Rescue Media
La villetta in cui ha avuto luogo la tragedia.
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO 
1 ora
«Le mascherine contro il virus vanno a ruba anche a Lugano»
Il confronto con la Bahnhofapotheke Zürich è di 24mila pezzi contro 300. Ma anche alla farmacia della stazione c'è stato l'assalto "cinese"
CANTONE/ITALIA
2 ore
La ticinese Elly Schlein è la più votata in Emilia Romagna
Diverse le esperienze politiche già messe alle spalle, anche in ambito europeo
BELLINZONA
4 ore
Sacchi sul Viale, pochi i trasgressori: «Per loro 200 franchi di multa»
Il capo-dicastero Christian Paglia traccia un bilancio positivo a 8 mesi dall’introduzione dei cassonetti interrati nel centro storico: «Prossimi passi Bellinzona e Giubiasco. Poi tutti i quartieri»
CANTONE
5 ore
«Ridiamo vita ai nuclei tradizionali»
Il PLR, con un'iniziativa parlamentare, chiede d'introdurre degli incentivi finanziari per sostenere i lavori di restauro degli edifici
CANTONE
6 ore
Sei stato in Cina e non stai bene? «Non andare dal medico, chiamalo»
Arrivano le raccomandazioni del DSS che nel contempo rassicura la popolazione sul coronavirus: «Al momento non c'è da preoccuparsi»
CANTONE
6 ore
«L'alcol non è Satana, meglio educare che proibire»
Per Andrea Conconi, direttore Ticinowine, la nuova legge sulla vendita delle bevande alcoliche penalizza fortemente il settore vinicolo. E non solo
BELLINZONA
6 ore
Un educatore di strada contro il disagio giovanile
Ne chiede l’introduzione una mozione indirizzata all’Esecutivo bellinzonese
LUGANO
7 ore
Le aziende si incontrano a Spazio Ticino
Saranno tre le macro aree tematiche: Marketing, comunicazione e formazione; Forniture, logistica e servizi; MICE ed eventi
LUGANO
7 ore
Niente allarmismi se vedete del fumo nella Vedeggio-Cassarate
Nella notte tra mercoledì e giovedì verrà eseguito un test per collaudare gli impianti di ventilazione e antincendio
CANTONE
12.12.2019 - 17:020
Aggiornamento : 19:34

«Ha ucciso la nonna per darle una lezione»: 18 anni al nipote

L’autore del delitto di Caslano è stato condannato per assassinio. La pena sospesa a favore di un trattamento stazionario

LUGANO - È colpevole di assassinio il ventiquattrenne che, il 6 luglio 2018 a Caslano, uccise la nonna e poi diede fuoco al suo corpo. Lo ha deciso la Corte delle Assise criminali, che lo ha condannato a una pena di diciotto anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario in una struttura chiusa. È inoltre stata riconosciuta la richiesta di 25’000 franchi per torto morale avanzata dall’accusatore privato. Lo ha comunicato poco fa il giudice Marco Villa.

Il tutto ha avuto origine da una richiesta di duecento franchi che la vittima aveva respinto, «un motivo futilissimo». «Dopo la risposta negativa della nonna, l’imputato ha avuto il tempo sufficiente di metabolizzare la situazione, dato che la vittima è andata in cucina a prepararsi un caffè». Ma non ne ha approfittato: «Avrebbe potuto andarsene, invece ha raccolto il martello che aveva preso in cucina e ha commesso il delitto, le ha voluto dare una lezione».

Secondo la Corte, il ventiquattrenne ha quindi agito per vendetta. «Per i rifiuti passati e per quello della notte stessa» ha spiegato il giudice. Si tratta di un sentimento, ha osservato, rilevato anche dalla perizia psichiatrica, che parla di «ridotta tolleranza davanti a dei rifiuti».

Per quanto riguarda la premeditazione, la Corte esclude che il gesto sia stato pianificato nei giorni precedenti. Ma ritiene che l’intenzione di uccidere la nonna sia maturata quando quella notte si stava recando verso l’abitazione: «Strada facendo la sua rabbia è cresciuta, perché sapeva che sarebbe andato incontro all’ennesimo rifiuto». E allora, una volta arrivato da lei e sceso in cantina per prendere una bottiglia di grappa, ha scelto di prendere anche l’arma del delitto, il martello. «Ha voluto mettere alla prova la nonna».

Nella commisurazione della pena è stato tenuto conto in particolare della scemata imputabilità, della giovane età dell’imputato, del suo vissuto e del carcere preventivo sofferto.

L’accusa: «Una vendetta» - L’accusa aveva insistito sulla premeditazione, chiedendo una pena di sedici anni. Senza opporsi alla sospensione a favore di un trattamento stazionario in una struttura chiusa. «Quella maledetta notte aveva deciso di mettere in atto un’azione vendicativa ancor prima di uscire di casa» aveva detto la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. E aveva sottolineato che la vittima era «strafelice di accogliere l’amatissimo nipote», ma era diventata più severa nel momento in cui il giovane si era avvicinato alla droga. «E lui aveva sviluppato un sentimento di vendetta».

La difesa: «Ha reagito per rabbia» - Il difensore, avvocato Daniel Ponti, aveva invece escluso la premeditazione. E si era battuto per una pena di undici anni, sospesa a favore di una terapia della durata di quattro anni (misura per giovani adulti). «Ha agito mosso dalla rabbia e dalla frustrazione causati dal rifiuto della nonna, non è partito con l’idea di farle del male».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 22:17:25 | 91.208.130.86