FotoTi/20Minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
CANTONE
10 ore
Premiati i migliori apprendisti macellai/salumieri degli ultimi tre anni
La cerimonia si è tenuta dopo il rinvio forzato degli incontri che dovevano aver luogo nel 2019 e nel 2020.
CANTONE
11 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
11 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
NOVAGGIO
11 ore
Novaggio ha un nuovo municipale
Peter Schiesser (per il gruppo PLR Novaggio – Lista Giovani) subentra a Piergiorgio Morandi.
LUGANO
12 ore
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
SVIZZERA
13 ore
Difficile conciliare lavoro e famiglia (soprattutto in Ticino)
I risultati del Barometro nazionale sull'uguaglianza 2021. Rispetto a tre anni fa, la situazione è più critica
CANTONE
15 ore
«La Rsi è alla deriva?»
Informazione indebolita: l'Associazione per la difesa del servizio pubblico protesta
CANTONE
16 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
FOTO
MASSAGNO
17 ore
Massagno festeggia i diciottenni con Leo Leoni
L'incontro si è tenuto lo scorso weekend al LUX.
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Un milione di franchi per i lettori: obiettivo raggiunto
La campagna di crowdfunding è stata un grande successo, secondo le associazioni di categoria coinvolte.
CANTONE
17 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
17 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
18 ore
Discariche, inerti e svago di prossimità: le proposte del Cantone
Il prossimo 6 dicembre scatta la consultazione per alcune modifiche al piano direttore cantonale
MASSAGNO
18 ore
Aldi inaugura una filiale a Massagno
Il negozio apre i battenti giovedì 2 dicembre 2021 in via Val Gersa
MENDRISIO
18 ore
In vista del Natale, dieci giorni di autosili gratuiti
La città di Mendrisio ha annunciato le date in cui si potrà parcheggiare gratuitamente, per favorire i commerci
LOCARNO
19 ore
«Illuminiamo le finestre per Natale»
L'associazione Pro Città Vecchia di Locarno lancia anche quest'anno l'iniziativa per il periodo festivo
CANTONE / GRIGIONI
19 ore
Tre aspiranti di polizia da Poschiavo e Mesolcina
Il prossimo 1. marzo inizieranno la formazione a Giubiasco
CANTONE
21 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
Mendrisio
1 gior
Mendrisiotto contro Ustra, anche il Plr si schiera
Il partito dice no alla corsia per la sosta dei camion lungo l'autostrada A2. «I camion vanno dosati prima»
CANTONE
07.09.2021 - 06:020
Aggiornamento : 08:36

«Se lo dice Marco Chiesa mi compro i Bitcoin»

Il presidente dell'UDC viene reclutato - a sua insaputa - come testimonial di un trading truffaldino di criptovalute

Era successo anche a Roger Federer. «Alla base di questa truffa c'è il furto d'identità» spiega l'esperto Alessandro Trivilini. Il consiglio alle vittime è di fare denuncia, ma anche chiedere a Facebook chi si nasconde dietro l'account fraudolento. Chiesa: «La denuncia si impone».

LUGANO - Testimonial, suo malgrado, di una truffa online. Dopo Roger Federer, anche Marco Chiesa finisce tra i reclutati - a loro insaputa - di un raggiro che su Facebook pubblicizza un programma di trading automatico per l’acquisto di criptovalute. 

«L’ultimo investimento di Marco Chiesa ha lasciato gli esperti a bocca aperta e spaventato le banche». Titola la schermata che si apre sotto la testata del "Corriere del Ticino". Il presidente e consigliere nazionale ticinese, prosegue il presunto articolo, «si è fatto un nome grazie alla sua capacità di parlare senza peli sulla lingua e non ha paura di svelare come guadagna i soldi».

Salvo un piccolo dettaglio, cioè che non è vero niente, Chiesa non si è lasciato scappare il suggerimento finanziario durante un’intervista rilasciata a «il Faro del TG, condotto da Angelo D’Andrea» (un programma peraltro inesistente). E non è successo nemmeno che, poco dopo la messa in onda, sia intervenuta la banca BNP Paribas per bloccare la divulgazione della dritta che, millanta il testo dell’articolo, «può far diventare milionario chiunque, nel giro di 3-4 mesi. Chiesa ha consigliato a tutti gli svizzeri di approfittare di questa incredibile opportunità, prima che le grandi banche la blocchino per sempre».

Sembra una fregnaccia per polli (e pure lo è). L’aspetto tuttavia inquietante, e pericoloso, sta nella verosimiglianza della cornice mediatica in cui le presunte parole, ma le vere fotografie!, del politico democentrista vengono presentate. «È un fenomeno nuovo per dimensioni, ma vecchio nella sostanza. Alla base di questa truffa c’è il furto d’identità» spiega il professor Alessandro Trivilini, membro del gruppo cantonale Cyber Sicuro.

L’aspetto positivo è che in Svizzera, contrariamente ad altri Paesi, vi sono tre reati perseguibili che possono scaturire dal furto d’identità. La vittima, il Chiesa o il Federer di turno, dispone cioè degli strumenti legali per difendersi. «Ma non è una questione di popolarità - rimarca Trivilini -. Anche perché sui social media il concetto della fama è relativo e chi ha cinquemila amici, poniamo, nella "Comunità dei fichi secchi", se riesce a convincerne mille ad acquistare criptovalute, può risultare più persuasivo della celebrità straseguita».

Lo scopo del furto d’identità, continua l’esperto, «consiste nello sfruttare l’immagine di una persona per indurne altre a intraprendere un’azione. Nel caso specifico questo agire è rivolto agli investimenti nelle criptovalute». Anche la cornice giornalistica simulata ha un suo perché: «Le criptovalute sono un tema all’ordine della cronaca giornaliera con il Bitcoin che continua a salire e a far discutere. Le persone meno preparate ed emotivamente più fragili o credulone, se vedono l’immagine di una persona che stimano e conoscono, possono cascarci». È il “trigger” che li porta a fare clic.

Questo alla voce avicola dello spiumato. Poi c’è l'altra vittima, Marco Chiesa in questo caso, che si vede reclutato come “testimonial” della truffa. «Essa - sottolinea Trivilini - può ritrovarsi senza colpa in situazioni delicate. Ad esempio, le persone raggirate dall’acquisto di criptovalute potrebbero essere portate a dire pubblicamente, o addirittura in sede di denuncia in caso d'investimenti ingannevoli stimolati e promossi con questi messaggi, di aver fatto l’investimento perché il politico ticinese lo consigliava sui social».

Per fortuna dal profilo legale chi viene trascinato in questo gioco sporco dispone, in Svizzera, di tutele scolpite nel Codice penale. Sentiamo ancora l’esperto: «Dicevo prima dei tre reati riconducibili in termini di conseguenze al furto d’identità: innanzitutto i reati contro l’onore (quindi la diffamazione e la calunnia, art. 176 CP); poi c’è la diffamazione data dal fatto che viene suggerita una condotta disonorevole o fatti che nuocciono alla reputazione della persona coinvolta (art. 173 CP); infine, la calunnia, in forma qualificata, lesiva della reputazione di una persona (art. 174 CP)».

L’aspetto da non sottovalutare è che i danni, «che possono nascere dalla persuasione del messaggio non sono solo economici, ma anche reputazionali, personali e famigliari. Per cui formulando una denuncia, le autorità giudiziarie e di polizia hanno gli strumenti per procedere». Il danneggiato, nel concreto, spiega il professore della Supsi, «può chiedere alla Polizia di segnalare a Facebook (che su questo aspetto è molto sensibile) che è stato commesso un furto d’identità allo scopo di diffondere contenuti ingannevoli e non veritieri (fake news) molto delicati in grado di causare danni economici, anche irreversibili, a persone ingenue. Al tempo stesso la vittima del furto d’identità può chiedere a Facebook chi si nasconde dietro l’account fraudolento, essendo questi messaggi sponsorizzati. Facebook guadagna da queste campagne social, per cui non può sottrarsi alle responsabilità di segnalare alle autorità competenti, laddove vi fosse una denuncia, l’identità dei truffatori, a volte la territorialità trova riscontri inaspettati».

Infine, su un piano di gravità inferiore ma non innocente, questo tipo di furto d’identità sfrutta anche l’abuso dei loghi delle testate giornalistiche. È la cornice “credibile” in cui la truffa si concretizza e da cui trae credibilità e fiducia. «Si tratta del cosiddetto Pharming, ossia la tecnica d'inganno cognitivo usata per riprodurre, ad esempio con tutti i loghi e testi e i riferimenti nominali ufficiali, l’identità del sito istituzionale di una banca o della Posta, così da avvalorarne l’autenticità». Ecco perché per spezzare la scatola cinese dell’inganno incrociato è decisivo denunciare. Così da rimettere Chiesa al centro del villaggio reale dove i milioni non piovono quasi mai dal cielo.

La reazione di Marco Chiesa: «La denuncia si impone»
Chiamalo l’effetto popolarità. Ma essere in compagnia del tenni-star Roger Federer, tra gli svizzeri più noti cui hanno rubato l’identità per promuovere il raggiro non è di consolazione. Non scherza su quanto accaduto il presidente dell’Udc: «In effetti a seguito delle segnalazioni che mi sono pervenute - dichiara a Tio/20Minuti il consigliere agli Stati, Marco Chiesa - mi è sembrato corretto smentire immediatamente via social ciò che sta circolando e avvisare la nostra polizia che ha un gruppo di specialisti appositamente formati. Siamo in presenza di una truffa e mi auguro che nessuno abbia potuto credere a queste fake news». Il politico ticinese rileva un dettaglio inquietante: «Ciò che mi ha però seriamente preoccupato è sapere che una persona di mia conoscenza ha ricevuto una telefonata da parte di un operatore di una sedicente piattaforma online che si riferiva proprio a questo annuncio e alla mia persona. Questo è veramente preoccupante perché dalla rete impersonale e generica si passa al contatto diretto con la persona che si intende truffare. In questo caso si impone passare a una denuncia formale».

Screenshot FB
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 03:59:07 | 91.208.130.85