ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
26 min
Già 8'070 firme per salvare l'aeroporto
CONFINE / CANTONE
1 ora
Ticinese si ribalta a Ponte Chiasso, ferita una 67enne
SAN VITTORE (GR)
2 ore
Un (altro) brunch con Martullo-Blocher e Chiesa
CANTONE
2 ore
Nuovi tagli in vista alla Rsi
COLLINA D'ORO
2 ore
Collina d'Oro riceverà il marchio per la Città dell'energia
CAPRIASCA
3 ore
Tre nuove installazioni arricchiscono Artinbosco
CONFINE / CANTONE
3 ore
Agente di sicurezza in Ticino trovato morto dopo la gara di bodybuilding
ROVEREDO (GR)
4 ore
Galleria di San Fedele chiusa oltre un'ora per un incidente
PARADISO
4 ore
Grandi festeggiamenti per i 25 anni della Residenza Paradiso
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Sicurezza a ridosso del confine: «Il problema è tutt'altro che risolto»
CANTONE
4 ore
«Quante sono le donne nei consigli d’amministrazione?»
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Uffici postali: «Le richieste del Ticino sono già prese in considerazione»
CANTONE
5 ore
Sono tornate le mezze stagioni
CANTONE
5 ore
Giovani ticinesi pronti a trasferirsi oltre San Gottardo: raccontaci la tua esperienza!
LUGANO
5 ore
Dieci faggi verranno sostituiti per «tutelare la pubblica incolumità»
CANTONE
05.02.2019 - 20:400

Argo1, il governo si congratula e contrattacca

Nella risposta alla Commissione parlamentare d'inchiesta l'Esecutivo ribadisce che si agì in «situazione d'emergenza»

BELLINZONA - «Il Consiglio di Stato si complimenta con la vostra commissione per l'ottimo lavoro di analisi e per la chiara esposizione dei fatti nel rapporto conclusivo». Si conclude con una carineria la risposta del Governo al rapporto sul caso Argo1 consegnato dalla Commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi). Il documento di cinque pagine, anticipato dalla Rsi, inizia con il ripercorrere le principali fasi della vicenda: da quelle penali col blitz di polizia il 22 febbraio 2017 a quelle amministrative, ossia lo scandalo scoppiato in seguito all'assenza di una risoluzione governativa per l'assegnazione del mandato di 3,4 milioni alla ditta che gestiva la sicurezza nei centri per richiedenti l'asilo.

Ribadita l'emergenza - E allora nel documento vengono risottolineate cose già sentite. Come il fatto che i funzionari coinvolti «hanno agito in una situazione di emergenza, sempre in buona fede e nell'ottica di garantire l'operatività del servizio con un uso parsimonioso delle risorse finanziarie».

L'attacco - Fin qui l'autodifesa, perché poi nella seconda parte della risposta il CdS passa all'attacco. Criticando innanzitutto «il fuorviante servizio, non fondato su elementi oggettivi, trasmesso da Falò il 28 settembre 2017 che lasciava trasparire il sospetto di corruzione all'interno dell'Amministrazione cantonale».

Ri-ribadita l'emergenza - Ma ce n'è anche per la Commissione d'inchiesta che nel formulare alcune critiche, avrebbe omesso - secondo il Governo - «di considerare la situazione puntuale d'emergenza dettata dall'improvviso aumento dei migranti e dalla mancanza di strutture ideonee per ospitarli».  

Compito strategico - Rigettata infine la conclusione della Cpi secondo cui «l'Esecutivo continua a privilegiare una sorta di rinuncia alla responsabilità, lasciando ai singoli Dipartimenti il compito di risolvere problemi anche complessi». Il tema dei migranti, sottolinea ancora il CdS, è stato nel frattempo elevato a compito strategico dello Stato dando vita a un approccio interdipartimentale.

Allegati
Commenti
 
miba 7 mesi fa su tio
Concordo con tutti quelli che mi hanno preceduto e che rispecchia in sostanza la fiducia e la credibilità riposta nella nostra classe politica, alias vicina allo zero. Perché non scrivono direttamente a Papa Francesco per far beatificare questi poveri martiri? Altro che CPI!! Se nell'indagine avessero coinvolto qualcuno di estraneo alla politica ne avremmo sicuramente visto delle belle! Ma vergognatevi!
Mirketto 7 mesi fa su tio
In Ticino la tournè del Circo è tutto l'anno.....
fakocer 7 mesi fa su tio
Fa... la... sabbia.... di un'arid Tisin!
pillola rossa 7 mesi fa su tio
"sempre in buona fede" No way, dogana ad Airolo! Tessin raus!
KilBill65 7 mesi fa su tio
Adesso e' il momento visto le votazioni a breve, di toglierci questi personaggi da quattro soldi, e se il caso di mettere al loro posto (si spera) politici piu' capaci e senza altri scandali!!!.....
ziopecora 7 mesi fa su tio
commissione d'inchiesta popolata da personaggi di partito. inchiesta penale svolta da magistrati designati in base all'appartenenza partitica. E poi qualcuno pensa che ci sia una qualsiasi intenzione di arrivare alla verità??? La politica nostrana non ha più nulla da invidiare a quella del Bel Paese.
tip75 7 mesi fa su tio
ma smettete di prendere per i fondelli i cittadini VERGOGNA
albertolupo 7 mesi fa su tio
He he he, si avvicinano le elezioni e tutti miracolosamente a far quadrato ....ehm pentagono attorno al tavolone e ai cadregoni! La questione dell’urgenza era stata liquidata sin dal primo istante come una balla pazzesca. Ma quanti scheletri negli armadi devono avere tra tutti, per non osare a fare cip su niente e nessuno?
Tato50 7 mesi fa su tio
Ma allora perché non candidare Dadò ?
F/A-18 7 mesi fa su tio
Pare che si "tut a posct ", l'ennesimo insabbiamento con contentino per lo stupido populino, e cosi il teatrino va avanti.
lügan81 7 mesi fa su tio
A volte assumersi la propria colpa é meglio che continuare a fare figuracce da bambela... Ma qui ormai il programma Zelig con i comici al confronto é super serio... Magari la famiglia Knie ha bisogno di nuovi clown...
seo56 7 mesi fa su tio
Viene da ridere! La politica ticinese sempre più penosa! Gente svegliatevi aprile è vicino e dobbiamo mandare un segnale forte a questi .....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 20:32:29 | 91.208.130.86