Immobili
Veicoli
Keystone
ITALIA
11.11.2020 - 09:100
Aggiornamento : 09:45

Oscurati 5500 siti illegali e canali pirata

Il valore della confisca è di oltre 10 milioni di euro

ROMA - Oscurati oltre 5500 siti illegali di live streaming e canali Telegram che trasmettevano illegalmente contenuti protetti in tutto il mondo: questo l'esito di un'inchiesta condotta in Italia dalla Guardia di finanza e dalla Polizia di Stato a tutela del diritto d'autore in 19 Paesi.

In termini di valore la confisca all'organizzazione criminale, fanno sapere gli inquirenti, è di oltre 10 milioni di euro (oltre 10,7 milioni di franchi). I pagamenti degli abbonamenti avvenivano anche tramite criptovalute.

Quindici degli indagati, pur lucrando ingenti somme dalla propria attività illecita, percepivano il reddito di cittadinanza.

Anche in Svizzera: chiusa una rete pirata vodese

Bloccata una rete pirata vodese che offriva migliaia di lungometraggi e serie televisive: KBoxServ è stata chiusa su richiesta di Nagra, filiale dello specialista elvetico di tivù digitale Kudelski, e di Canal+, canale a pagamento francese.

Le due entità avevano presentato denuncia penale presso le autorità vodesi, indica Kudelski in un comunicato odierno. Stando alle informazioni diffuse dall'azienda a migliaia di utenti della rete KBoxServ - ampiamente pubblicizza su reti sociali quali Facebook e Instagram - sono stati venduti, attraverso diversi negozi in Svizzera e Francia, box di ricezione TV configurati per l'accesso a contenuti protetti. Il prezzo era di 150 franchi.

Era in tal modo possibile attivare un catalogo comprendente oltre 7'000 film e 77'000 puntate di serie televisive. I contenuti definiti piratati da Kudelski erano distribuiti tramite server in vari paesi europei quali Svizzera, Francia, Germania e Olanda.

Anche se KBoxServ sosteneva di operare legalmente, in realtà era una vera e propria rete pirata, afferma Pascal Métral, esperto dell'ufficio legale di Nagra, citato nel comunicato stampa. L'organizzazione avrebbe in tal modo realizzato cospicui illeciti profitti.

La pagina web di KBoxServ presenta un annuncio che la definisce sotto sequestro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-23 05:56:58 | 91.208.130.89