Immobili
Veicoli
Keystone / Reuters
Sfondo: uno dei neonati affidati ai soldati americani. Nel pallino: Il piccolo Sohail.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
8 min
Attacchi di squalo: i surfisti sono le vittime predilette
Nel 2021 si sono verificati 112 incidenti. Più della metà non sono stati provocati dall'uomo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Obbligo vaccinale, domani il Parlamento tedesco inizia a discuterne
Bimbo di 10 anni morto di Covid in Piemonte, non aveva gravi patologie pregresse.
GERMANIA
54 min
Il 18enne che ha sparato ai compagni «avrebbe potuto fare una strage»
«Le persone devono essere punite» aveva scritto al padre via Whatsapp, pochi minuti prima
PERÙ
2 ore
Perù, il verde cristallino cancellato dalla marea nera
Le immagini del disastro petrolifero della Mare Doricum catturate dai satelliti
REGNO UNITO
4 ore
Partygate, ora indaga anche la polizia
Cresce la pressione attorno al premier Boris Johnson, che rimane trincerato dietro all'attesa del rapporto Gray
UNIVERSO
4 ore
Il telescopio James Webb è in posizione
In giugno arriveranno le prime immagini. Gli astronomi sperano di riuscire a scrutare l'alba dell'universo
REGNO UNITO
5 ore
Violento schianto per un bus londinese: 19 feriti
Tre bambini e due adulti sono stati trasportati in ospedale dopo l'impatto
LE FOTO
OCEANO PACIFICO
7 ore
Tra gli aiuti diretti a Tonga, un focolaio di Covid
Sulla "HMAS Adelaide" della marina australiana ci sono 23 membri dell'equipaggio positivi al coronavirus
RUSSIA
8 ore
Navalny è ufficialmente «un terrorista», per la Russia
L'oppositore è stato inserito nella lista federale dei "terroristi ed estremisti", accanto a gruppi come l'Isis
STATI UNITI
8 ore
«Che stupido figlio di...», l'insulto (e poi le scuse) di Biden a un giornalista di Fox News
Un commento del presidente, finito nel microfono aperto, ha generato una gaffe che si è risolta in meno di un'ora
STATI UNITI / AFGHANISTAN
07.11.2021 - 18:240
Aggiornamento : 08.11.2021 - 00:08

Affidato a un marine a Kabul, scomparso il piccolo Sohail

Un gruppo di sostegno alle famiglie afghane ha lanciato una campagna per trovare il bambino

FORT BLISS / KABUL - La corsa disperata all'aeroporto per fuggire dai talebani. Davanti a loro un muro, ma oltre quel perimetro di cemento grigio c'è la libertà. Nei giorni di caos nella capitale afghana, quando ad agosto migliaia di persone si sono riversate davanti ai cancelli dell'Hamid Karzai Airport per imbarcarsi sui voli di evacuazione, c'erano anche Mirza Ali Ahmadi, 35 anni, sua moglie Suraya, 32, i figli di 17, 9, 6 e 3 anni e il piccolo Sohail di appena due mesi.

La calca impressionante che si era formata davanti al perimetro di cemento, ripresa dalle foto satellitari e dalle tv di tutto il mondo, faceva paura. Uno dei marine al di là del muro con il filo spinato ha chiesto loro se avevano bisogno di aiuto. Temendo che il piccolo Sohail venisse schiacciato dalla folla, i due non ci hanno pensato un attimo e lo hanno consegnato al soldato Usa.

Del resto, erano in tanti, in quelle ore, a passare i neonati al di là del muro. I genitori pensavano che sarebbero presto riusciti anche loro ad arrivare all'ingresso che distava solo 5 metri. Ma così non è stato. C'è voluto una buona mezz'ora prima che superassero la recinzione perché i talebani continuavano a respingere la folla, ma del piccolo Sohail si sono perse le tracce.

«Un'odissea»
In un'intervista esclusiva alla Reuters, i due genitori hanno raccontato la loro odissea nella speranza che qualcuno riconosca il bambino dalle foto diffuse dai social media e attraverso l'Afghan Refugee Relief, un gruppo di sostegno alle famiglie afghane che ha lanciato una campagna dal titolo 'Bimbo scomparso' (Missing baby).

Mirza, che per 10 anni ha lavorato come guardia di sicurezza presso l'ambasciata americana a Kabul, ha iniziato a chiedere disperatamente a tutti i funzionari che incontrava dove si trovasse il suo bambino. Un comandante militare gli ha detto che l'aeroporto era troppo pericoloso e che il piccolo Sohail poteva essere stato portato in un'area riservata ai bambini, ma non era neanche lì.

«Ho chiesto a chiunque»
Il comandante «ha partecipato con me alle ricerche in tutto l'aeroporto», ha detto Mirza affermando di non sapere il nome del militare poiché non parlava inglese e faceva affidamento sui colleghi afgani dell'ambasciata Usa per aiutarlo a comunicare. In tre giorni, «ho parlato con più di 20 persone», ha raccontato Mirza alla Reuters.

«Ad ogni funzionario - militare o civile - in cui mi sono imbattuto, chiedevo del mio bambino», ma senza risultato, ha proseguito. «Gli operatori umanitari e i funzionari americani mi dicono che faranno del loro meglio per ritrovarlo, ma sono solo promesse», ha aggiunto.

Una speranza
Mirza e la moglie sono stati poi evacuati su un volo che li ha prima portati in Qatar e poi in Germania e alla fine sono atterrati negli Stati Uniti. La famiglia si trova ora a Fort Bliss, in Texas, con altri rifugiati afgani in attesa di essere reinsediati da qualche parte negli Usa. «Non faccio altro che pensare a mio figlio», ha detto Suraya. «Tutti quelli che mi chiamano, mia madre, mio padre, mia sorella, tutti mi danno conforto e mi dicono: 'Non preoccuparti, Dio è buono, tuo figlio sarà ritrovato'».

Un funzionario statunitense assicura che il caso è stato segnalato a tutte le agenzie coinvolte, comprese le basi statunitensi e le località estere mentre un portavoce del Dipartimento di Stato ha affermato che il governo sta lavorando con vari partner e la comunità internazionale «per esplorare ogni strada e localizzare il bambino, incluso un appello emesso attraverso il centro internazionale per i bambini scomparsi», nella speranza che sia ancora vivo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 18:51:48 | 91.208.130.89