Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
1 ora
Lo sgombero del porto di Trieste, a suon di idranti
La polizia si è attivata questa mattina per rimuovere gli scioperanti e i manifestanti no-Pass
Stati Uniti
3 ore
I piloti degli aerei stanno perdendo la mano e fanno fatica a volare
Dopo la pandemia gli errori e il rischio di disastri aerei sono aumentati. Sotto la lente il caso degli Stati Uniti
FOTO
ISRAELE
3 ore
Nudi nel deserto, per il Mar Morto
Continua il progetto quinquennale del fotografo americano Spencer Tunick in Israele
Spagna
3 ore
«La prostituzione rende schiave le donne del nostro Paese»
Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha fatto sapere domenica di voler abolire il sesso a pagamento
ITALIA
4 ore
Tv pirata: arrestato un uomo nel Varesotto e denunciati 1'800 clienti
Smantellato un giro da almeno mezzo milione di euro. Per chi lo utilizzava, oltre la denuncia, multe salatissime
NUOVA GUINEA
5 ore
Pirati del mare, criminali armati fino ai denti
Agiscono perché agevolati dalla polizia corrotta e da chi detiene il potere. Ecco dove non andare mai per mare
PAESI BASSI
14 ore
Paesi Bassi, crolla parte della tribuna a fine partita
È accaduto durante un match di Eredivisie, il massimo campionato di calcio olandese.
ITALIA
14 ore
Per recuperare la palla, 15enne cade in una vasca di depurazione e muore
La tragedia è avvenuta a Castellanza, nello stabilimento di una tintoria industriale. Inutile la corsa in ospedale
REGNO UNITO
15 ore
Delta, zero restrizioni... e così i contagi oltremanica volano
Il Regno Unito registra in media 40mila nuovi casi al giorno. La situazione ospedaliera resta però sotto controllo
INDIA
16 ore
Pioggia, fango e frane: almeno 25 morti
Le violente piogge si sono abbattute nel sud-ovest del Paese. Le ricerche dei dispersi sono tuttora in corso
AUSTRALIA
18 ore
Settimana prossima si conclude il lockdown più lungo
Quello di Melbourne e dello Stato australiano del Victoria, chiuso per un totale di quasi nove mesi
Cina
19 ore
La Cina vola intorno al mondo, ma nessuno lo sapeva
Il governo Biden teme un dispiegamento delle forze. Diversa la musica da Pechino: «Non stiamo attaccando nessuno»
REGNO UNITO
22 ore
Il killer di David Amess aveva premeditato l'assalto
Un piano ispirato al terrorismo estremista internazionale e una paziente attesa prima di colpire
ITALIA
22 ore
15enne uccisa da un colpo di fucile in casa, a sparare è stato il fratellino
Svolta nelle indagini nella tragica morte avvenuta ieri in un'abitazione del Bresciano
Francia
1 gior
Sessant'anni fa Parigi si svegliò nel sangue
Oggi la Francia commemora un massacro che pochi conoscono e sui cui bisogna fare ancora chiarezza
STATI UNITI
1 gior
Una gang di Haiti ha rapito 17 cittadini americani
Si tratta di un gruppo di missionari religiosi e dei loro famigliari, fra questi ci sono anche 3 minorenni
MONDO
05.01.2021 - 21:090
Aggiornamento : 22:00

Germania in lockdown, settimane difficili nel Regno Unito

Restano chiuse scuole, bar, ristoranti e molti negozi. Il Bild: "È il documento più assurdo di sempre"

Due inglesi su 100 hanno contratto il Covid la settimana fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, circa un milione di persone.

Con il Covid-19 che continua a imperversare e a macinare nuovi record di casi - complice anche una variante ritenuta apparentemente più contagiosa e a dispetto delle restrizioni in vigore già da prima di Natale - i governi europei danno un altro giro di vite alle misure restrittive per tentare di contenere i contagi. È il caso soprattutto della Germania che prolunga il lockdown fino a fine gennaio, del Regno Unito che non prevede di uscirne prima di marzo, della Danimarca che introduce nuove restrizioni e inasprisce il blocco.

A Berlino la cancelliera Angela Merkel ha raggiunto l'accordo con i 16 Stati federali - già preannunciato nei giorni scorsi - per prorogare fino al 31 gennaio il lockdown introdotto a metà dicembre e che prevede la chiusura di scuole, bar, ristoranti e molti negozi.

Per la prima volta - a riprova di quanto la situazione sia ritenuta grave - la Germania ha anche deciso di limitare gli spostamenti dei propri cittadini: non si potrà andare oltre un raggio di 15 chilometri nelle zone rosse ad alta incidenza del virus.

Misure che anche in Germania sembrano incontrare una crescente stanchezza da parte della popolazione se il diffusissimo tabloid Bild si spinge a definire "il più assurdo di sempre" il documento siglato dalla Merkel.

Test obbligatorio - «Per chi entra in Germania da aree a rischio covid, oltre all'obbligo di quarantena per dieci giorni, deve essere introdotto un obbligo di test all'entrata (strategia dei due test)»: è quanto si legge nel testo conclusivo della video-conferenza tra la cancelliera Angela Merkel e i ministri-presidenti dei Länder. L'obbligo di quarantena può essere ridotto da 10 a 5 giorni in presenza di un test da fare solo a partire dal quinto giorno di ingresso in Germania.

Ai Länder è riservato invece il controllo rafforzato nel caso di provenienze da zone in cui è particolarmente diffusa la cosiddetta variante inglese, si legge nel documento. Nelle case di cura e per anziani sarà istituito l'obbligo di test per il personale e per i visitatori.

Regno Unito - Al di là della Manica, anche il Regno Unito ha di fronte a sé ancora altre "settimane molto, molto difficili", ha dovuto ammettere il ministro Michael Gove, numero tre del governo Tory di Boris Johnson, nella giornata in cui il paese ha registrato il suo nuovo record assoluto di contagi.

Per la prima volta è stata sfondata la soglia dei 60'000 casi quotidiani - seppure con una quota di quasi 465'000 tamponi - e il numero dei morti è tornato a livelli vicini a quelli dei picchi di primavera: 830 pazienti hanno perso la vita nel giro di 24 ore. Due inglesi su 100, è emerso inoltre, hanno contratto il Covid la settimana fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, circa un milione di persone.

A fronte di questa situazione il terzo lockdown generale annunciato a inizio settimana dal premier Boris Johnson è destinato con ogni probabilità a rimanere in vigore fino a marzo, secondo le previsioni di Gove.

Vaccinazioni - Parallelamente alle chiusure e alle restrizioni, l'altro fronte della lotta al virus che vede gli Stati in prima linea è quello delle campagne di vaccinazione. E se nel Regno Unito, dove sono stati i primi a partire, hanno già iniettato oltre 1,3 milioni di vaccini e sono convinti di poter arrivare entro metà febbraio a somministrare la prima dose a oltre 13 milioni di persone, nel Vecchio Continente in parecchi ancora arrancano.

In Francia, dopo un avvio vissuto con grande difficoltà, il ministro della salute Olivier Véran ha assicurato che nei prossimi giorni il paese si metterà al passo degli altri Stati europei. In Spagna per far fronte ai ritardi si fa strada l'idea di far scendere in campo l'esercito per affiancare le autorità sanitarie.

E nei Paesi Bassi il premier Mark Rutte ha ammesso davanti al parlamento l'impreparazione del suo governo, che comincerà a vaccinare domani, ultimo nell'Unione europea. «Non siamo preparati a distribuire un vaccino che deve essere conservato a -70 gradi», ha allargato le braccia Rutte.

Per far fronte alla sete di dosi del farmaco, che ancora scarseggiano rispetto alle esigenze dei paesi, la Commissione europea è tornata ad assicurare di avere negoziati in corso con Pfizer-BioNTech, per un numero supplementare di fiale che secondo alcuni media internazionali ammonterebbe a ulteriori 50 o 100 milioni di dosi.

Anche nel resto del mondo... - Dall'altra parte dell'Oceano, nel frattempo, la situazione appare sempre più fuori controllo: nella contea di Los Angeles, dove gli ospedali sono al collasso e i morti sono quasi mille al giorno, è stato chiesto alle ambulanze di non prendere più quei pazienti che hanno possibilità molto basse di sopravvivere.

E intanto si aggiunge anche un nuovo capitolo all'iter della travagliata missione dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in Cina per indagare sulle origini del Covid-19. L'équipe di scienziati dell'agenzia delle Nazioni Unite è partita, ha annunciato il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, anche se ancora non ha ottenuto il via libera di Pechino.

Israele, nuovo lockdown totale per 2 settimane - Il governo israeliano ha votato il varo di un nuovo lockdown totale a partire dalla mezzanotte di giovedì 7 gennaio per le 2 settimane successive. La misura - ha spiegato il premier Benyamin Netanyahu - si è resa necessaria a fronte dei nuovi picchi di infezione, che nelle ultime 24 ore hanno superato gli 8'000 casi.

In base alle nuove disposizioni saranno chiusi - secondo i media - tutti i luoghi di lavoro non essenziali e gran parte delle scuole. Chiusi anche i luoghi di culto, forti limitazioni ai viaggi all'estero e agli spostamenti. Il governo - secondo le stesse fonti - si riunirà di nuovo domani.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 12:13:35 | 91.208.130.86