Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Cambio ai vertici di AM Suisse Ticino
Piergiorgio Rossi ha deciso di non ricandidarsi dopo 21 anni. Il testimone passa a Fabio Cameroni.
LUGANO
3 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
3 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
12 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
13 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
CANTONE
16 ore
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggia su rotaia con ritardi che continuano a protrarsi
CANTONE
16 ore
Votazioni, le reazioni dei partiti
Tra conferme e colpi di scena, ecco i commenti a caldo alle votazioni cantonali e federali
CANTONE
17 ore
«Speriamo che il rimborso non legittimi comportamenti violenti»
Il commento del Consiglio Stato sui risultati della votazione cantonale.
LUGANO
17 ore
Rogo in un appartamento a Pregassona
Si è registrato fortunatamente solo un ferito lieve: un caso d'intossicazione leggera
CANTONE
17 ore
Matrimonio per tutti: «Ha vinto l'amore»
I Verdi applaudono quella che definiscono una «vittoria storica».
CANTONE
17 ore
Ribaltone alle urne: Ghiringhelli canta vittoria
L'iniziativa sulla legittima difesa è stata approvata dai ticinesi con il 52,4 per cento di voti favorevoli
CANTONE
13.06.2021 - 16:370
Aggiornamento : 18:17

«Si volta finalmente pagina», tra delusi e sollevati

La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore

Raoul Ghisletta: «Nel caso di un "no" sarebbe stato difficile uscirne». Matteo Pronzini: «Tra il ceto politico e la popolazione c'è una distanza sempre più abissale».

BELLINZONA - Per qualcuno è un «sollievo», per qualcun altro è invece «la vittoria della casta e dei partiti che la compongono», come si legge in un commento del Movimento per il Socialismo (MPS) dopo che i cittadini ticinesi hanno espresso il proprio benestare (con il 52.1%) a favore della Legge sulla retribuzione e sulla previdenza professionale dei membri del Consiglio di Stato.

«Si volta finalmente pagina»
Il «casino legato al sistema vecchio lo abbiamo visto tutti», ci dice al telefono il deputato PS e segretario cantonale del VPOD Raoul Ghisletta, in prima linea a favore della nuova Legge. «Dal profilo giuridico è sicuramente un passo avanti. Che permette di evitare polemiche insite nella vecchia legge». Certo, il margine favorevole è molto «risicato», riconosce Ghisletta, sottolineando però come si sia trattato di un tema «difficile da portare» in discussione tra i cittadini. In particolare «in un momento di grandi difficoltà economiche» per tutta la popolazione.

E se il responso delle urne fosse stato diverso? «Si sarebbe rimasti al vecchio sistema e sarebbe stato un peccato. Nel caso di un "no" sarebbe poi stato molto più difficile uscirne». Alla fine quindi, dopo decenni in cui il tema dei privilegi del Governo è rimasto sui tavoli, «si volta finalmente pagina. E questo è importante. Perché il sistema vecchio sarebbe stato difficilmente migliorabile».

L'MPS tra delusione e uno slancio per il futuro
Dall'altro lato, il risultato di oggi, per quanto a prevalere sia il senso di delusione, può essere visto però sotto due lenti diverse per il Movimento per il Socialismo, come ci spiega Matteo Pronzini. «È un motivo di soddisfazione sapere che quasi il 50% della popolazione del cantone, in un contesto difficile e senza che ci fosse prima una grande discussione, ci ha sostenuto», commenta al telefono, guardando le cifre emerse dalle urne. Cifre che mostrano «sempre più una distanza abissale tra il ceto politico, che ormai non rappresenta più gli interessi della popolazione, e un'opposizione come la nostra che invece entra in sintonia con le necessità dei cittadini».

Il risultato, prosegue Pronzini, è quindi «un balzo avanti perché ci permette di raggiungere quasi una maggioranza. E per le battaglie future partiamo da un sostegno importante». Ma tornando subito al presente, e prendendo atto del risultato di oggi, l'MPS non intende comunque fermarsi. «Rimane aperta tutta la questione delle spese». Quei «15mila franchi all'anno, che non hanno alcuna ragione di esistere, così come la necessità di chiarire cosa sia successo in questi decenni sulla questione dei vitalizi», ci spiega. «L’ultimo decreto di abbandono firmato dal Procuratore generale lasciava molti dubbi. E più in generale rimane un problema etico di quanto i politici - i consiglieri di Stato, ma non solo - intascano grazie alla politica. Cifre enormi che noi contestiamo e continueremo a contestare».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gus 3 mesi fa su tio
Il Ticino è in mano ai leghisti!
Tato50 3 mesi fa su tio
@Gus Meno peggio dei Liberali di sinistra ( vedasi votazione Co2 ) ;-(
Talos63 3 mesi fa su tio
Non si arrende neanche davanti all’evidenza il caro Pronzini
Aargauer 3 mesi fa su tio
Tipico Tessiner...ma sa po’ mïa..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 09:18:22 | 91.208.130.87