Archivio Tipress
BELLINZONA
03.01.2018 - 14:000

L'eritreo rimane in prigione

Prorogata di tre mesi la carcerazione preventiva del 35enne accusato di aver spinto la propria compagna dal balcone della palazzina di via San Gottardo

BELLINZONA - Almeno altri 90 giorni dietro alle sbarre. Dovrà passarli il 35enne cittadino eritreo accusato di aver ucciso - il 3 luglio 2017 - la propria compagna di 24 anni gettandola dal balcone del loro appartamento di via San Gottardo 8 a Bellinzona.

La giudice dei provvedimenti coercitivi Claudia Solcà - come anticipato dal CdT - ha quindi accolto la richiesta formulata dal procuratore pubblico Moreno Capella, che per l'uomo ipotizza il reato di omicidio intenzionale. Ipotesi, questa, che il 35enne respinge con forza: secondo lui la donna avrebbe scavalcato il parapetto e si sarebbe gettata nel vuoto, senza che l'uomo potesse fare nulla per salvarla. Una versione che però non convince gli inquirenti.

 

9 mesi fa Eritrea caduta dal balcone, il compagno resta in carcere
1 anno fa «Stavamo litigando, ma non l'ho buttata dal balcone»
1 anno fa Caduta dal sesto piano: arrestato il convivente
1 anno fa Donna cade nel vuoto e muore
Potrebbe interessarti anche
Tags
eritreo
35enne
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-16 03:02:15 | 91.208.130.87