+ 7
ULTIME NOTIZIE Mobilità
MILANO
16 ore
Pirelli, un simulatore per inquinare meno
Una nuova tecnologia permetterà di ridurre tempi di produzione e impatto ambientale
OSAKA
1 gior
X Tractor, per il futuro dell’agricoltura
La giapponese Kubota ha realizzato un trattore dotato di intelligenza artificiale
LEIDA
2 gior
Maveric, l’Airbus che punta ad abbattere i consumi
Presentato un prototipo di aereo commerciale che impiega il 20% di carburante in meno
DEARBORN
3 gior
Ford cambia cuore e pelle della GT
L’edizione 2020 ha un motore nuovo e una versione con la carrozzeria in fibra di carbonio 
REGGIO EMILIA
5 gior
XT70 Adventure, walkie talkie “estremi”
Device pensati per gli appassionati del fuoristrada in circostanze limite 
VARESE
6 gior
TheArsenale fa più “cattiva” la Dragster 800 RR
Il frutto della collaborazione tra MV Agusta e l’e-retailer di lusso
PALO ALTO
1 sett
Tesla mostra come funziona la guida autonoma
L’azienda californiana ha pubblicato un video che spiega come funziona l’autopilot
STANFORD
1 sett
La DeLorean a guida autonoma che fa drifting
Il singolare esperimento per un ingegnere della Stanford University 
MONTPELIER (USA)
1 sett
Usa, arrivano le targhe con gli emoji
La novità nello Stato del Vermont, ma immatricolare l’auto costerà il triplo 
DETROIT
1 sett
L’Hummer elettrico non è uno scherzo
Per anni simbolo dell’inquinamento, il veicolo della GM torna a emissioni zero
Udine
1 sett
Guida autonoma, i supercalcolatori “green” di EuroTech
L’azienda italiana ha sviluppato un sistema per ridurre del 90% i consumi
TEST DRIVE
25.04.2018 - 06:000
Aggiornamento : 10:21

Anche la BMW Serie 5 si è (parzialmente) elettrificata

Propulsore ibrido plug-in anche per uno dei modelli storici di casa BMW. Un buon sistema che poco o nulla toglie al piacere di guida. Ecco come va.

L’attuale generazione della BMW Serie 5 colpisce prevalentemente per alcuni aspetti chiave. Tra questi l’elevatissimo comfort, l’abitacolo altamente pregiato e la modernità dei suoi sistemi di assistenza. Oltre, ovviamente, al piacere di guidare. Tutti elementi che BMW si è imposta di conservare anche per la motorizzazione ibrida plug-in, che per la prima volta debutta sullo storica berlina in commercio dal 1972.

Quali sono le caratteristiche del suo propulsore ibrido plug-in?
La formula è sempre la stessa: un piccolo motore a benzina (quattro cilindri, 2 litri, 184 cv) accoppiato ad un motore elettrico, che in questo caso vanta 113 cv di potenza e 250 Nm di coppia. Dalla loro unione risulta una potenza di sistema pari a 252 cv e 420 Nm di coppia, vale a dire l’equivalente di una 530i tradizionale con l’aggiunta di 70 Nm di coppia. In effetti anche i valori nello scatto da 0 a 100 km/h, coperto in 6.2 secondi, sono uguali alla 530i. La velocità massima si ferma a 235 km/h.  I numeri, insomma, ci sono.

Consuma poco?
Di principio le plug-in ibride offrono il loro massimo potenziale quando la percorrenza giornaliera è relativamente ridotta, cosicché la percentuale del chilometraggio coperta con la sola trazione elettrica sale e permette di risparmiare. Nel caso della 530e l’autonomia è pari a 30 chilometri, dopodiché a batteria scarica bisogna calcolare mediamente 6,8  litri di carburante per percorrere 100 chilometri. Che certo non sono tanti, ma dato che la stessa BMW propone dei motori a gasolio altrettanto parsimoniosi il confronto inizia a diventare un pochino stretto. D’altro canto la Serie 5 ha anche il grande pregio di mantenere il consumo basso anche durante le percorrenze autostradali, fatto non sempre scontato per un ibrida plug-in.

Il piacere di guida resta intatto?
Diciamo che, quando si procede con la sola modalità elettrica che permette peraltro di raggiungere una velocità massima di 140 km/h, la vocazione da ‘ammiraglia’ e il suo comfort diventano ancora più evidenti per via della silenziosità totale in cui si è avvolti. È una vettura indubbiamente nata per viaggiare, comodissima e morbida, che non stanca. E nonostante le dimensioni importanti è anche maneggevole grazie ad un raggio di sterzata ridotto. L’attivazione del motore a benzina è davvero impercettibile e persino nella guida più tranquilla lo sterzo consistente assicura un bel piacere di guida. Qualora si selezioni la modalità “SPORT” ci si accorge che il plug-in ibrido nulla toglie alle velleità dinamiche della Serie 5, eccezion fatta per le decelerazioni in cui i 230 kg di massa aggiuntiva iniziano a farsi sentire. Sebbene il rumore del 4 cilindri non sia particolarmente stimolante, la potenza combinata è ragguardevole e le curve si avvicinano più velocemente di quanto si sarebbe portati a pensare. Lo spunto è ragguardevole già dai regimi più bassi e la potenza molto equilibrata, senza metterei in crisi la motricità. È un’automobile che ti mette subito a tuo agio per la compostezza, per la comunicatività dello sterzo e per il fatto che puoi gestire il tutto tramite un vero cambio automatico, non sempre così diffuso sulle ibride.

Vale la pena acquistarne una?
Di principio non direi di no. Ci si porta sempre a casa una Serie 5, con tutte le qualità di marcia che conosciamo e un ambiente sempre pregiato quando ci si trova a bordo. A cambiare è solo lo sportello per la spina sul parafango anteriore e qualche badge, e anche dentro l’unica variazione la si riscontra nella strumentazione. La BMW 530e è nel complesso una vettura talmente armoniosa che non spicca per un pregio particolare, ma che nel suo genere ti convince per un pacchetto davvero completo di tutto quello che potresti richiedere ad una berlina di lusso alimentata da un motore ibrido plug-in. Anche il prezzo di partenza (70'500 CHF) potrebbe sembrare allettante, anche se attingendo alla ricca lista di accessori si può superare senza fatica quota 100'000.

Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 02:22:19 | 91.208.130.85