Tipress
CANTONE
07.02.2018 - 09:010
Aggiornamento 20.03.2018 - 11:45

Genitori affidatari alla sbarra per maltrattamenti, rinviato il processo

I fatti risalgono agli anni tra il 2010 e il 2013, quando la vittima aveva meno di dieci anni

LUGANO - È stato rinviato il processo nei confronti delle quattro persone, i due genitori affidatari, il tutore ed un assistente sociale, che sarebbero dovuti comparire questa mattina davanti alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio - presieduta dal giudice Mauro Ermani e riunita a Lugano - per una serie di maltrattamenti su una bambina.

I fatti risalgono agli anni tra il 2010 e il 2013, quando la vittima aveva meno di dieci anni. Non si parla soltanto di maltrattamenti fisici, ma anche di umiliazioni, quali docce bollenti e l’abbandono in un bosco, per citarne alcune. La coppia dovrà rispondere di coazione, lesioni semplici e violazione del dovere di assistenza o educazione. L’atto d’accusa è firmato dalla procuratrice pubblica Valentina Tuoni.

Al banco degli imputati siederanno anche il tutore e l’assistente sociale, poiché all’epoca avrebbero ignorato i segnali dei maltrattamenti.

I quattro sono difesi dagli avvocati Pietro Croce, Felice Dafond, Andrea Ferrari e Yasar Ravi.

Potrebbe interessarti anche
Tags
maltrattamenti
genitori affidatari
genitori
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-10-17 14:26:09 | 91.208.130.87