tipress
LUGANO
16.09.2020 - 08:000

L'idea anti-Covid nata in un ristorante di Lugano

È una app, si chiama Gourmeet e promette bene. In vista della seconda ondata...

LUGANO - Il tracciamento dei positivi al Covid è un incubo per gli esercizi pubblici. Ne sanno qualcosa alla discoteca Woodstock di Bellinzona, o al Montezuma di Novazzano, dove recenti focolai hanno creato non pochi problemi. Una startup di Lugano ha lanciato nei giorni scorsi una app che potrebbe facilitare le cose.

«L'idea è nata dalle difficoltà riscontrate in particolare nel settore della ristorazione e dei bar» raccontano gli ideatori Marco Russo, Fabiana Cortesi e Luca Santaniello. È proprio nel ristorante di quest'ultimo – designer oltre che ristoratore – che è stato concepito il progetto. «Abbiamo pensato di dare una mano, anche in vista di una possibile seconda ondata». È nata così Gourmeet, una app messa già a disposizione della clientela in alcuni locali del Luganese.

«I clienti la scaricano e vengono associati a un codice, trasferito direttamente alla banca dati del ristoratore. In questo modo salvaguardiamo la privacy» spiega Russo. La soluzione è l'unica "made in Ticino" disponibile al momento, e sta incontrando reazioni positive. «C'è molto interessamento, anche se registrare i clienti non è più obbligatorio. Ma in futuro almeno saremo meno impreparati».

In Ticino al momento sono 73 le persone sottoposte a quarantena obbligatoria a seguito del contact-tracing. Inoltre, diciannove persone sono state poste in isolamento settimana scorsa. A queste si aggiungono 345 persone in quarantena perché rientrate di recente da paesi "a rischio". 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-23 02:53:06 | 91.208.130.87