keystone-sda.ch / STF (Kin Cheung)
Carlos Ghosn
GIAPPONE
15.09.2020 - 08:070

Scandalo Ghosn, a Tokyo è iniziato il processo

L'ex presidente di Nissan è fuggito in Libano alla fine del 2019. Una sua estradizione è molto difficile

Oltre all'ex tycoon, a essere processato è anche il direttore operativo Greg Kelly, che però ha negato di essere stato complice dello schema fraudolento.

TOKYO - È iniziato questa mattina alla Corte distrettuale di Tokyo il processo per lo scandalo finanziario che riguarda il presidente della Nissan Carlos Ghosn e il direttore operativo Greg Kelly.

A quasi due anni dagli arresti, solo quest'ultimo era presente all'udienza, dichiarandosi non colpevole, mentre Ghosn si trova ancora in Libano, dove è fuggito nel dicembre del 2019 violando i termini della libertà vigilata a cui era sottoposto.

L'accusa - Il 64enne Kelly, cittadino statunitense, ha negato l'accusa di essere stato complice nella copertura di fondi per un valore di circa 9 miliardi di yen (l'equivalente di 77 milioni di franchi) in un periodo di 8 anni; uno schema fraudolento che in base all'accusa puntava a incrementare i compensi del suo ex datore di lavoro sottraendoli al fisco.

Se ritenuto colpevole, Kelly potrebbe dover scontare 10 anni di prigione nonostante l'assenza dell'aggravante dell'abuso di autorità per aver utilizzato i fondi, a differenza dell'ex tycoon.

La stessa casa automobilistica è presente come imputato al processo e dovrebbe dichiararsi colpevole, riferisce la stampa nipponica; Ghosn invece ha sempre sostenuto di essere una vittima di un complotto tra la Nissan e la Procura giapponese.

Estradizione complessa - Il governo di Tokyo ha inoltrato al Libano un mandato di estradizione ma - dal momento che i due paesi non hanno mai firmato un accordo in materia - è altamente improbabile che Ghosn possa affrontare qualsiasi udienza in Giappone, dove il tasso di condanna ai processi nel 2018 si aggirava intorno al 98%.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 10:43:47 | 91.208.130.87