell’abitacolo –, la I-Pace lo restituisce sotto forma di un comportamento scattante, raffinato e coinvolgente. Il passo di tre metri, l’ideale distribuzione dei pesi ed il baricentro 13 cm più basso rispetto alla F-Pace permettono grande equilibrio e posatezza, mentre la posizione di guida leggermente rialzata ed avanzata consente di tenere più facilmente sotto controllo gli ingombri comunque già piuttosto “maxi” (4,68 m in lunghezza). Con sospensioni pneumatiche adattabili (impiegate nel test), già con regolazione normale Comfort l’auto combina un assorbimento esemplare al rollio modesto con aderenza e prontezza di appoggio, permettendo in definitiva una maneggevolezza superiore alle aspettative dato il peso in gioco. In Dynamic tutto è più reattivo e lo sterzo un po’ più duro.
Come spesso accade sulle auto elettriche, l’estrema reattività di risposta all’acceleratore aggiunge un “plus” considerevole all’insieme, conferendo un carattere deciso; kilowatt e coppia sono disponibili istantaneamente e permettono grandi variazioni di velocità con pressioni modeste del gas, risorsa oltretutto apprezzabile per sorpassi brevi ed in gran sicurezza: è il valore aggiunto della I-Pace, così come già apprezzato sulle Tesla. Lo è anche la guida ad un solo pedale, poiché di serie il recupero di energia interviene con decisione al rilascio dell’acceleratore consentendo rallentamenti piuttosto decisi (0,4 g) fino all’arresto completo: sono rare le occasioni in cui tocca frenare anche con il classico pedale. La velocità massima è limitata a 200 km/h ma è più che adatta anche alle autostrade tedesche libere, mentre il silenzio regna sovrano a tutte le andature. Quanto al fuoristrada, in Jaguar ci tengono ad una certa tradizione – dopotutto in famiglia c’è Land Rover – e così hanno attrezzato la grande Suv elettrica anche di controlli di trazione e frenata specifici per l’offroad, oltre che della già citata possibilità di regolare l’altezza da terra adeguandola ai fondi sconnessi; la coppia dei due motori elettrici permette di affrontare salite impegnative in gran relax.

Che genere di accoglienza offre l’abitacolo?
Internamente, lo spazio in lunghezza sostanzialmente equivale a quello offerto da berline di una classe superiore, mentre l’arredo introduce anche qui elementi di design più moderni rispetto alla tradizione di marca. Al centro, tuttavia, resta la caratteristica dei pomelli fisici per controllare direttamente e rapidamente tutti i registri della climatizzazione, mentre gli schermi a sfioramento sono due: superiore per navigazione e applicazioni, inferiore per infotainment ed altre funzionalità. Finiture e materiali seguono la qualità Jaguar piuttosto elevata, con gli allestimenti più ricchi che garantiscono una ricercatezza lussuosa. La postura di guida è sportiveggiante, ampiamente regolabile e ben integrata nell’abitacolo: si viaggia a lungo conservando un grande senso di accoglienza. Generoso pure il vano di carico, con cubatura variabile tra 638 e 1453 litri più un ulteriore vano compatto sotto il cofano anteriore. Presenti tutti gli ausili attivi alla guida. Il listino della I-Pace parte da 82'800 CHF.

Trovi la Jaguar I-Pace da...

Garage Tarcisio Pasta SA

Via Monte Ceneri 1
6593 Cadenazzo

Telefono: 091 850 20 10 
https://cadenazzo.jaguar-dealer.ch/it

Guarda tutte le 11 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-13 04:38:34 | 91.208.130.86