Immobili
Veicoli
Celebra l'amore, ma non piace a tutti

CANTONECelebra l'amore, ma non piace a tutti

14.02.22 - 16:47
Un giro tra le vie di Lugano per scoprire come oggi viene vista la festa degli innamorati.
Tio/20Minuti/Davide Giordano
Celebra l'amore, ma non piace a tutti
Un giro tra le vie di Lugano per scoprire come oggi viene vista la festa degli innamorati.
Qualche festeggiante felice, ma tanti gli scettici. E non sono mancati coloro che hanno deciso di celebrare secondo una chiave di lettura tutta personale

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - Celebra l'amore, ma non piace a tutti. Nel giorno degli innamorati siamo andati a fare un giro nel centro di Lugano per tastare il polso di mariti, mogli, fidanzati o single. Il quadro che ne è emerso non è forse quello che ci si aspettava.

Tra chi aveva con sé il dono per la propria metà, e chi spera che la freccia venga scoccata per il prossimo anno, non sono mancati gli scettici e coloro che trovano la festa «una perdita di tempo», se non addirittura «una grandissima...» (lasciamo spazio alla fantasia). 

A sorpresa, c'è pure chi l'amore lo festeggia con i propri cari. Insomma, libero spazio all'interpretazione. E, ovviamente, all'amore. 

Forse non tutti sanno che...

Le origini della festa degli innamorati (che prende il nome dal santo cristiano Valentino di Terni e nasce nel 496 a.c. per volontà di papa Gelasio I), ha in realtà radici pagane.

Si tratta originariamente di una festa romana chiamata dei "Lupercalia" e che si teneva durante i giorni (considerati nefasti) di febbraio. In realtà con l'amore aveva ben poco a che vedere. La sua radice è infatti più arcaica e legata al ciclo di morte e rinascita della natura, alla sovversione delle regole e alla distruzione dell'ordine per permettere al mondo e alla società di purificarsi e rinascere.

Alcuni dei rituali con cui veniva festeggiata (maschere, cortei e giorni in cui i servi prendevano il posto dei padroni e viceversa) sono sopravvissuti fino a oggi nelle tradizioni del Carnevale.

Sembra dunque che sia stato papa Gelasio I a convertire la ricorrenza in una festività dedicata all'amore, ovviamente romantico e legato ai concetti di fertilità cari al cattolicesimo.

 

COMMENTI
 
ceresade36@gmail.com 7 mesi fa su tio
È la festa più stupida dopo il natale 🤢🤮💩👎
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO