ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Contratti collettivi in regola, oppure «ci saranno conseguenze legali»
Christian Vitta pensa che «non ci sia una volontà di agire in maniera sistematica» non rispettando i salari minimi
CANTONE
1 ora
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
1 ora
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
3 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
FOTO
MASSAGNO
3 ore
Massagno dice sì al Consuntivo e investe
Durante la seduta di Legislativo sono stati approvati diversi messaggi.
LUGANO
5 ore
I cespugli hanno pulito l'aria
A Lugano è stato condotto uno studio pilota in Svizzera, sull'inquinamento filtrato dalle piante. I risultati
LOCARNO
5 ore
Telethon torna a volare a Magadino
La manifestazione a sostegno della ricerca sulla distrofia muscolare riprende dopo la pandemia
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
FOTO
BELLINZONA
6 ore
«Lo sfitto affossa il Progetto del nuovo quartiere delle Officine?»
Le difficoltà del mercato immobiliare parrebbero aver convinto le FFS a rinunciare alla costruzione degli appartamenti.
CANTONE
7 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
FOTO E VIDEO
CANTONE
8 ore
Chi cerca un aiuto, trova un centro. Benvenuti alla CECAL
È stata inaugurata oggi la Centrale Comune di Allarme che riunisce gli enti di primo intervento a livello cantonale.
CANTONE
9 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
CANTONE
03.09.2015 - 09:020
Aggiornamento : 20:09

La polizia avverte: "Fungiatt state attenti"

Al motto di "In montagna ben equipaggiati e in sicurezza", la Polizia Cantonale fornisce alcuni consigli per andare in montagna in sicurezza

BELLINZONA - Gli appassionati "fungiatt" guardano al cielo con speranza. Siamo alla fine dell'estate e sono in molti coloro che, scarponi,  bastone e cestello, si mettono in cammino alla ricerca di funghi.

In un comunicato stampa diramato giovedi mattina dalla polizia cantonale si invita escursionisti e cercatori di funghi di osservare alcune regole per evitare disgrazie. Al motto "In montagna ben equipaggiati e in sicurezza", la Polizia cantonale illustra alcuni consigli e accorgimenti per affrontare le giornate nei boschi e nelle vallate del Canton Ticino.


Essere in buona forma

Chi si avventura sulle impervie montagne del Canton Ticino deve essere consapevole che una cattiva forma favorisce gli infortuni oppure l’impossibilità per stanchezza di ritornare al punto di partenza. Si raccomanda inoltre di portare nel sacco delle bibite energetiche e del cibo, in grado di diminuire l’affaticamento. Il consumo di alcolici è vivamente sconsigliato.


Meteo favorevole

Prima di mettersi in cammino consultare le previsioni meteo della giornata e quelli della giornata precedente; il terreno umido o bagnato aumenta il rischio di scivolare.


Equipaggiamento adatto

L’equipaggiamento adatto è di fondamentale importanza per avventurarsi in montagna e nei boschi. Di preferenza indossare pantaloni lunghi e portare nel sacco indumenti di ricambio e caldi. Una coperta termica è molto utile. Per facilitare le operazioni di ricerca/soccorso nella vegetazione in caso di infortunio la Polizia invita vestirsi con indumenti colorati. Gli scarponi da montagna sono da ritenersi imprescindibili così come un bastone ed eventualmente una piccola piccozza per aiutarsi nei pendii ripidi. Anche uno spezzone di corda di almeno 10-20 metri può aiutare la progressione in luoghi pericolosi. Evitare i cestini e propendere per sacchi o sacche a tracolla che lasciano le mani libere.


Itinerario

Prima di partire dal domicilio, scegliere l’itinerario e darne comunicazione a parenti o amici, cercando di non modificarlo, specialmente il punto di partenza/arrivo e gli orari.

Mezzi per l’orientamento come la cartina, bussola, altimetro, navigatore satellitare sono importanti, specialmente per zone sconosciute, e per fornire le coordinate esatte del luogo agli enti di soccorso. Portare il cellulare ricordandosi che non tutte le zone sono coperte dalla telefonia mobile.


In caso di infortunio

In caso di infortunio se possibile contattare il 112 o il 117 specificando generalità, il numero del cellulare con cui si sta chiamando, la zona in cui ci si trova o meglio le coordinate con tutti i riferimenti possibili, la dinamica ed infine lasciare libero il telefono.

 

Enti di soccorso e assicurazioni

Gli interventi di ricerca in caso di persone disperse, ferite o in difficoltà sono di competenza cantonale.

L’incarico di svolgere voli di ricerca è dato dalla Polizia cantonale e dal Soccorso Alpino Svizzero (SAS), di principio alla Rega o ad altri partner.

I costi d’intervento in caso di infortunio, se la persona gode di copertura assicurativa, vengono fatturati alle assicurazioni infortunio o malattia.

Nel caso in cui la persona che viene soccorsa è illesa, se i costi non possono essere addebitati a un ente finanziatore e la persona non è socio REGA (che altrimenti garantirebbe la copertura del pagamento di una loro azione), l’intervento viene fatturato alla persona ricercata. Si raccomanda pertanto di verificare, prima di ogni escursione, le proprie coperture assicurative o l’affiliazione ad un ente di soccorso svizzero. A titolo d’esempio, un giorno di ricerche che coinvolge diversi partner comporta costi quantificabili in alcune decine di migliaia di franchi.

I cittadini stranieri residenti all’estero, hanno la possibilità di divenire sostenitori della REGA. In questo caso, durante i soggiorni in Svizzera avranno diritto ai vantaggi dei sostenitori per salvataggi aerei in Svizzera (fanno testo i confini statali). Per contro, i vantaggi dei sostenitori per rimpatri dall'estero in Svizzera valgono unicamente per i sostenitori con domicilio in Svizzera (indipendentemente dalla loro nazionalità) come pure per gli svizzeri all'estero. I rimpatri all'estero sono possibili ma a spese di chi li richiede.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 20:21:19 | 91.208.130.85