Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
3 ore
La foca in arancione per una buona causa
CANTONE
6 ore
De Rosa: «Inaccettabile un aumento delle casse malati»
CANTONE
6 ore
Sistemare via Chiesa in vista della cittadella della gioventù
BRIONE VERZASCA
7 ore
Suonano le sirene, ma è un falso allarme
LUGANO / ITALIA
7 ore
Una ditta luganese vuole assumere 400 persone a Napoli
MENDRISIO / CANTONE
9 ore
Tutti questi alberi verranno abbattuti?
AIROLO
9 ore
Cent'anni e non sentirli per Aldo Piccinonno
LOCARNO
9 ore
Cartelli illegali: «Il Municipio ha fatto una doppia figuraccia»
MENDRISIO
9 ore
Tre condanne e un arresto per i migranti passatori
CANTONE
10 ore
Abusi al Dss: la nomina fa discutere
LUGANO
11 ore
Campioni del mondo alla Lugano Bike Emotions
CANTONE
12 ore
Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione
CANTONE
13 ore
«Valera verde e senza chimica»
CONFINE / SVIZZERA
14 ore
Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet
CANTONE
15 ore
Aeroporto di Agno, continua l’emorragia di passeggeri
CANTONE
11.10.2017 - 07:540

Permessi falsi, chiusa l'inchiesta

Si profila il processo per le cinque persone coinvolte nel filone principale della vicenda

BELLINZONA - A otto mesi dalla vicenda dei permessi falsi, il filone principale dell'inchiesta è stato chiuso. Il procuratore pubblico Antonio Perugini - come riportato dalla RSI - ha prospettato il rinvio a giudizio per le cinque persone coinvolte nello scandalo che aveva travolto il Dipartimento delle Istituzioni l'8 febbraio scorso.

I cinque sono - ricordiamo - l'ex funzionario dell'Ufficio della migrazione, la sua compagna, il titolare della Aliu Big Team, suo fratello e il loro padre. Per loro - attualmente tutti a piede libero - si profila quindi il processo. Alla sbarra il 25enne titolare della ditta di Bellinzona dovrà rispondere (fra gli altri) dei reati di tratta di essere umani, corruzione attiva e falsità in certificati, per aver comprato e rivenduto agli operai sostituendone la foto originale vari permessi fasulli. L'ex impiegato dello Stato dovrà invece difendersi dalle accuse di corruzione passiva e falsità in certificati. Meno grave, per contro, la posizione della sua amica che è accusata di favoreggiamento. La donna - che ha ammesso i fatti - aveva in alcune circostanze fatto da "corriere" consegnando i permessi in una busta e ricevendo in cambio dei soldi. Il fratello del titolare è invece chiamato a rispondere di riciclaggio di denaro, mentre sono cadute le accuse più pesanti - quelle di tratta di esseri umani e corruzione.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 03:44:55 | 91.208.130.87