Tipress
Da sinistra i giornalisti Roberto Cattaneo, Massimiliano Herber e Reto Ceschi
ULTIME NOTIZIE Ticino
CURIO
13 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
13 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
13 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
15 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
GIORNICO
16 ore
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
16 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
18 ore
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
18 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
CANTONE
19 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
19 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
21 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
1 gior
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
LUGANO
1 gior
PharmaDay, 5'500 franchi per l'ASI
Le quote di iscrizione del congresso medico-farmaceutico sono state devolute all'associazione Autismo Svizzera italiana.
FOTO
CANTONE
1 gior
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
1 gior
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
CANTONE
1 gior
A2, lavori fino alle 10 per le prossime due domeniche
Le attività interessano il tratto compreso tra Melide e Gentilino
MAROGGIA
1 gior
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
1 gior
Quei nomi che mettono “a rischio” la reputazione della Supsi
Vanno e vengono tra la Supsi e la tanto discussa Fidinam coinvolta nei Pandora Papers
COMANO
01.09.2020 - 10:200

Poche donne in Tv, la RSI corre ai ripari 

L’analisi: troppi gli uomini, scarseggiano le donne in TV. Ecco le 4 soluzioni RSI per aumentare la diversità di genere

COMANO - La scorsa settimana lo aveva detto l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM): le donne sulla RSI intervengono in maniera decisamente minore nei contributi giornalistici. Oggi lo ribadiscono anche i risultati del secondo monitoraggio dedicato alla rappresentanza di genere nell’offerta di programma RSI, curato dalla SUPSI e coordinato da Amalia Mirante. Il monitoraggio ha preso in considerazione 120 programmi Radio e TV, per un totale di 3'916 puntate diffuse tra ottobre e dicembre 2019.

Ebbene, dai risultati emerge che le conduzioni femminili sono state 1'710 (35.3%), dunque nettamente minori rispetto a quelle maschili 3'128 (64.7%). Anche nei talk show le ospiti sono state in numero più basso rispetto agli ospiti: 36.6% le prime, 63.4% i secondi. In particolari, in tv, rispetto ai risultati del 2017, si registra una lieve diminuzione delle conduzioni femminili, al 40,3% (- 3.7%). 

Va un po’ meglio in radio: le conduzioni al femminile sono il 33.6%, in lieve flessione (0.8 punti) rispetto al 2017. C’è stato però un leggero aumento della presenza di donne in trasmissione: dal 34.7% del 2017 al 37.1% del 2019 (+ 2.6%).

Il direttore Maurizio Canetta è consapevole del problema. «C’è ancora molto da fare per una più equilibrata rappresentanza di genere» ha dichiarato, tanto che la Direzione RSI ha deciso di introdurre quattro misure:

Inclusione della promozione della diversità, non solo di genere, tra gli obiettivi di tutto il personale responsabile delle redazioni. 
Coinvolgimento ancora più attivo delle istituzioni e delle associazioni professionali e di categoria della Svizzera italiana per ampliare il ventaglio di interlocutrici ed esperte. 
Introduzione di un monitoraggio mensile dei dati che verrà messo a disposizione delle e dei responsabili di tutte le redazioni. 
Rafforzamento dell’offerta formativa nel campo della comunicazione che già da vari anni RSI propone nell’ambito del progetto Donne e Media.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Cleofe 1 anno fa su tio
a tal proposito...quando se ne va il Canetta ?
Boh! 1 anno fa su tio
Che noia con ‘sta storia. Nel mio lavoro i candidati sono prevalentemente donne e di conseguenza lo sono anche le assunzioni...
Tato50 1 anno fa su tio
Quelle "poche" che ci sono e presentato il TG le alleniamo a dire una frase con la medesima tonalità fino alla fine o è troppo faticoso?
Nicklugano 1 anno fa su tio
Già la didascalia della foto è sbagliata: da sinistra i giornalisti... meglio i giornalisti di sinistra....
seo56 1 anno fa su tio
Tranquilli che via Canetta il prossimo direttore (direttrice) sarà donna, rigorosamente di sinistra, per la buona pace delle femministe.
volabas 1 anno fa su tio
Chissa' che sgomitate per assegnare i posti mancanti alle donzelle, la spuntera' chi ha più veleno; risaputo che in quel terrario le vipere non mancano.
pirlo 1 anno fa su tio
E quindi? Tu cosa sei, un destroide?
Gus 1 anno fa su tio
Già ora assumono donne con doppio stipendio (ovviamente di sinistra) e non assumono chi è al primo stipendio e deve mantenere se stesso e i propri familiari?
marco17 1 anno fa su tio
@Gus E tu che cosa assumi prima di scrivere certe baggianate?
Qwerty 1 anno fa su tio
@Gus Esatto ... purtroppo è la triste realtà di rSi
Tato50 1 anno fa su tio
@marco17 La stessa che assumi tu quando leggi i Post
Güglielmo 1 anno fa su tio
Amalia Mirante è mica una sinistroide?
fromrussiawith<3 1 anno fa su tio
davvero non cambierà nulla, la RSI si professa imparziale, eppure per oltre il 90% le sources dalla quale attinge le news sono CNN, NYT, Guardian, BBC, WashPo noti per essere di sinistra. NYT è stato spinto più volte a cambiare il titolo da gruppi di sinistra, CNN e washpo hanno dovuto risarcire il ragazzo con il MAGA hat per centinaia di milioni di dollari per diffamazione, pro antifa, pro BLM, e putroppo pro violenza; difatti all'inizio questi media hanno incoraggiato il BLM e sostenuto i riots... basta leggere le dimissioni (resignation letter) di una "pentita" Beri Weiss dal NYT per capire cosa si nasconde dietro questi media "twitter is its ultimate editor", pure in parte sponsorizzati dalla Cina... alla fine grazie ai progressisti si accentuano ancor di più le differenze razziali e di genere. una donna, un transessuale, un nero, un bianco non cambieranno la RSI se non cambia la cultura, e alla fine ci si chiede perché siamo obbligati a pagare un media che pare come unico scopo abbia la propaganda politica di sinistra
marco17 1 anno fa su tio
@fromrussiawith<3 Sì e la Terra rotonda e le piogge torrenziali della settimana scorsa sono un complotto della sinistra NYT, BLM, Cina ecc.
fromrussiawith<3 1 anno fa su tio
@marco17 non sarà mica piatta la terra, o sì? La cosa che davvero mi preoccupa è che siamo ben più legati al genere alla razza (e in termini di diversità razziale la RSI non eccelle per niente) di un giornalista che alla qualità che offre. Se si impiegano donne solo perché donne, e non perché sono esseri umani che migliorano la qualità allora stiamo andando in dietro, verso la decadenza, e l'inefficienza. Invece si dovrebbe puntare sulla formazione, sulla qualità, ciò che non si vede alla RSI. L'educazione, la politicizzazione della stessa è il vero problema. TIO è di sinistra, e va bene, è una loro scelta, e sono per ora gratuiti. Ma la RSI, nella loro "mission" hanno ribadito l'imparzialità, che può essere testata investigando le sources, gli argomenti, e ciò che un servizio include ed esclude. E a mio avviso non è per niente imparziale. E per una persona apolitica, il fatto di essere obbligato a pagare un servizio con tendenza politica è antidemocratico e contro i diritti del individuo. La cultura è il problema della RSI
marco17 1 anno fa su tio
Tanto il prossimo direttore generale della RSI sarà una donna. Bastava leggere il bando di concorso, nel quale non si chiedeva che la persona sia di lingua italiana, per capire che sembra fatto su misura per una certa Cathy Flaviano, paracadutata alla RSI poco più di un anno fa.
Qwerty 1 anno fa su tio
@marco17 Esatto ... oppure l'ex direttrice del defunto GdP, sono aperte le scommesse ...
Qwerty 1 anno fa su tio
Si stanno perdendo nel nulla, sono i contenuti che contano ... Personalmente punterei sulla qualità delle persone indistintamente dal genere.
Gio 1 anno fa su tio
Cifre farlocche per un problema farlocco. Che noia con questi discorsi di uomini e donne, parità e sesso !!!!! Se una persona è brava, è brava indipendentemente dal sesso.
marco17 1 anno fa su tio
@Gio Sembra evidente a tutti, tranne a certe femministe talebane e incavolate.
seo56 1 anno fa su tio
@Gio Concordo!
marco17 1 anno fa su tio
Qualcuno deve avere seri problemi con cifre e percentuali: non si capisce come in radio con il 33.6% di conduzioni al femminile la situazione sia migliore che in tv con il 40.3% di conduzioni al femminile.
occhiaperti 1 anno fa su tio
Bisogna anche tenere conto e favorire i Transgender altrettanto se no la diversità non è garantita.
Güglielmo 1 anno fa su tio
@occhiaperti non dimenticare i nani, gli gnomi e gli elfi...
occhiaperti 1 anno fa su tio
@Güglielmo jüscht! :-)))))
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 10:06:52 | 91.208.130.86