CANTONE
24.03.2015 - 12:060
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Passano le modifiche alla Legge cantonale sul rilancio dell’occupazione e sul sostegno dei disoccupa

BELLINZONA - Dopo aver approvato l'iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino!", il Parlamento si occupa ancora di lavoro. Questa volta è la revisione parziale della Legge cantonale sul rilancio dell’occupazione e sul sostegno dei disoccupati (L-rilocc).

La Commissione della gestione, nell'analisi del messaggio, ha ritenuto che "la bomba a orologeria che l'accumularsi della disoccupazione potrebbe innescare (e in parte ha già innescato) è un peso ancor più gravoso, in termini di fardelli lasciati alle generazioni future, che non un contenuto aggravio finanziario a carico dello Stato".

Gli articoli che sono stati modificati sono quello legato all'incentivo all'assunzione, all'assegno di formazione professionale e a quello d'inserimento professionale e agli incentivi per nuove attività indipendenti. Si è andati poi a creare nuovi strumenti, come il sostegno all'assunzione di persone disoccupate di età uguale o superiore a 55 anni e le indennità straordinarie di disoccupazione.

Il Consiglio di Stato appoggia le modifiche di legge: "La revisione parziale della L-rilocc permetterà di migliorare l’efficacia delle misure cantonali, conformemente alle raccomandazioni scaturite dallo studio del professor Giuliano Bonoli, e di completare il dispositivo di misure a favore della riqualificazione professionale dei giovani disoccupati".

Il Parlamento ha approvato la modifica legislativa con 64 sì, 0 no e 4 astensioni.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 02:54:30 | 91.208.130.85