Agroscope - Mauro Jermini
ULTIME NOTIZIE Ticino
AVEGNO-GORDEVIO
2 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
2 ore
Fiamme da una canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è parzialmente propagato al tetto.
RIVA SAN VITALE
2 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
15 ore
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
17 ore
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
19 ore
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
19 ore
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
19 ore
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
AIROLO
19 ore
Camion in avaria, chiuso il Gottardo
Code segnalate a entrambi i portali
LUGANO
20 ore
Mascherina di nuovo obbligatoria ai concerti dell’OSI
La misura viene reintrodotta da subito per aiutare a contenere la nuova ondata della pandemia.
FOTO
BIOGGIO
20 ore
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
CANTONE / CONFINE
21 ore
«Rafforziamo la collaborazione»
Si è tenuta oggi a Chiavenna la 52esima Conferenza dei capi di Governo di Arge Alp
CANTONE
17.06.2021 - 11:380
Aggiornamento : 18.06.2021 - 09:57

Dal Ticino parte la lotta al «ricercato speciale»

Agroscope ha lanciato uno strumento innovativo per monitorare la diffusione del coleottero giapponese.

Questo parassita, presente dal 2017 anche nel nostro cantone, provoca danni ingenti alla vite, alla frutta e alle bacche, colpendo anche diverse specie legnose. Gli esperti: «Va eradicato precocemente, una volta stabilitosi è praticamente impossibile».

CADENAZZO - È il ricercato numero uno da Agroscope. Stiamo parlando del (dannosissimo) coleottero giapponese, un parassita da alcuni anni presente anche in Ticino, che provoca danni ingenti alla vite, agli alberi da frutta e alle bacche.

Per tentare di bloccarne la diffusione, Agroscope ha recentemente lanciato uno strumento innovativo per monitorare i movimenti del parassita. Un progetto che conta sul sostegno della popolazione ticinese. «I ticinesi potranno utilizzarlo per segnalare i coleotteri giapponesi avvistati, contribuendo così a sorvegliarne attivamente la diffusione e a contenerli».

Un’applicazione di facile utilizzo - Per avere un'arma in più contro il dannoso parassita, Agroscope ha commissionato alla società svizzera In-Finitude SA lo sviluppo della cartina interattiva Pollenn. «Questo strumento - spiegano gli esperti di Agroscope - permetterà alla popolazione ticinese di segnalare facilmente le proprie osservazioni sul campo, contribuendo così a monitorare la diffusione del coleottero». 

Riconoscimento precoce - Per combattere efficacemente il parassita, è però fondamentale riconoscerlo precocemente. Una volta stabilitosi, infatti, diventa difficile eradicarlo. «La lotta contro gli esemplari adulti, che causano i danni maggiori, è pressoché impossibile», sottolineano da Agroscope. Ma l'osservazione e la segnalazione restano comunque fondamentali. «Ci permetteranno di risalire questo autunno ai luoghi di deposizione delle uova nel terreno, per combattere le larve con metodi di lotta biologica».

Ma come lo riconosciamo? - Il compito che spetta ai ticinesi è chiaro. Ma la domanda è come fare a riconoscere il "ricercato speciale". Ce lo spiegano ancora gli esperti di Agroscope che fanno un identikit accurato del parassita. Il coleottero giapponese è lungo dagli otto ai dodici millimetri e assomiglia al maggiolino degli orti, ma presenta tre caratteristiche distintive. «Ha un vistoso pronoto di colore verde-oro scintillante, cinque ciuffi di peli bianchi su ciascun lato dell’addome e altri due ciuffi sull’ultimo segmento addominale», precisano. «Nel mese di giugno, gli adulti iniziano a volare, ad accoppiarsi e a nutrirsi. Il periodo di volo principale dura da giugno a settembre, con un picco in luglio. Ecco perché è più facile notarli in questo periodo».

Dove posso avvistarli? Ora che sappiamo cosa cercare, non ci resta che sapere dove cercare. «In Ticino i danni riguardano soprattutto la vite», sottolineano gli esperti. Ma in Svizzera è un'altra storia. «Possono attaccare la frutta a bacche - fragole, more, lamponi, mirtilli -, frutta a nocciolo, meli, mais e soia. Colpiscono anche specie legnose, come per esempio l’acero, la betulla, il faggio, la quercia, il tiglio, il pioppo e il salice».

I neobiota prendono piede in Svizzera - Il termine «neobiota» si riferisce agli organismi esotici introdotti nelle regioni europee nelle quali non erano precedentemente indigeni. La loro introduzione può essere volontaria, accidentale o favorita da condizioni di vita più idonee al neobiota a causa dei cambiamenti climatici. Siccome spesso provengono da Sud, il Ticino risulta particolarmente colpito dai neobiota. Sono considerati «invasivi» quando la loro capacità di diffusione può causare danni ecologici, sociali o economici.

Il numero di neobiota in Svizzera è in continuo aumento, in particolare a causa della globalizzazione del commercio e dei cambiamenti climatici. Visti i notevoli danni che possono causare alle colture, è fondamentale una lotta coordinata e mirata sul territorio nazionale. È questo uno dei compiti della stazione sperimentale di Agroscope e dei suoi partner a Cadenazzo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
gmogi 5 mesi fa su tio
Cioè colpiscono praticamente tutto tranne i cactus
Don Quijote 5 mesi fa su tio
Ho le foto di questo coleottero scattate a Giubiasco il 13 giugno 2011.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 12:30:37 | 91.208.130.87