Energy Vault
L'innovativo sistema di stoccaggio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Nuovo corso alla Corsi
CANTONE
3 ore
Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate
CANTONE
6 ore
Patriziati riuniti in assemblea
CAMORINO
6 ore
Portali aperti al cantiere Alptransit
CANTONE
9 ore
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
9 ore
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
10 ore
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
11 ore
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
12 ore
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
13 ore
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
13 ore
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
13 ore
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
16 ore
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
1 gior
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
1 gior
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
BIASCA
11.04.2019 - 19:200

Lo stoccaggio di energia "alla ticinese" piace agli americani

Il progetto della Energy Vault di Biasca continua ad ottenere ottimi riscontri negli Stati Uniti. Di recente ha ottenuto un prestigioso riconoscimento

BIASCA - C'è un'azienda ticinese che continua a far parlare di sé oltreoceano. Già lo scorso anno la Energy Vault di Biasca era balzata agli onori della cronaca per il proprio progetto di stoccaggio dell'energia, ricevendo addirittura i complimenti da uno che di invenzioni se ne intende, Bill Gates. Ora la società della Riviera ha ricevuto il prestigioso riconoscimento "Fast Company’s 2019 World Changing Ideas Awards" nella categoria energia. Un premio che ricompensa le «soluzioni in grado di salvare il pianeta».

L'idea della Energy Vault è piuttosto semplice, sfruttare una forza onnipresente: la gravità. Infatti, quando si solleva qualcosa, si "immagazzina" energia. Quando più tardi lo si lascia cadere, si recupera quell'energia. Utilizzando una gru e dei mattoni di cemento, ecco quindi che è possibile incamerare l'energia (sollevando i mattoni), per poi recuperarla in un secondo momento quando vi è penuria (facendo precipitare i mattoni).

Insomma, si tratta di una sorta di "mega-batteria" il cui costo e impatto ambientale è decisamente minore rispetto ai classici accumulatori. Queste torri, abbinate a un impianto eolico o fotovoltaico, garantirebbero dunque energia anche nei momenti in cui il vento è assente o durante la notte. «Gestire un parco eolico o solare è oggi più economico di molte vecchie centrali a carbone, ma immagazzinare energia è ancora un problema per l'industria delle energie rinnovabili», ha spiegato il Ceo di Energy Vault Robert Piconi a Fast Company.

Un problema che a Biasca hanno risolto con la gravità, una soluzione tutt'altro che tecnologica.

8 mesi fa I complimenti di Bill Gates alla startup ticinese
Commenti
 
albertolupo 1 mese fa su tio
mi ricordo di un’altra ditta di Biasca che si occupava di energia e che è sparita nel nulla...
Moga 1 mese fa su tio
@albertolupo La Airlight se ben ricordo, il cui direttore è ora il CTO della Energy Vault
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-26 00:03:37 | 91.208.130.86