Tipress
CANTONE
04.11.2020 - 14:550
Aggiornamento : 15:31

L'accusa: «Il Governo ha censurato il nostro sondaggio»

Un questionario sul rispetto delle norme anti-Covid negli uffici cantonali al centro di una querelle

BELLINZONA - Il Movimento per il socialismo (MPS) attacca il Governo, che avrebbe - a suo dire - censurato il sondaggio che l'MPS stava realizzando tra i dipendenti dell'amministrazione cantonale. Si trattava di un sondaggio per l’applicazione delle norme introdotte per combattere il COVID 19 all’interno, con domande inerenti il rispetto delle misure igieniche, il distanziamento, la regolamentazione del lavoro ridotto.

Ebbene, stando alle accuse del movimento politico, dopo le prime ore in cui avevano partecipato numerosi dipendenti cantonali, il Governo avrebbe bloccato l’accesso al questionario on line e perfino l’accesso informatico agli indirizzi dell’amministrazione al deputato MPS Matteo Pronzini. «Si tratta di una violazione grave - commenta il Movimento per il socialismo - prima di tutto, dei diritti individuali di un cittadino: chiunque deve avere il diritto di rivolgersi all’amministrazione e ai suoi servizi in qualsiasi momento. (...) Evidentemente, non è estraneo a tutto questo il fatto che Matteo Pronzini e il gruppo MPS abbiano colto in flagrante, pochi giorni fa, il Centro sistemi informativi del Cantone (circa 200 impiegati) in una situazione di grave mancanza di applicazione delle stesse disposizioni emanate dal governo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 10:44:48 | 91.208.130.89