Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
54 min
Non paga la multa e decide di andare in prigione
La storia di un 84enne del Bellinzonese pizzicato dal radar: «Era in un luogo subdolo. Questione di principio».
CLARO
1 ora
Brutta caduta per il centauro
Incidente stradale questa notte a Claro
CANTONE
2 ore
Reinventare il lavoro in tempi di pandemia: nasce Ti-Presento
L'idea è di Bashkim Sejdiu che grazie ai social «mette in contatto la domanda con l'offerta» e fa scoprire nuovi servizi
CANTONE
2 ore
Sono loro la speranza di un polmone verde in Ticino
Gruppo Verde Speranza riunisce volontari che hanno deciso smettere d'ignorare il problema della sporcizia nell’ambiente
FOTO
VAL VERZASCA
9 ore
Brucia il bosco, sopra la diga della Verzasca
Un rogo nella selva è stato domato oggi, poco dopo mezzogiorno, dai pompieri
FOTO E VIDEO
LUGANO
10 ore
Due corpi senza vita in una casa a Breganzona
La coppia di anziani è stata trovata oggi nella loro abitazione, la polizia per ora esclude il dolo
FOTO
BELLINZONA
10 ore
Uno striscione sul castello: «Non siamo nel medioevo»
L'azione (non autorizzata) sulle mura di Castelgrande. Nella giornata della donna i giovani socialisti alzano i toni
FOTO E VIDEO
LUGANO
12 ore
La polizia: «Fermati e controllati tutti i manifestanti»
Il corteo non autorizzato è andato in scena oggi dopo le 18 alla stazione di Lugano. Sul posto decine di agenti
FOTO
CANTONE
12 ore
Volano gli stracci contro il progetto AVS 21
In occasione della festa della donna, il collettivo “Io l'8 ogni giorno” è sceso in piazza a Bellinzona
CANTONE
28.10.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08:54

I postriboli: «Il Governo distorce il mercato»

Inoltrato al Tribunale un ricorso contro la decisione del Governo, definita una «deliberata distorsione del mercato»

I postriboli, chiusi come misura anti-Covid, evidenziano le «contraddittorietà» di uno stop che avvantaggia e trasferisce la prostituzione in luoghi meno controllati come gli appartamenti

BELLINZONA - I locali erotici ticinesi «non minimizzano l’epidemia, ma non intendono diventare un gratuito capro espiatorio». È un passaggio del ricorso al Tribunale cantonale amministrativo con cui otto postriboli (tra cui l’Oceano di Pazzallo e il Maxim di Chiasso) chiedono di annullare l’ordine di chiusura ribadito dal Consiglio di Stato nella risoluzione del 26 ottobre scorso. La richiesta, inoltrata ieri, è di ripristinare l’attività dei locali erotici, almeno fino all’una di notte o in ogni caso fino al medesimo orario che sarà stabilito per gli esercizi pubblici ordinari.

La disparità di trattamento - Il ricorso, messo a punto dall’avvocato Marco Garbani, evidenzia quelli che sono - a dire dei ricorrenti - gli aspetti contraddittori e critici della decisione governativa. Spicca, tra gli argomenti, la disparità di trattamento a vantaggio della prostituzione negli appartamenti tuttora consentita. Anzi favorita dall’assenza di concorrenza. Per i ricorrenti si tratta di una «deliberata distorsione del mercato»: «Il Governo dovrebbe spiegare perché lo stesso atto sessuale può essere consumato in un appartamento a luci rosse, in una camera d’albergo, ma non in un locale erotico dove vige un piano di protezione specifico». Dalla deliberata omissione degli appartamenti «ne consegue che non è l’atto sessuale ad essere considerato dal Governo attività di contagio». 

Un bar è un bar - Una contraddittorietà, quella che sembra favorire la prostituzione negli appartamenti, che diventa incoerenza - sempre secondo i ricorrenti - per rapporto agli altri esercizi pubblici che restano aperti come luoghi di incontri di ogni genere. «Il Governo - scrive l’avvocato Garbani - dovrebbe spiegare perché le ricorrenti non possono mantenere aperto l’esercizio come bar ordinario. Il personale va comunque pagato, al pari della locazione».

Altri aspetti contestati - I ricorrenti lo contestano, ma «se fosse l’adescamento ad essere contagioso, allora il Governo avrebbe dovuto proibire tale attività “preparatoria”, lasciando aperto il locale». Viceversa, argomenta il ricorso, «se fosse il rapporto sessuale ad essere contagioso l’autorità avrebbe dovuto proibire l’intero mercato della prostituzione e non limitarlo a quello dei locali erotici (in cui vige un piano di protezione)». Non risulta inoltre, secondo i ricorrenti, che il Governo abbia fatto eseguire un’indagine epidemiologica sui locali erotici.

Licenza con revoca sprint - L’incoerenza, si legge ancora nel ricorso, «regna ovunque sovrana anche per la sicurezza delle prostitute che, con la chiusura del locale erotico, vengono sospinte dal Governo ad operare altrove». Infine nel testo inoltrato al Tram, si evidenzia come la «revoca sa di beffa» per tre degli otto locali che avevano ottenuto di recente l'autorizzazione dal Cantone, uno addirittura - il Calipso-2 a Monteggio - lo scorso 7 ottobre, quando la questione Covid era già ampiamente nota.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 08:11:39 | 91.208.130.89