keystone-sda.ch/STF (Richard Drew)
STATI UNITI
24.09.2019 - 17:580
Aggiornamento : 19:55

Trump aveva congelato (e poi scongelato) gli aiuti a Kiev

Lo "sblocco" dopo quella famosa telefonata con Zelensky ma il presidente Usa si difende

WASHINGTON - Donald Trump ha congelato 391 milioni di dollari di aiuti a Kiev nei giorni precedenti la telefonata del 25 luglio scorso con il leader ucraino Volodymyr Zelensky. E la colpa, spiega lo stesso presidente americano, è dell'Europa che non contribuisce e non sostiene adeguatamente l'Ucraina. Nulla a che vedere quindi con le presunte pressioni su Zelensky per un'indagine sul figlio di Joe Biden, un'ipotesi che è solo una «caccia alle streghe» dei democratici che «non hanno idea di come fermarmi», dice il tycoon (i fondi sono stati scongelati questo mese senza che alcun altro paese europeo abbia reso noto di aver mutato la sua assistenza a Kiev, ndr).

Una spiegazione, offerta ai margini dell'Assemblea dell'Onu, che non placa le polemiche. Anzi, le fomenta. I democratici sono sempre più sul piede di guerra: il fronte dei favorevoli a una messa in stato di accusa del presidente cresce con il passare delle ore. A sostenere l'impeachment è anche l'altro protagonista dello scandalo dell'Ucraina, Joe Biden. L'ex vice presidente appoggerà la procedura nel caso in cui la Casa Bianca continui a ignorare le richieste del Congresso sulla consegna dei documenti e delle informazioni relative alla conversazione telefonica fra Trump e Zelensky, sul quale il presidente americano avrebbe fatto pressione allo scopo di danneggiare Biden, suo possibile avversario nella corsa per la rielezione.

«Sono in testa ai sondaggi e non hanno idea di come fermarmi. L'unica strada che possono provare è l'impeachment», afferma Trump a margine dell'Onu. Una messa in stato di accusa appare in queste ore più probabile che in passato dopo che anche la speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, sembra aver aperto alla procedura. Proprio Pelosi potrebbe annunciare una svolta dei democratici a breve, probabilmente dopo la riunione dei democratici che ha in agenda il dibattito sull'impeachment. Fra le ipotesi allo studio nel partito c'è la creazione di un comitato speciale, simile a quello creato nel 1973 per indagare sul Watergate, con il compito di esaminare i rapporti fra Trump e l'Ucraina e, potenzialmente, spianare la strada alla messa in stato di accusa. «La Camera deve procedere con l'impeachment. E deve farlo oggi», è l'esortazione di Elizabeth Warren, la candidata democratica in testa ai sondaggi.

La prospettiva di una battaglia sulla messa in stato di accusa di Trump gela Wall Street. Già preoccupati dalle tensioni commerciali fra Stati Uniti e Cina i listini americani calano in modo deciso prevedendo possibili mesi di incertezza e confusione, e temendo i tweet di Trump.

Commenti
 
fromrussiawith<3 4 mesi fa su tio
quello che spero è che la famiglia Biden venga presto investigata per il 1.5 miliardi di dollari (dalla Cina) e milioni di dollari (dall'Ucraina) che il figlio di Biden ha intascato mentre suo padre era vice-presidente, senza che lo stesso figlio fosse professionalmente competente per ricevere tale danaro. Joe Biden aveva pure trattenuto in miliardo di dollari da versare all'Ucraina se il procuratore che stava investigando la compagnia (di cui Hunter Biden faceva parte) non fosse stato immediatamente licenziato, credo che ne vedremo delle belle e ci sarà da ridere andando avanti e i dems rischiano pure grosso
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 02:21:32 | 91.208.130.85