Immobili
Veicoli
Fotolia
ULTIME NOTIZIE Mobilità
KAOHSIUNG
4 ore
iOnex, la gamma di scooter elettrici di Kymco
L’azienda di Taiwan lancia un brand dedicato alle due ruote a batteria
TORINO
1 gior
E-Ulysse, spazio e comfort Fiat in versione elettrica
Il brand italiano lancia il suo van multiuso con batteria da 75 kW
NEWARK (California)
2 gior
La Lucid Air arriva in Svizzera
La berlina elettrica californiana in vendita in Europa entro la fine dell’anno
KÜSNACHT
3 gior
La Microlino è realtà: via alla produzione
La MMS stima di realizzare 3mila esemplari della sua mini-auto nel 2022
STATI UNITI
4 gior
Ecco la LiveWire S2 Del Mar: non chiamatela Harley
Svelata la seconda elettrica del brand appartenente alla casa di Milwaukee 
DETROIT
6 gior
Cadillac, la Lyriq ora è anche a due motori
Seconda versione del suv che aggiunge un propulsore e passa da 347 a 507 Cv 
ITALIA
1 sett
ID.Buzz, Volkswagen pensa alla versione pick-up
Ad anticipare il progetto un render pubblicato dal designer del gruppo tedesco
YOKOHAMA
1 sett
Nissan pensa a Datsun come brand elettrico low cost
Il gruppo giapponese potrebbe rispolverare uno dei suoi brand per una vettura a dai costi contenuti
L’AQUILA
1 sett
DeepSeaker DS1: l’elettrico che viaggia sopra e sotto il mare
Mezzo aliscafo e mezzo sommergibile, consente di immergersi in totale sicurezza
MILWAUKEE
1 sett
Harley Davidson, la One non è più sola: arriva la Del Mar
La casa di Milwaukee sta per lanciare una nuova elettrica della linea LiveWire
TORINO
1 sett
Fiat, passi avanti per la nuova Panda elettrica
Una vettura a emissioni zero prodotta in Serbia a partire dal 2024: sarà l'erede della mitica utilitaria?
VOLKETSWIL
02.04.2015 - 21:090
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

“Anche noi vogliamo i 140 km/h in autostrada!”

L’associazione svizzera dei giornalisti del settore motori sostiene l’iniziativa per la quale è in corso la raccolta firme anche in Ticino.

Il succo dell’iniziativa lo conosciamo: laddove oggi vige il limite di velocità di 120 km/h in futuro si potrà viaggiare a 20 km/h in più. A 140, appunto. Un’iniziativa che non vuole assolutamente mettere in mano su quei tratti in cui vigono limiti più bassi, vedi nei dintorni delle agglomerazioni, tratti densamente trafficati, raccordi autostradali oppure laddove nelle ore di punta il limite di velocità è variabile.

LE ARGOMENTAZIONI - Un’iniziativa che ora è anche sostenuta dall’associazione svizzera dei giornalisti svizzeri specializzati nel ramo dei motori, appoggiando le argomentazioni degli iniziativisi Marco Schläpfer di Uster (ZH) e l’Automobil Club Svizzero (ACS):  laddove le condizioni della strada, della circolazione e la visibilità siano favorevoli,  l’aumento del limite di velocità a 140 km/h è oltremodo appropriato e applicabile. L’ACS non vede infatti nessun rischio in termini di sicurezza in quanto l’autostrada è, e con parecchio margine, la tipologia di strada più sicura. In Svizzera nel 2013 nel trasporto su rotaia sono morte 23 persone, sulle autostrade 29. Persino l’UPI (Ufficio Prevenzione Infortuni), notoriamente attento e assai rigido nelle sue prese di posizione, ha dichiarato che “la quantità di incidenti autostradali dovuti alla velocità è talmente esigua da poter essere trascurabile”.

Un’ulteriore argomentazione su cui il comitato d’iniziativa, l’ACS e pure l’associazione Svizzera dei Giornalisti Motori (GSM) pone l’accento è il motivo per il quale si è giunti all’introduzione dell’attuale limite di 120 km/h. Nel 1985 il limite di velocità è stato abbassato da 130 a 120 km/h in forma provvisoria per un periodo di due anni. Questa misura provvisoria è poi semplicemente rimasta in vigore finché, nel 1989, il popolo elvetico è stato chiamato alla urne non per votare  non sul limite provvisorio in questione, bensì per esprimersi a proposito di un’iniziativa popolare che richiedeva una velocità massima di 130 km/h in autostrada e di 100 km/h per le strade fuori località. Questi erano infatti i limiti vigenti prima della misura “provvisoria” (le virgolette sono d’obbligo), cioè dal 1974 al 1985. L’iniziativa è stata respinta, di conseguenza il limite autostradale è semplicemente rimasto lì, dove avrebbe dovuto restare per soli due anni, a 120 km/h.  Di fatto, però, non si tratta di nient’altro che un misura provvisoria accettata tacitamente.

FACILE DA REALIZZARE – I contrari all’iniziativa si oppongono a causa della densità del traffico nelle agglomerazioni nonché sul finanziamento di un’eventuale modifica del limite. L’associazione svizzera dei giornalisti motori (GSM) tiene però a sottolineare che nei tratti densamente trafficati e durante gli orari di punta, gli efficaci limiti di velocità ridotti verranno mantenuti. Per quanto riguarda il finanziamento, l’unico costo consiste nel cambiamento della segnaletica all’entrata delle frontiere in cui sono indicati i vari limiti sulle diverse tipologie di strade della Nazione. La restante segnaletica stradale non necessità nessun adattamento nel cambiamento da 120 a 140 km/h in quanto non esistono cartelli autostradali indicanti la velocità specifica “120”: vengono e verranno semplicemente utilizzati, oggi come in futuro, i cartelli indicanti la fine di un limite applicato in precedenza (bianco con barra diagonale nera) o l’inizio di un tratto autostradale. Laddove c’è tanto traffico il limite resterà basso proprio come lo è oggi e i costi si riducono in pochi cartelli da applicare alle frontiere.

RACCOLTA FIRME – Anche in Ticino l’iniziativa sta riscuotendo un discreto interesse. Il comitato di sostegno ticinese ci tiene a ricordare che sabato 4 aprile sarà presente in mattinata al mercato di Bellinzona mentre nel pomeriggio a Lugano, in piazza Cioccaro, per la raccolta firme.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-20 12:25:18 | 91.208.130.87