Keystone
FRANCIA
14.06.2020 - 20:390
Aggiornamento : 21:28

Macron ai francesi: «Domani riapriamo tutto»

Il presidente della Repubblica ha celebrato una «prima vittoria» in un discorso televisivo.

PARIGI - "Tutto il territorio, ad eccezione di Mayotte e della Guyana, diventa zona verde. Questo significa una ripresa forte del lavoro e la riapertura di ristoranti e bar": Emmanuel Macron, in un discorso registrato all'Eliseo di una ventina di minuti, ha annunciato ai francesi che anche Parigi, da domani, può "voltare la pagina del primo atto della crisi" provocata dall'epidemia di coronavirus.

Dall'Eliseo è così arrivato l'annuncio che i francesi aspettavano con più ansia dal 17 marzo, quando fu decretato il lockdown. Un risultato raggiunto con lo sforzo di tutti, e di cui "andare fieri", dice il presidente: "L'estate 2020 non sarà un'estate come le altre e bisognerà seguire l'evoluzione dell'epidemia per prepararci. La lotta non è ancora finita. Ma sono felice con voi di questa prima vittoria contro il virus".

Riaprono tutti i ristoranti e i bar a Parigi, riaprono completamente asili, scuole elementari e medie, che dal 22 luglio ritroveranno ritmi e obblighi dei tempi della normalità.

Nel momento della riapertura totale, Macron ha fatto anche il bilancio di quanto avvenuto: rivendicando "la scelta di mettere la salute davanti all'economia", ammettendo "errori" ma rivendicando i successi: "Non dobbiamo vergognarci del nostro bilancio - ha detto - decine di migliaia di vite sono state salvate grazie alle nostre scelte, alle nostre azioni", "lo stato ha tenuto", abbiamo reagito "meglio di altri, di fronte a un virus che ci ha colpito con più forza".

"Certo - ha ammesso - questa prova ha rivelato delle carenze, delle fragilità, la nostra dipendenza da altri continenti per procurarci certi prodotti, le pesantezze organizzative", tutti problemi "dai quali trarre lezione".

Il presidente ha ricordato la mobilitazione "totale" dello Stato, "cassa integrazione, aiuti ai commercianti, ai lavoratori indipendenti, sostegno ai precari. Il governo ha fatto tutto per salvare i posti di lavoro e aiutare ciascuno. Abbiamo lanciato un piano massiccio per i più colpiti" e "sbloccato circa 500 miliardi di euro per la nostra economia".

Il presidente ha poi "escluso" "qualsiasi aumento di imposta per finanziare spese legate al coronavirus" ed ha sottolineato che la ripresa economica passerà dall'Europa che in questo caso "è stata all'altezza della situazione" nonostante "un inizio difficile".

Infine, un accenno all'attualità, alle proteste che imperversano anche in Francia sulle violenze della polizia: "La Repubblica non smonterà nessuna statua - ha detto il presidente - non cancellerà alcuna traccia né alcun nome della propria storia", aggiungendo poi che la Francia saprà essere "inflessibile di fronte al razzismo e all'antisemitismo".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 07:40:43 | 91.208.130.86