Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 min
Incidente a Lugano Sud ed il traffico va in tilt
CAPRIASCA
12 min
Cade da un muretto, interviene la Rega
CANTONE
22 min
Approvvigionamento dell'acqua, una nuova ordinanza in caso di penuria
CAMPIONE D'ITALIA
39 min
«I debiti di Campione li paghi l'Italia»
CANTONE
1 ora
Il comitato del Kiwanis si rinnova
CANTONE
1 ora
«La dott.ssa Lesmo non è contraria ai vaccini. Ha vaccinato i suoi figli»
MASSAGNO
1 ora
I sindacati contro il CdT: «I vertici non hanno voluto incontrarci»
MENDRISIO
2 ore
Festa della Musica, tante luci e qualche ombra (sul futuro)
CANTONE
3 ore
Un'azione speciale per promuovere la donazione di sangue
BELLINZONA
3 ore
Premiati i migliori studenti delle Scuole Medie di Giubiasco
CANTONE
3 ore
Arcobaleno scontato per gli apprendisti
BIDOGNO
4 ore
Il parcheggiatore abusivo è stato estradato in Italia
CANTONE / BERNA
4 ore
«Gli ex dipendenti di Campione guadagnano di più di quando lavoravano?»
CANTONE
5 ore
E voi? La comprereste questa auto?
CANTONE
5 ore
È nato un Gruppo di riflessione sul mercato del lavoro
CANTONE
22.05.2019 - 16:430

«Il caso Kering faccia scuola, servono condizioni quadro»

Il PLRT commenta la decisione del gruppo di ridurre la propria presenza in Ticino: «Ogni impresa è libera di scegliere dove insediarsi, sta al Cantone rendere il Ticino attrattivo»

CAMORINO - La decisione del gruppo Kering di ridurre del 50% la propria presenza in Ticino nei prossimi 3 anni «mette nuovamente il Ticino di fronte all’evidenza che ogni impresa è libera di decidere autonomamente dove svolgere le proprie attività. Siano esse gestionali, produttive o logistiche». È questo, per il PLRT, l'insegnamento da trarre dalla vicenda che vede coinvolti la maison del lusso da una parte, il Cantone dall'altra e, nel mezzo, i dipendenti che verranno toccati dalla riorganizzazione.

Per il PLRT si tratta dell'ennesima conferma che l’unica possibilità di azione come Cantone è quella di favorire le migliori condizioni quadro possibili per il mantenimento e l’insediamento di nuove aziende virtuose nel nostro Cantone: «Aziende che creino posti di lavoro e indotto fiscale nel pieno rispetto delle regole», si legge nel comunicato stampa, nel quale si ricorda come le spese cantonale «debbano essere in un qualche modo finanziate…».

Oltre alla tranquillità istituzionale della Svizzera, per i liberali-radicali è quindi necessario fare leva su aspetti come il livello della fiscalità, l’offerta di attività di ricerca e sviluppo e le buone vie di collegamento (per la mobilità delle persone, delle merci o dei dati). Ma non solo, «a non giovare è anche l’atteggiamento di una certa politica che si rallegra quando le aziende chiudono», viene evidenziato.

In conclusione, il PLRT invita a non «demonizzare» un intero settore, ma a sostenere chi paga le imposte e crea posti di lavoro, nel pieno rispetto delle regole del mercato ticinese: «Piccole e medie imprese, ma anche grandi gruppi che creano substrato fiscale a favore di tutti noi»

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-17 17:33:17 | 91.208.130.87