Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
35 min
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
50 min
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
1 ora
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
1 ora
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
1 ora
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
1 ora
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
LUGANO
2 ore
Sono loro i migliori studenti del Liceo 1
LOCARNO
4 ore
Rive invase dal legname: «Puliamo ogni mattina, ci vuole tolleranza»
RIVA SAN VITALE
4 ore
Riva accoglie i suoi campioni
LUGANO
5 ore
Caldo notturno da record sul Ceresio: 24.2 gradi
VACALLO
6 ore
«Come va l'illuminazione pubblica?»
LUGANO
7 ore
Novanta alloggi per studenti e un ristorante al posto del teatro
GAMBAROGNO
14 ore
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
15 ore
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
16 ore
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
CANTONE
19.05.2019 - 16:320

«Toni al limite della calunnia». Il DECS risponde al collettivo R-esistiamo

Il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport spiega passo per passo l'iter della prima scolarizzazione dei bambini in arrivo al centro federale di Novazzano

BELLINZONA - «Toni al limite della calunnia». È questo il commento del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS) in merito al recente comunicato del collettivo R-esistiamo a proposito della prima scolarizzazione dei bambini/ragazzi in arrivo al centro federale di Novazzano.

Il DECS precisa che l'affermazione secondo cui lo stesso Dipartimento avrebbe "disposto che la scolarizzazione dei figli e delle figlie dei richiedenti l’asilo presenti nel Cantone, assieme a tutte le persone minorenni non accompagnate, debba essere svolta all’interno di tali campi" non è fondata. «I bambini/ragazzi in età di obbligo scolastico che, in provenienza dall'estero, arriveranno al centro federale (luogo di passaggio per tutti i richiedenti asilo) saranno in effetti immediatamente presi a carico al suo interno in una classe particolare, di 15 allievi al massimo, per cominciare a capire le loro diverse esigenze. Tale prima scolarizzazione sarà di corta durata».

La Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) ha infatti indicato un tempo massimo di 5/6 settimane per le decisioni di sua spettanza inerenti ai minorenni con famiglia, meno ancora per i minorenni non accompagnati. Dopodiché i bambini/ragazzi saranno attribuiti a un Cantone che potrebbe essere il Ticino così come un altro.

Per i bambini/allievi che saranno attribuiti al Ticino l'inclusione effettiva inizierà subito nel luogo di residenza, nella scuola ordinaria (dell'infanzia, elementare o media) e potrà svilupparsi su periodi decisamente più lunghi e proficui.

«Non vi è quindi alcuna volontà di segregare i piccoli migranti, si tratta solo di organizzare al meglio il loro processo d’inclusione» precisa il DECS, che si riserva di riconsiderare tale organizzazione qualora i tempi di permanenza dei bambini/ragazzi nel centro federale dovessero risultare più lunghi di quanto previsto.

1 mese fa Duro attacco contro il DECS: «Aggiunge un nuovo tassello di apartheid in Ticino»
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 13:02:17 | 91.208.130.86